Venezia, oggi la Festa della Lega: attesi oltre 250 pullman di militanti

di REDAZIONE

‘Prima il Nord” e’ questo lo slogan della manifestazione della Lega che domani invadera’ Venezia per la Festa dei Popoli padani. Sul consueto pontone galleggiante adibito a palco saliranno, tra i tanti, Roberto Calderoli, il presidente Umberto Bossi, il segretario della Liga Flavio Tosi e lo stesso Roberto Maroni che, intorno alle 13.00, terra’ il discorso conclusivo. In arrivo tre treni speciali, ben 269 pullman e oltre 2.000 auto porteranno a Venezia aderenti e simpatizzanti, in modo autonomo, dalla Lombardia.

La festa  ”sara’ un successo”. Lo anticipa il governatore del Veneto Luca Zaia. ”Abbiamo una prenotazione di pullman unica. Sara’ una bella manifestazione perche’ il tempo ci graziera’ ed io invito famiglie e bambini, perche’ e’ una festa di popolo. A queste manifestazioni, io vorrei vedere sempre meno politica e sempre piu’ popolo ed e’ quello che questa gestione della Lega Nord sta promuovendo”. Ai giornalisti che gli chiedono quali saranno i contenuti, il governatore veneto spiega che ”la pietra miliare e’ quella che noi abbiamo gia’ posato negli stati generali di Torino”.
”Venezia 2012 si lascia alle spalle la ritualita’ del passato e guarda al futuro con progettualita”’, conclude Zaia a chi gli ricorda che non ci saranno piu’ i tradizionali simboli, ad esempio le ampolle con l’acqua delle sorgenti del Po’ e del Piave.

”Domani parlero’ ai Veneti e i veneti conoscono solo una lingua che e’ quella di non essere piu’ schiavi di Roma”. Lo ha detto ancora Zaia ai cronisti che gli chiedevano a margine dell’inaugurazione della palestra di San Fior, in provincia di Treviso, se dalla Festa dei popoli padani, domani a Venezia, rilancera’ la prospettiva dell’indipendenza del Veneto. ”Lasciamo un margine di sorpresa”, ha aggiunto il governatore veneto, precisando che i temi centrali della manifestazione saranno quelli dell’autonomia e del federalismo.

Print Friendly, PDF & Email

11 Comments

  1. [“Prima il Nord” e’ questo lo slogan della manifestazione della Lega ]
    si potrebbe sentire qualche argomento nuovo? sono 150 anni che si sente prima il nord e che cosa abbiamo ottenuto? prima donne vecchi bambini e …si salvi chi può

  2. di una cosa devo dare atto ai veneti, avete capito che cos’è la lega, ora mettetela da parte e fate qualcosa di serio, buona fortuna

  3. quanta gente aspettano : 250 pulman X 50 passeggeri = 12500 persone, più treni speciali (?), macchine, motorette, biciclette, marciatori, barche e motoscafi, aerei privati, elicotteri, monopattini, nuotatori. in tutti dovrebbero assommare a 350 mila : seek Venice instead of seek rome ?

    • Andiamo a vedere quanti di questi pulman saranno pieni?
      Quando i pulman ce li pagavamo di tasca nostra, a Venezia o Pontida, erano sempre pieni zeppi.
      Ma oggi che le segreterie, gentilmente offrono (con i soldi dei contribuenti) i pulman gratis per i militanti, dibito di vedere ressa!

  4. “tre treni speciali, ben 269 pullman e oltre 2.000 auto”

    Mi auguro che almeno l’indipendenza trovi il coraggio di smontare questa propaganda e questi numeri ottimistici privi di ogni fondamento.

    • Questi sono gli annunci di chi organizza, domani le cronache diranno se è successo o no: sulla base di cosa dovremmo contestare adesso dei dati che non siamo in grado di controllare?
      glm

  5. Sarà una festa di popolo con famiglie e bambini…
    sventoleranno tantissime bandiere tricolori !!!!!
    Tosi, Maroni, Calderolo,Salvini……diranno, eravamo in centomila ……
    Grimoldi ed i suoi baldi giovanotti faranno il loro ingresso trionfale gridando… secessione… secessione…

  6. “Domani parlero’ ai Veneti e i veneti conoscono solo una lingua che e’ quella di non essere piu’ schiavi di Roma”

    Infatti: meglio in subaffitto alla lega

  7. Si lascia alle spalle la ritualita del passato? Credo di capire, prima ci prendevano per il c..o con ritualità, mentre ora lo fanno e basta. Urrah!!! abbiamo eliminato la ritualità. Però mi sembra ancora troppo poco per convincermi.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

CATALUNYA: I VESCOVI SONO TIEPIDI SULLA SECESSIONE DALLA SPAGNA

Articolo successivo

Samaras: "La Grecia rischia di fare la fine di Weimar"