Vittime del Bataclan decapitate. E la Chiesa – romana – poi chiede scusa per il presepe

di STEFANIA PIAZZO –  Il fatto si commenta da sè. Due quotidiani svizzeri e uno francese hanno dato notizia che alcune delle vittime del Bataclan sarebbero state trovate decapitate, ma che la polizia francese avrebbe tenuto nascosto il fatto. E la stampa italiana? E la scuola italiana? E alcuni vescovi italiani? E i provveditori?

I politici ci sguazzano. Avanti così fin dopo Natale poi ci saranno altre cose sulle quali buttarsi. Ma il problema resta.bataclan

Detto questo, tutto è secondo una logica: cancellare i fatti. Rimuoverli. E nell’operazione di silenzio, rimuovere noi stessi con la nostra storia.

Che un vescovo inviti a fare un passo indietro per la pace, rendendo una variabile possibile il presepe di San Francesco, luogo di povertà, la dice lunga. D’altra parte, questa Chiesa – romana – ci sta insegnando che la povertà è quella degli altri, non la propria.

Visitare la Porziuncola sotto Assisi, per vedere come Francesco viveva. forse insegna ancora qualcosa. Se il giaciglio non è sasso e fieno ma la coscienza ben al caldo del politicamente corretto, che senso ha dirsi cristiani?

bataclan2

Facciamoci tagliare la testa e che non se ne parli più.

 

Print Friendly

Articoli Recenti

4 Commenti

  1. caterinac says:

    Noi occidentali ciechi ci stiamo incartando nel nostro revisionismo ateo massonico che contagia e piega le ginocchia anche alla chiesa… mi risulta che Cristo, fondamento delle nostre religioni occidentali, non abbia ucciso nessuno, piuttosto è stato ucciso… per noi cristiani oltre che uomo è anche Dio, tant’è che ha risuscitato se stesso e, prima, anche Lazzaro, come per proclamare che una volta nati siamo fatti per vivere anche su questa terra, non solo nell’altra, ipotetica e dubbia per molti finchè non constateremo di persona…
    I mussulmani hanno invece come riferimento Maometto, che è considerato il profeta di Allah, cioè quello che parla per lui… si dà il caso che personalmente abbia ucciso un sacco di nemici, come invita ovviamente a fare tutti i suoi seguaci, promettendo un paradiso di bengodi, da cui nessuno è tornato a testimoniarne l’esistenza.
    L’una e l’altra religione, ciascuno tenga pure la propria, in favore o contro, nei secoli sono state usate come pretesto per allargare il potere di capipopolo, re, imperatori, governi e dittatori, alla stregua di qualsiasi altra ideologia dei nostri giorni…Hitler e Stalin sono solo gli ultimi che conosciamo bene…
    E’ triste vedere che in nome di una modernità o di un buonismo fellone anche persone da cui ci si aspetterebbe se non altro chiarezza contribuiscano a demolire i fondamenti della tradizione che ha alimentato per due millenni la civiltà occidentale.

  2. Marco Green says:

    Di fronte all’enormità di un simile attentato c’è proprio bisogno di incartarsi in notizie prive di fondamento?
    La fonte sarebbe il post di tal “mahahh” (a proposito, come mai non si legge la sua replica a Carl de Canada?) o presunte indiscrezioni raccolte dal cugino al bar?
    Ma secondo voi se i terroristi avessero decapitato delle persone non lo avrebbero fatto di fronte a tutti, in modo che i soppravvissuti avrebbero riportato ai media un simile orrore?
    E, nel caso tale esecuzione fosse stata fatta, secondo voi la polizia e i media sarebbero riusciti a “silenziare” tutti i testimoni oculari: spettatori, forze dell’ordine, personale degli ospedali, becchini e loro amici e parenti senza che nessuno andasse davanti a una telecamera per raccontare i fatti (a parte forse il cugino di non si sa chi, che ha scelto di rendere edotti i colleghi del Bar Sport)?

    Dai…

  3. Giancarlo says:

    Qualcuno diceva : ” SE VUOI LA PACE PREPARATI ALLA GUERRA “.
    Oggi i dementi dicono : ” SE VUOI LA PACE PEPARATI AD ASSECONDARLI”…….
    A qualcuno sembra normale che la censura del politicamente corretto non informi quello che è avvenuto all’interno di BATACLAN ?!!
    Se è così, scusatemi se pensavo di essere sulla Terra e non su Marte !!!!
    WSM

Lascia un Commento