Verona: ordigno esplode davanti a sede Equitalia. Nessun ferito

di REDAZIONE

Un ordigno e’ esploso nella notte davanti alla sede di Equitalia a Verona. L’esplosione ha provocato danni minimi come riferisce la Digos scaligera. Gli attentatori avevano predisposto due ordigni ma l’innesco ne ha fa fatto esplodere solo uno. Ad un primo esame effettuato dalla polizia gli ordigni, di cui uno inesploso, posti davanti alla sede di Equitalia a Verona sarebbero stati confezionati con della polvere nera. Per averne certezza, secondo fonti della Questura, bisognera’ attendere i rilievi del caso. La zona e’ stata messa in sicurezza, non sono stati registrati danni alle persone. La polizia scientifica sta gia’ procedendo all’analisi del materiale raccolto sul luogo dell’esplosione ed in particolare sull’ordigno rimasto intatto per risalire alla provenienza dell’esplosivo e all’autore del gesto.

L’ordigno fatto esplodere  a Verona non ha ferito nessuno ed ha provocato modesti danni alla porta di ingresso della sede, chiusa durante le ore notturne. L’allarme alla centrale dei vigili del fuoco di Verona e’ scattato alle 3,29 su segnalazione della Digos cui era stata segnalata un’esplosione. Quando le squadre sono arrivate sul posto, le fiamme provocate dallo scoppio dell’ordigno erano gia’ spente, ma i vigili del fuoco hanno proceduto alla messa in sicurezza della zona e allo smassamento dei detriti. I due ordigni, dei quali uno inesploso, erano collocati davanti alla porta d’ingresso della sede di Equitalia, in via Nicolo’ Giolfino.

Sono stati riaperti al pubblico gli uffici della sede di Equitalia a Verona dove nelle prime ore sconosciuti hanno fatto scoppiare all’esterno un ordigno rudimentale, probabilmente una bomba carta, che ha provocato danni molto lievi. Un altro ordigno simile e’ rimasto inesploso. Per piazzare i due ordigni e’ stata scavalcata la recinzione dell’edificio e attraversato il cortile, per poi collocandoli in una zona laterale del cortile e non nei pressi dell’ingresso come si era appreso in un primo momento.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

4 Comments

  1. gigi ragagnin says:

    trema la sghega ? la sghega la fu.

  2. luigi bandiera says:

    Eh be. Le SS sono furbette… a P. Micca gli e’ endata peggio… a quel tempo che di patrioti ce n’erano forse tre o quattro.

    L’e’ tutto da piangere e non da ridere… purtroppo le comike continuano.

    E nel frattempo i mone pagano.

    Bau bau…

  3. Culitto Salvatore says:

    segatura nel cervello? mah..probabile

  4. Brava Cancellieri, Cossiga ti ha insegnato bene, continuiamo con questi giochetti stalinisti… Ma chi ci crede ancora?!
    Complimenti agli artificieri che sono riusciti a imbastire questo show senza far male a nessuno… a differenza di Brindisi…

Leave a Comment