Elezioni:chi vincerà lo vedremo, cosa farà è una scommessa

di GIAN LUIGI LOMBARDI CERRI

Ogni potenziale elettore non si pone la domanda “chi vincerà?” (cosa di cui all’elettore interessa assai poco), ma “come governerà” il vincitore. Siamo alla vigilia delle elezioni, i partiti sono in subbuglio. Quale è la principale, unica,  loro preoccupazione?

Come incantare a parole gli elettori e quali alleanze fare per andare al potere! In pieno stile “Andreotti” il potere ha per obbiettivo unico, ancora e solo il potere. Invece che cosa fare per accattivarsi i voti illustrando come opererebbero veramente per mantenere le promesse per loro, la casta, il fare non è un problema. I “dettagli operativi” non contano. Pensate che i candidati dovrebbero attivarsi per trovare in anteprima il modo di mantenere le promesse così nebulosamente delineate. Dopo la farsa delle primarie, dove si è fatto abbondantemente finta di far scegliere al popolo i candidati essendo tutto rigorosamente preordinato, si viaggia praticamente con le vecchie regole del porcellum. Il quale “porcellum “ ha fatto comodo a tutti, nessuno escluso.

In una normale azienda per assumere persone che vanno dal manovale al presidente si esaminano accuratamente i curricula dei candidati, tenendo conto sì dell’assenza dei cosiddetti “carichi pendenti “, ma, sopratutto di che cosa l’esaminando ha fatto e che cosa sarà capace di fare in base alle sue esperienze acquisite. E in politica? Non si verifica neanche se il personaggio in esame sia capace di gestire, ma anche solo di esprimere verbalmente, ma in modo comprensibile a tutti, le proprie idee ed i propri programmi, senza che si rifugi costantemente negli sproloqui alla fine dei quali uno si domanda: ma che cosa mai avrà voluto dire?

In Italia siano davanti a problemi che farebbero tremare non i cosiddetti tecnici (in teoria) , ma perfino persone di provata capacità. I problemi da risolvere sono infatti sintetizzabili così:

1.- Posto che qualunque somaro sarebbe in grado di aumentare ancora le tasse rischiando (con elevatissima probabilità) che il tutto finisca a fucilate, l’unica strada da percorrere è quella di una drastica riduzione delle spese superflue come ad esempio obbligare tutte le ASL ad adeguarsi allo standard della Lombardia (risparmi previsti – e certi-  5MLD di euro all’anno) e quello di smettere di finanziare giochetti inutili come quello di foraggiare la speculazione sul Fotovoltaico (spesa annuale per il solo 2012  6MLD di euro, spesa che fa sorridere di soddisfazione chi salva la patria standosene comodo, comodo in Svizzera). E questo a puro titolo di esempio, poiché di casi del genere è farcita , da anni, l’Italia.

2.- Stato, Regioni e Comuni sono zeppi di Leggi, Leggine e regolamenti che sembrano studiati apposta per far spendere tempo e denaro inutilmente.

Due esempi anche in questo caso, solo per cominciare. Targhe automobili: qualcuno mi sa dire a che serve cambiare la targa dell’auto ogni volta che si cambia la medesima, diversamente da quanto avviene nei paesi civili? Chi malgoverna ha una pallida idea di quanto costa (tasse a parte) una simile operazione? Regolamenti edilizi: sanno i cosiddetti politici quale coacervo di leggi, leggine e contro leggi obbliga i futuri costruttori di qualsiasi cosa a fare acrobazie inenarrabili ben sapendo che alla fine non saranno mai sicuri di evitare il solito togaccione che li incrimini.

