Venezuela, contro la dittatura di Maduro nudi su Twitter

di REDAZIONE

A Caracas, ma non solo, la gente esprime così il proprio disprezzo: con il nudo. Si tratta di una vera e propria campagna di contrasto del governo di Nicolàs Maduro, attuale Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela. Dopo quasi due mesi di scontri tra filo-governativi e manifestanti, tra cui maggiormente giovani e studenti, dei quali finora almeno 40 sono vittime accertate, il movimento decide di agire per vie alternative. L’operazione di sovversione, stavolta pacifica, del governo prevede un semplice, ma coraggioso gesto.

Chi vuole aderire all’iniziativa deve scattarsi delle foto completamente nudo e pubblicarle sul social network Twitter con l’hashtag #MejorDesnudosQue, traducibile in italiano: “Meglio nudi, piuttosto”. L’intento è palesemente provocatorio, così come le immagini che stanno riscuotendogrande fama nel web. Ad ispirare questa campagna è stato un episodio svoltosi durante l’ultimo degli scontri con manifestanti filo-governativi. Infatti, un gruppo di questi aveva costretto un giovane sovversivo a spogliarsi in pubblico: è così che quello che voleva essere un simbolo di sottomissione ed umiliazione da parte del governo venezuelano si è trasformato nel punto di forza della protesta popolare.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Albert Nextein says:

    Bravi!
    Il bisogno aguzza l’ingegno.
    La voglia di libertà non si può comprimere.

Leave a Comment