1889, IL VENETO PENSAVA A UNA FEDERAZIONE ALTRA

di ETTORE BEGGIATO

La “questione veneta”, l’aspirazione dei veneti all’autogoverno, è sempre stata una costante nella nostra storia, e anche nei momenti meno esaltanti la coscienza della nostra identità e dei nostri diritti ha continuato ad essere forte e presente. E in questa ottica va letta, allora, la “Relazione del Direttore della Gazzetta di Venezia sul progetto per costituire una federazione politica regionale” datata 7 giugno 1889.

E’ un documento di notevole importanza che dimostra come appena 23 anni dopo l’annessione del Veneto all’Italia già ci fossero nei confronti dei Veneti discriminazioni e penalizzazioni inaccettabili.

Il Direttore della “Gazzetta” Ferruccio Macola si chiede “se non convenga insorgere contro l’accentramento enormemente dannoso di tutto il noto sistema politico e amministrativo; accentramento maggiormente marcato colle leggi presentate dal Crispi, tutto di carattere e d’indole giacobina”; e più avanti sottolinea “la necessità di tutelare con una forte organizzazione politica gli interessi della nostra regione”. E ancora, “D’altronde è ingiusto, che dopo tanti anni di Governo, con Gabinetti di tutti i colori, il Veneto, e con Veneto la Lombardia, abbiano pagato sempre di più, molto di più delle altre Provincie, usufruendo in proporzioni assai minori degli aiuti governativi.

Se potesse realizzarsi il sogno di Marco Minghetti e di Alberto Mario, il Veneto sarebbe la regione che certamente risentirebbe maggiori vantaggi della sua autonomia.

Il decentramento amministrativo, che tanto si invoca, e che dovrebbe essere uno dei punti cardinali del programma del nuovo partito, sarà il primo passo per conquistare alle regioni, l’autonomia amministrativa più confacente al loro sviluppo, ai loro bisogni, alle loro risorse economiche.

E’ enorme, che per qualunque piccola spesa, per qualunque pratica d’ordine secondarissimo, si deva ricorrere a Roma: dove per la quantità imponente di materia da sbrigare, tutti gli affari subiscono immensi ritardi; mentre la soluzione dipende tante volte da impiegati inferiori di grado alle stesse Autorità provinciali, costrette per legge a ricorrere al Governo centrale”.

Illuminante poi una statistica che fotografa una realtà di stampo colonialista.

Così, un secolo fa Roma trattava la colonia Veneto:

“La popolazione in Italia dall’ultimo censimento è di 28.953.480 cittadini. Il Veneto ha una popolazione 2. 873.961. Potrebbesì dunque sperare che i Veneti occupassero 1/10 delle cariche dello Stato. Invece Ministri veneti nessuno; segretari generali nessun Veneto;

direttori generali nei vari Ministeri, e saranno oltre 40, nessuno;

ispettori generali nei diversi Ministeri, e saranno 60, uno o forse due;

generali d’armata, nessuno;

tenenti generali, nessuno;

generali ce n’era uno, ma l’hanno collocato nella riserva.

Non hanno voluto conservare neppur la semente.

Ammiragli nessuno, vice-ammiragli nessuno. Ce n’erano due o tre, ma li hanno pensionati, perché impagliati rappresentino il vecchio S. Marco e la sua gloriosa Repubblica, che per tre volte portò la civiltà in Oriente;

-Consiglieri di stato, e sono 24, nessuno;

-Consiglieri della Corte dei Conti, e sono 12, nessuno;

-Prefetti su 69, due; intendenti di finanza, su 69, tre.

In tutto il personale dell’avvocatura generale:

-Avvocati compartimentali nessuno;

-Amministrazione generale del catasto che interessa tanto il Veneto perché il più iniquamente gravato, nessuno;

-Direttori compartimentali e vice-direttori del catasto, nessuno;

-Capi dell’Amministrazione militare, uno solo”.