E ancora. Vogliono decidersi , una volta per tutte a porre mano ad una drastica semplificazioni delle Leggi esistenti togliendo dalle mani della burocrazia l’incarico di redigere  Regolamenti attuativi e Circolari esplicative  dando ai parlamentari la piena ed unica responsabilità delle Leggi emesse? Certamente la cosa dispiace ai burocrati perché sottrae loro potere, ma non è il caso di guardare troppo per il sottile. Né voglio trascurare – in chiusura d’articolo – una drastica modifica della cosiddetta giustizia che oltre a non produrre affatto giustizia, ma spesso addirittura il suo contrario, costa paccate di miliardi.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

13 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Pensate che appena eletto consigliere comunale nel mio paese sono andato a trovare il segretario comunale appunto.
    Volevo fare una visita di cortesia…

    Poi discorrendo siamo arrivati al tema LEGGI.

    Mi fa: vede quei scaffali..? (Erano tutt’intorno alla stanza 4×4 circa) Be, sono le leggi che l’itaglia ha..!

    Kax, risposi, come si fa a ricordarle tutte..??

    E lui, il segretario comunale mi fa: si pensi che l’ultima legge richiama tutte le leggi precenti…

    E’ da star qua di’ e notte solo per stare qua a leggere, per applicare, le leggi TALIBANE (ndr).

    E i governi che vanno a “governare” si vantano di aver fatto tante leggi e non di averne TOLTE..!!!!!!

    Pensate, cari mai stati apiens perche’ appartenenti all’HOMO che non e’ mai stato sapiens sebbene va in te la Luna, il PADRETERNO (pensate la POTENZA) NE HA FATTO SOLO DIECI..!!

    Visto il Suo peso, ne poteva o no fare, non so, un numero INFINITO..???

    NOooo…

    Ne fece solo DIECI..!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Come le dita delle mano o dei piedi..!!!

    Ma credete che i DOTTORI DEL TEMPIO SAPPIANO PERCHE’ DIECI E NON INFINITAMENTE..???

    POVERO HOMO… l’e’ ancora PRIMITIVO sebbene va in te la Luna o in tel Marte..!

    Salam

  2. luigi bandiera says:

    E ADESSO VI FACCIO SECCHI..!
    No, ridere.

    Va bene qua come in altri post… UNIVERSALE E’…

    Ecco il disk metafora per farvi capire chi vincera’…
    .
    .
    .

    E pensate che gli europei (inglesi, francesi e ecc.) quando sbarcarono nella Grande Isola (Merica del nord ma anche del sud e centro) si siano comportati meglio degli italiani o TALIBANI nei NOSTRI CONFRONTI quando ci OCCUPARONO E CONTUNUANO AD OCCUPARCI..?

    Guardate il film IL LEONE DEL DESERTO (vietato in italia per motivi umanitari sicuramente)… BEH, COSI’ CI TRATTARONO E CONTINUANO A TRATTARCI..! COME DEI BEDUINI..!

    E i settentrionali parteggiano, da partigiano, con l’OCCUPANTE..!!
    Uno che osserva stando su Marte di sicuro affermera’: quelli la’, i partigiani a trekoloris, sono tutti scemi..!!

    Sti mone, si difenderanno citando la loro costituzione, invocata dal colle uno di questi di’, adesso che termina la sua farsa, che stabilisce le kaggg a iosa.
    Ma come si puo’ definirsi intellighenti se queste cose non si sa leggerle..??
    Sara’ mica intellighente uno che sa tutta la din_vina gom_media per caso..?

    E veniamo a noi, purtroppo con fatti TALIBANI. Cioe’, tririnkoglioniti.

    Esempio:
    tutti siamo dentro ad un grandissimo LUNAPARK di nome e cognome italia… (meglio l’esempio di ALKATRAZ, MA PARE SPAVENTI I BAMBINI DELLA BANDA DEI CIRCA 50 ANNI e non del 5%).
    Ci sono tante giostre che tutti se le sognavano da bambini… ora da grandi meno ma sono eterni bambini cosi’ credono di divertirsi solo a star li’ a guardarle. STE KAXXATE.
    Ci sono poi gli intrattenimenti piu’ o meno con i vespasiani… Si sa, se occorre occorre. Devono esserci. Come sulla rai. Se no che kax la paghiamo a fare sta rai se non per fare i nostri di bisogni..?
    Vero TONTOLO..?

