Vitalizi, nuova guerra in Parlamento

curriculum-vitae1I diritti acquisiti non si toccano: è quanto hanno affermato gli ex parlamentari e gli ex Consiglieri regionali in due audizioni alla Commissione Affari costituzionali della Camera, che sta esaminando alcune proposte di legge che tagliano i vitalizi di parlamentari e consiglieri regionali in carica e in pensione. Il presidente della Associazione dei Consiglieri ed ex Consiglieri regionali ha paventato un ricorso alla Corte europea di giustizia.

La Commissione sta esaminando alcune proposte di legge che applicano retroattivamente il metodo di calcolo contributivo ai vitalizi, che dal 2012 sono calcolati con tale metodo. Per gli ex parlamentari è intervenuto il presidente dell’Associazione, Gerardo Bianco, e Antonello Falomi che hanno messo in discussione lo strumento della legge per intervenire su indennità e vitalizi dei parlamentari e degli ex. La Costituzione lo riserva ai regolamenti delle Camere.

Quanto al merito Bianco ha sottolineato che è la Costituzione stessa a fissare l’indennità per i parlamentari “per sottolineare la speciale funzione che a questo istituto viene assegnata”. “Se l’indennità parlamentare fosse considerata alla stregua del corrispettivo di una prestazione di lavoro – ha sottolineato sarcasticamente -, non ci sarebbe alcun bisogno di stabilirlo in Costituzione: basterebbero i contratti di lavoro” e allora “bisognerebbe, per assurdo, cominciare a parlare di orari di lavoro, di straordinari, di tredicesime, ecc…”.

Quindi “l’istituto dell’indennità parlamentare stabilito dall’articolo 69 della Costituzione non è finalizzato a retribuire il lavoro fatto in Parlamento, ma a garantire che tutti, senza discriminazioni di censo, possano svolgerlo e che lo possano svolgere senza condizionamenti e in condizioni di libertà. Garanzie che non sarebbero tali se cessassero di esistere con la fine del mandato parlamentare”. Sferzante il giudizio di Aldo Bottin, presidente dell’Associazione Consiglieri ed ex consiglieri regionali: “le proposte di legge incrociano tutte forti motivi di incostituzionalità, in contrasto con la Corte Costituzionale, con la Corte di cassazione, con la Corte dei diritti dell’uomo Europea”; quindi “non possono rappresentare una base legale di riferimento per costruire la soluzione del problema”.

Bottin, oltre alle ragioni indicate dagli ex parlamentari, ha sottolineato che non sarebbe costituzionale la retroattività dell’intervento: “la retroattività delle norme incide sui diritti quesiti e contrasta con le norme costituzionali che si riferiscono all’uguaglianza, alla ragionevolezza, al principio di affidamento”.

Print Friendly

Articoli Recenti

1 Commento

  1. Giancarlo says:

    Per loro i diritti acquisiti non si toccano, per i cittadini normali invece in 24h si sono fatte leggi che li negano immediatamente.
    Basta questo per poter affermare e sentenziare come è diventata squallida la politica in italia.
    Imperterriti e con la faccia di bronzo continuano a pretendere privilegi che al giorno d’oggi sono diventati immorali e pretestuosi.
    E’ vomitevole dover assistere a queste commedie tragiche ma che purtroppo ci riguardano pure.
    I cittadini quando vanno a votare o meglio non andassero più a votare ragionino bene prima di apporre una croce su dei simboli che sono diventati dei veri emblemi di voracità e immoralità.
    WSM

Lascia un Commento