Venezia, antidoto alle invasioni

venezia

di ROMANO BRACALINI – Ogni luogo ha una carica di simboli riconoscibili che ne spiegano la scelta. L’Italia è sempre stata un mosaico, ciò che ha rappresentato la sua ricchezza e la sua diversità – a dispetto di un presunto unanimismo unitario – in cui a causa di questa molteplicità di storie e di culture, non era sempre facile ravvisare un elemento comune di identità. Gli stati preunitari italiani erano governati da dinastie straniere, sia pure italianizzate. I Savoia chi erano se non gli antichi vassalli del re di Francia calati in Italia dalle giogaie svizzere? A Torino la lingua dello stato era il francese, mentre la nobiltà subalpina si esprimeva in dialetto e considerava l’italiano, sorta di toscano ripulito, poco meno di una lingua straniera. I Borboni, cresciuti a maccheroni, erano d’origine spagnola, ma parlavano solo napoletano e avrebbero fatto fatica a riconoscere i vantaggi dell’indipendenza italiana avendo a cuore, come disse re Ferdinando I allo scrittore francese, Marc Monnier, solo “l’indipendenza napoletana”.

Roma aveva uno status speciale che esulava da ogni carattere politico contingente. Era la città del papa e il centro della cristianità. Non a caso entrò per ultima, e con qualche riluttanza, nella nuova compagine statale italiana che s’era formata tra interventi militari stranieri, trame diplomatiche, baratti e il disinteresse del popolo. La Toscana e il Lombardo-Veneto, gli stati meglio amministrati, dipendevano da Casa d’Austria. L’arciduchessa Maria Luigia governava il ducato di Parma e Piacenza. Le antiche dinastie autoctone italiane, dai Medici ai Gonzaga agli Estensi ai Visconti, erano decadute (o erano sulla via di esserlo) con le guerre di predominio tra Quattrocento e Cinquecento. In Italia comandavano tutti, tranne che i legittimi cittadini. Restava Venezia, che aveva dominato il mare e illuminato i secoli con la potenza delle armi e la civiltà delle sue istituzioni. Venezia era dei veneziani. Nessuno antico stato avrebbe potuto dire la stessa cosa. Quando la potenza ottomana cominciò a minacciarla su mare, nonostante alcune clamorose vittorie, come quella di Lepanto nel 1571, Venezia non riuscì a impedire una lenta ma inesorabile erosione dei suoi possessi nell’Egeo e nell’Adriatico.

La perdita di Cipro e della Morea la privavano delle basi strategiche che le avevano permesso fino a quel momento di resistere all’invasione musulmana. Per neutralizzare la continua minaccia da ovest, dopo una lunga guerra col Ducato di Milano, Venezia decise di stabilire i confini della sua estensione nella terraferma veneta. Nel 1405 l’esercito veneziano occupò Verona che fece libero atto di dedizione alla Serenissima, seguita dalle altre città venete. Così il sistema compatto e omogeneo di territorio che andava fino al confine lombardo costituì il Dominio veneziano “da terra”. Venne concessa una sorta di Costituzione politico-istituzionale, di tipo federativo, tra la Serenissima e i territori, le città venete e le molte comunità di valle che erano presenti nel vasto dominio. Città e comuni ebbero una larga autonomia, Venezia inviava i legati a rappresentare la Serenissima e i cittadini potevano mandare i loro ambasciatori a illustrare al doge le loro necessità.

Gli ordinamenti d’epoca comunale vennero restaurati, dopo gli arbitri e le limitazioni delle antiche signorie, le antiche libertà vennero assicurate dalla repubblica che anzi le rafforzò e le legittimò con proprie leggi rinegoziando, all’occorrenza, i contenuti giuridici delle autonomie, le esenzioni fiscali e le forme di unione con la Serenissima. Il leone di San Marco che decora la bandiera della Serenissima domina ancora le antiche fortezze, gli edifici, le torri dalla Dalmazia a Bergamo e Brescia. Nella furia iconoclasta che scoppia ad ogni cambio di regime italiano, i simboli calmi della grandezza veneziana restano dove sono stati messi senza iattanza o prepotenza. Venezia era questo e lo è ancora. Non vi sarà la festa di settembre. Sarà l’occasione per ricordare.

Venezia era caduta per l’esaurirsi di una missione storica. Non fu vinta o conquistata. I suoi nemici vi entrarono da ladri come in una casa lasciata incustodita. Cadde nelle mani di Napoleone che, con calcolo di sensale, la cedette all’Austria; col plebiscito farsa del ’66, dopo una guerra ingloriosa, venne annessa all’Italia. Ma il ricordo della Serenissima non andò perduto.

(da “Il Federalismo”, anno 2004, direttore responsabile Stefania Piazzo)

Print Friendly

Related Posts

Leave a Comment