    Dunque nave pirata, giostra delle catenelle, pesca delle OCHETTE (leggersi anche dei POLLI) , del giro della MORTE… e insomma un fra_KAX di giostre tutte li’ per farci divertire. E per fino il tIro a SEGNO..!!
    Il TUTTO PER FARCI LO SPENNAMIENTO..? BEH. PARE DI SI..!

    Ri beh, se non ti diverti al LUNAPARK dove mo..?? Si sa, il divertimento costa e non còsta…
    Uno sceglie la giostra dei cavallini (te pareva se non li menzionavo) o quella della pesca delle OCHETTE.
    E o gira sulle catenelle o sulla nave piratata o ke kax altro vuoi, e insomma ci si diverte passando da una giostra all’altra.
    Sembra di cambiare mondo solo nel passare da una giostra all’altra.

    Ah, anche gli specchi ci sono… per ADDORMENTARCI MEGLIO. Detta alla Cappuccetto rosso.
    QUESTA SI CHIAMA, E’: l’ITALIA..!

    Spiego la metafora cosi’ come la intendo io o vi arrangiate da soli..??
    Uhm…
    Siete troppo COPIA_INKULLA.
    Ma non e’ colpa vostra. E’ colpa della KST che vi fa cosi’ tanto TALIBANI. Va ben, potrei dire TALIBANANI..!

    Voi no, ma pero’ state attenti ai famosi intellighenti che scrivono o che parlano in RADIO e TV.
    Se troverete qualcosa di loro, farina del loro sacco, io mi faccio frate..!

    Non male vero..??

    Sarebbe molto piu’ lunga ma so che capirete lo stesso.

    Bon, detto cio’ attendonvi…

    AN SALAM

  3. doge says:

    Io scommetto che in Veneto vincerà il M5S
    ho i dati… ;-P
    sondaggio nuovissimo della Serenissimi +sondaggio su fiducia ai politici, da non perdere!
    http://sondaggipoliticiserenissimi.blogspot.it/

  4. luigi bandiera says:

    Pero’, pensandoci su un po’, dico:

    d’accordo pensare a chi vincera’..!

    Ma perche’ nessuno, tranne me, pensa a CHI PERDERA’..?????????????

    Mi spiego, forse:

    se ogni momento di voto, al podopo, tutti avevano vinto, e’ giusto o no pensare che loro TUTTI sono i vincitori, sebben con lo 0.0000000001% e NOI i PERDENTI..??????????

    Ma dico, DOVE SI E’ NASCOSTA L’INTELLIGHENZIA TALIBANA..???
    Se no si sarebbe espressa gia’ da tempo..!

    IL FATTO NERO E’ CHE Non si e’ nascosta, risposta mia: NON ESISTE..!!!!!!!!!!

    Se si, se esiste: dimostratemelo..!!!!!!!!!!!!

    Non con lunghissimi discorsi inutili o umosi, ma con i FATTI..!!

    AMEN… (detto con un po’ di riverbero e un po’ di echo, non il filosofo).

    …mama, salvami l’anima… (Zuc chero)

  5. luigi bandiera says:

    Il ki vince non interessa proprio a nessuno o uasi.

    Sa che non cambiera’ proprio nulla..!

    E andiamo sulla giostra dei cavallini.

    Dite o voi super intellighenti dei tre colori: quale e’ il cavallino, della giostra, che corre piu’ forte..?

    Se lo troverete, se saprete rispondere, voi: sarete, dovreste essere, il DOGE della mia NAZIONE VENETA..!

    QUINDI..?????????????

    SOCCOMBEREMO cher sdi sia sotto dominio o collaborazionisti del bersani o del silvio o dello sventola o degli ingoia…

    ME PORA NONA, SANTA DE SEGURO, CO A VEDEA CHE EL CALSIN JERA SBALIA’ NEA TALIA (l’italia non c’entra) a tirava via i feri e a tirava el fio. Fio pol ver dato el nome al FIO’..?
    Cramento, o kax, te sa che a ripartia da niovo..??

    E magari a jera drio finirlo..!