E a proposito del rapporto Nord-Sud:

“Ci basterà solamente ricordare, come, soltanto dopo vent’anni, si sia riusciti condurre in porto la famosa legge sulla perequazione fondiaria, poiché da vent’anni Veneto e Lombardia pagavano in proporzione quattro volte superiore a quella di certe regioni del mezzogiorno.

Chi rimborserà a noi le centinaia di milioni sborsati in più allo Stato?” Una domanda che continua ad essere di drammatica attualità, nel nostro Veneto.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

8 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Comunque, caro Beggiato, mi gaveo fato el voeantin prima de sti to diskorsi.

    Su queo ke go posta’ xe 2004 ma el gaveo sgrafa’ tanto prima… Gaveo ajorna’ sta kax de data.

    Mi mi me meto in koa, ve aso ea prima fia… me basta ndar fora da sta merrrrdddd de italia..!!!!!!

    Saeudi.

  2. luigi bandiera says:

    El parke’ xe nel fato ke semo masa boni.

    Ghe ghemo kreduo ai pi INPARAI che i ne ga konta MONAE. I jera koeaboradori del okupante.

    Nel 1866 e prima se jera tanto analfabeti seben ben apresai par el laorar.
    Quindi sti analfabeti se fidva de sti inparai alfabetixai al talian.

    I preti, corei, no ghe ga mia dito ai analfabeti venethi che GESU’, el GIUSTO, el la gavea su ko i SKRIBA, I FARIXEI E I DOTORI.

    Podopo te sa, el laoro inpegna e stravia ea mente.

    Kusi’ i boni, brai e laboriosi venethi xe stai mesi nea prexon de ALKATRAZ. Si, alkatras xe = a italia.

    XE KOLPA DEI ALFABETIXAI SE SEMO CIAPAI KUSI’.
    NO DEI MONE ANALFABETI ma senpre ea’ kol forkon in man pa laorar..!!

    Anka unkuo’ xe i alfabetixai a komandarne… e i ne portara’ su naltra PREXON magari dixendone ke a ga l’aqua kalda e magari ea pisina del kax.
    Storia vecia e a parte dal tenpo de Adamo e Eva, sta pi perikoeoxa dee femane.
    I dixe ke a xe morta ma no xe vero… a ga e so soree ke ne fa far serte robe ke ne dimostra ke semo soto e no sora de ore.

    Dixeo, in prexon e me par ke a se ciame EUROPA o meio URKA.

    U = union
    R = republike
    K = katokomunisteilameghe
    A = afroasiateghe

    Defato, nialtri SPARIREMO o no kontaremo gnente se non sui brasi, kome deso del resto… e no skerso.

    Ghemo serti inteetuai ke voria, tentaria, manovraria e ecc. ma kredo ke no ghe sipia pi’ gnente da far.

    I ne ga bromura’ el sarvel.

    Quindi da ALKATRAZ a SPARTA.

    Semo vegnesti tuti ILOTI..!

    Tuti al sarvisio del euro ke da bon tirano o faraon ne dixe kosa ghemo da far.

    El faraon xe in krixi..?

    LAORAR KAX…

    Infati… ki va pi’ in pension..?

    Vardemo mo el super giorgio… kax… el morira’ ma nol ndara’ in pension.

    Quei xe da mandar in miniera… i ga fixiko bon, altro ke i maeai de operai, o mejo ILOTI.

    No serve far vegner kua’ un frakax de xente, ne basta quei..!!!

    Squaxi nonanta ani de laoro…

    Kax, bixogna serkarli sti super omani.

    Va ben, forse ea go tegnesta eonga, ma penso ke serti no ga mai leto ste robe… mi e sgrafo (scrivo) parke’ e go viste.

    NO INVENTO MAI GNENTE..!!

    XE TUTO SGRAFA’ NE I FATI..!!

    Basta voer a lexarli e i xe de fasie konprension.

    Steme ben tuti, ea saeute xe l’unego texoro al mondo ke no sasia mai. Mai abbondante. (mea)…

    LB

  3. gene says:

    l’italia a se uno stato fato da cialtroni. xente che dixe de voere ben a tute e rejoni italiane, compresi noantri dunkue, e tanto i ne voe ben che a festejare el 150nario de l’unità, i se ga desmentegà ke el Veneto xe entrà nel 1866 co l’anesion. XENTE SVEJA!!! gnanca el veceto che i voe far senbrare tanto inamorà de l’italia, no ghe ne frega un kaso!

    dovemo ndare via! l’italia al Veneto a ga dato, tiremo do conti:
    1: anesion e una emigrasion de cui so 18 milioni, 3,3 i jera veneti (ridusion dea prexensa maskie so el teritorio = majore contro£abijtà)
    2: come deskrive begiato, el conpleto ignorarte parkè el Veneto a liveo mondiae el gavea pì fama de tuto el resto de sto caso de regno dei savoja
    3: na prima guera mondiae dove i ga mandà parfin i minoreni a morire e i veneti xe stai 400.000 (rexistensa.org)
    4: e pa a prima volta credo i Veneti ga tradìo kuei ke jera stai inisialmente i aleati coa prima guera mondiae
    5: ghemo avuo na ditatura su cui no vojo adentarme in comenti
    6: a seconda guera mondiae e el tradimento ulteriore
    7 : boom economico parchè jerimo poareti su cui tuti se lanciava par ricavrghene skei
    8: ani 70, xa jerimo in man a na poitica dove l’italia no gaveva pì senso e jerimo drio spakarse in rivaità tra capitaismo e comunismo, ris’ci de colpi de stato…
    9: ani 80: l’inisio dea corusion e de£e pexo magnerie
    10: ani 90: i ga continuà trankuij come gnente fose
    11: 2000 a crixi e i me riporta al fondo dea storia.

    MI ME VERGOGNO DE ESARE ITALIAN E SPERO KE EL VENETO DIVENTE INDIPENDENTE.
    2 E XE E VIE PA A LIBERTà: VENETO STATO E GOVERNO NASSIONAE VENETO!!!

    • luigi bandiera says:

      Vero…

      Mi me basta NDAR FORA DAEA PREXON TALIANA..!!

      Veneto stato, MLNV, AUTOGOVERNO, o no qual atro parke’ i xe tanti che uno nol pol rikordarse kax.

      FEMONE UNO E DE BON:

      IL RITORNO DELLA SERENISSIMA REPUBBLIKA VENETA KO SAN MARKUS.

      PODOPO SE SE ORGANIZZA…

      BASTA ITALIA..!!!!!!!!!!!

      BAAASSSSTTTTAAAA…!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. Claudio Soldati says:

    Forse un giorno non lontano impareremo ad incazzarci per davvero!!!

  5. Filippo83 says:

    Lascia davvero da pensare. 200 anni passati a dire “comandi” al padrone di turno, sempre con gli stessi problemi, sempre con le stesse frustrazioni, sempre con gli stessi risultati.

    • floriano says:

      APPOGGIATE VENETO STATO.org

      UN VENETO LO E’ SE IL VENETO LO FA’

      W L’INDIPENDENZA VENETA
      PAR TERA PAR MAR W SAN MARCO

      NON DOBBIAMO ASPETTARE CHE ALTRI DISONOREVOLI DEL GOVERNO OCCUPANTE DECIDANO DEL NOSTRO FUTURO IL FUTURO E’ NOSTRO E DELLE NOSTRE FUTURE GENERAZIONI

      VENETI ALZATE LO SGUARDO E BASTA DIRE SIORSI’ PARON LA RASSEGNAZIONE E’ IL MALE PEGGIORE DELL’UOMO CHE TOGLIE ANCHE LA DIGNITA’ DI ESISTERE,
      DICIAMO BASTA SCHIAVI D’ITAGLIA BASTA DI UNO STATO CHE PER NON AFFONDARE CI TOGLIE LA VOGLIA DI SORRIDERE AI NOSTRI FIGLI, BASTA BASTA BASTA!!!!!!!!!

      SVEGLIATEVI VENETI PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI
      E NON DITE CHE NON VE L’AVEVAMO DETTO.

      VENETO STATO.org

Leave a Comment