    Ma quanta pasiensa gavei naolta, kax al cubo..?

    Se me penso… a quei tenpi… SE JERA TANTO Pì LIBARI..!

    Deso basta na mosa che a un omo in divisa no ghe va e te si rapina’ de sinquanta o de sentosinquanta euris…

    L’abito fa da senpre el frate o monego… kax e pero’, lo dixe in poki… saremo i pi’ brai o i pi’ mone..??

    Xe mejo ea sotokultura ke l’analfabetismo.

    NO KAX… voevo dir el kontrario..!!

    SAEAM

  6. Miki says:

    Chi vincerà?

  7. Unione Cisalpina says:

    non hai menzionato la doverosa modfika del konkorsi pubblici e nomine ministeriali ad ogni livello (RAI inklusa… ke grave danno di kostume, kulturale e di propaganda koloniale ci arreka a tutti noi cisalpini), ke favoriskano lokalmente i residenti nei territori ove saranno impiegati ed all’uopo assunti … sopratutto,

    la delokalizzazione dei ministeri … oggi kon la komputerizzazione e se del kaso videokonferenze, il luogo fisiko dove il ministero si trovi, non ha + alkuna importanza e si risolvono anke i problemi di parassitismo merdionale levantin_italiko…

    l’ostaskolo all’informatizzIone è proprio l’arretratezza kongenita (kulturale e teknika) dei merdionali italici ke la okkupano e letteralmente ci esprorpiano la PPAA …

  8. Dan says:

    Se vince monti o se in qualche modo lui ed il suo programma finiscono al governo, non durerà.

  9. Francesco says:

    le riforme proposte dall’articolista sono quelle che andrebbero fatte: per questo nessuno schieramento ne parla!
    Affamare la bestia Stato: solo così imploderà… altro che leggine, regolamenti e circolari varie e un popolo bue che le segue!

  10. gigi ragagnin says:

    se vai a toccare quelle cose di cui parli, salta per a ria l’italia s’è desta.

  11. Amerigo Moscucci Vesponi says:

    Se non si sa che votare, si potrebbe pensare di votare Germano Mosconi, visto che per una felice coincidenza le elezioni cadono praticamente a ridosso del primo anniversario della sua scomparsa. Sarebbe anche un bel modo di onorarlo e ricordarlo.
    Non è difficile farlo: basta dotarsi di un santino, magari stampando una delle tante immagini reperibili in rete, meglio ancora se modificata corredandola con una delle frasi:
    “[beep] le carte cola còla, ghe se tàca, ostia!….”
    “[beep]… scanato [beep]! …. varda che roba! la còla a tacà le carte ghè.. varda!… [beep]señor de [beep]”
    “ma [beep] bon, d’un [beep], ghe le se tàca cola còla e no le se stàca… varda… cosa, che [beep] ghè qua sotto!”
    ovviamente, se non aggrada, opportunamente ripulite dai moccoli.
    Armarsi di una colla formato stick, e all’atto del voto, incollare il santino alla scheda.
    Se rimediare il santino è complicato, basta stampare le sole frasi, o magari scriverne a mano una sola. L’importante è che, nel chiudere la scheda se ne incollino i lembi.
    In questo modo, ci sì gratificherà sapendo quanto queste schede romperanno le scatole a quelli sfaccendati degli scrutatori durante lo spoglio, che come ben si sa sono tutti di nomina di partito.
    Inoltre è un iniziativa che potrebbe far presa in particolare ai giovanissimi, che venerano il vate e sono i primi o a non sapere che votare, o a non votare proprio. In questo modo li si incoraggia a votare, innalzando così il numero degli elettori, e riducendo pertanto la percentuale di tutte le liste in ballo. Non solo quella di Monti, ovviamente, anche Fare potrebbe saltare, ma tutto non si può avere.

  12. semiramis says:

    Parola di Lombardi Cerri! Si inchini il popolo sovrano! Egli è sapienti e vede tutto! Azzecca sempre ma di brutto! Si inchini il popolo e al banano gli mostri prontamente l’anus!

Leave a Comment