Venezia 2018-Grande Nord, quelli che non vogliono morire leghisti. Il Nord ha bisogno di un Adriano Olivetti

IMG-20180915-WA0049

di STEFANIA PIAZZO – È esattamente il contrario. Non vogliono morire leghisti, nella lega denordizzata, come invece consegnano i sondaggi generosi al momento per il 30%  degli italiani. Una volta si doveva morire democristiani, oggi la vulgata suggerisce che occorre morire salviniani.

La Venezia 2018, non è un fatto di numeri. Che fossero 500, 800 o 1000 tra le calli sabato 15 settembre, i militanti della confederazione di Grande Nord, presieduta da Roberto Bernardelli, non è rilevante. Uno non vale uno. Sbrigare la faccenda come colore politico di nostalgici, reduci o neomelodici del va pensiero è facile, semplifica il modo con cui si liquida il coraggio di chi non ci sta a morire, appunto, leghista del corso odierno. Non c’è da ridere. Il dato politico c’è. Purché la si smetta di cercare il leghismo più puro. Quel “noi siamo i puri”, “loro i traditori”. Allora sì i giornali hanno tutte le ragioni a schiaffare in pagina i titoli da nostalgia canaglia, da ritrovo del dopolavoro.  Se la confederazione di Grande Nord vuole fare il grande salto, è oltre che deve pensare. La Lega è stata Bossi e Bossi pensa ad altro. Salvini poi è un’altra cosa ancora.

A chi fa opposizione, autonomista, indipendentista, federalista che dir si voglia, a prescindere dai numeri, deve essere chiaro che…
1- questo governo starà in piedi finché non decideranno che il debito pubblico non dovrà esplodergli sotto le terga
2- chi davvero governa un paese è chi occupa l’economia e gli esteri. Tutto il resto, vista la dotazione politica, è campagna elettorale
3- da un pezzo in giro non ci sono statisti, l’ultimo è stato impalato dopo Sigonella
4- il Nord ha bisogno di essere “sgrossato” da luoghi comuni e abbagli

 

C’è un libricino dalla copertina gialla che Giuseppe Turani mi regalò mangiando insieme alla pizzeria Santa Lucia in Galleria, a Milano, dopo una mia irriverente intervista che gli feci su altro suo libro ancora, “Scappiamo in Europa”. Il libretto giallo era “Il sogno del Grande Nord”. Già allora si cercava di interpretare il futuro di questa terra, profeticamente, già senza Bossi e Berlusconi. Ed era “appena” il 1996. L’idea della secessione aveva cortocircuitato la politica, il Cav aveva preso un’altra strada, i due si erano di fatto separati in casa e tutti i sogni di rivoluzione dopo Mani Pulite erano finiti miseramente. La sintesi di Turani era questa: “Tutti i disegni, o i sogni, elaborati dal capitalismo italiano durante gli anni Ottanta si sono dissolti. I poteri forti sono diventati poteri discussi, e i protagonisti di quella stagione ruggente sono ancora sulla scena, ma agiscono senza più avere obiettivi di rilievo strategico. Intanto lassù, nella frontiera del Nordest, è esploso un miracolo anarchico. E allora, che cos’è oggi il Nord? E’ un’economia alla disperata ricerca di qualcuno che la rappresenti politicamente. Sembrava avere trovato i suoi referenti in Bossi e in Berlusconi…. Fine delle speranze? Forse il destino del Nord è in un nuovo capitalismo”.IMG-20180915-WA0017

Da sottolineare e rileggere: “Un’economia alla disperata ricerca di qualcuno che la rappresenti politicamente”. Vent’anni fa come oggi.

Lo snodo è sempre lo stesso, acutamente infiammato da decenni di nulla di fatto. E da una economia che cambia e non ha riferimenti politici.

Eppure basta porsi una domanda: chi parlò per primo di questione settentrionale? Non la Lega. Questa formula circolava nell’ambiente milanese negli anni ’50 attorno ad Adriano Olivetti. Lo spiegò bene lo storico Luciano Carfagna in un capitolo di un altro libro, “La questione settentrionale”, edito nel 2007 dalla Fondazione Feltrinelli e a cura di Giuseppe Berta, docente di Storia contemporanea alla Bocconi. Lo stesso che, nel 2015, riprovò a interpretare i mali del Nord nel suo “La via del Nord”, recensito, guarda casa, da Peppino Turani.

IMG-20180915-WA0016

Si legge (da Il quotidiano nazionale del 12 aprile 2015):  “Nel libro di oggi, “La via del Nord”, Berta non crede più nemmeno a una delle illusioni che per anni hanno alimentato il mito del Nord e della Padania. Si è perso tutto per strada: la via del Nord si è smarrita. E quel territorio non ha più niente da indicare al resto del paese (…).  Ma il Nord, questo Nord orgoglioso, capace e intelligente, non ha nemmeno saputo difendere il proprio territorio, che ormai viene devastato a ogni pioggia appena un po’ insistente. Della “buona amministrazione” pubblica non si ha più notizia. Ma, soprattutto, in questo Nord non ci sono più idee e progetti. Si tira a campare. Nel Nord di una volta si aggiravano personaggi come Adriano Olivetti e altri capaci di inventare il futuro e di costruire una nuova società. Laboriosa, certo, ma anche abbastanza giusta. Oggi, invece, il Nord è un insieme di attività senza una direzione, senza un disegno. Certo, l’ultima crisi lo ha colpito duramente. Ma i segni del declino, scrive Berta, erano già tutti presenti, bastava vederli. E, a tratti, sembra dispiaciuto di aver scritto  dieci anni fa il primo libro sul Nord, assai più positivo. Grande esempio di onestà intellettuale. Ma, purtroppo, si deve convenire che il Nord di oggi è quello che lui descrive: è come il resto del paese e come quest’ultimo non sa come fare per uscire dalla crisi e per ritrovare un futuro”.

IMG-20180915-WA0051

Il Nord è lo specchio di chi, oggi? La classe politica si è italianizzata, meridionalizzata, la Brianza è diventata terra in cui la politica si è inquinata con le cosche. Perse le difese immunitarie, tutto sembra essere fagocitato dalla rassegnazione, dal malgoverno, dalla corruzione politica, dal baratto elettorale, da una società che non è più neanche “abbastanza giusta”. Meno Nord più Sud più voti.

Possiamo forse dire allora…: Venezia 2018, per piccina che tu sia, hai smosso il silenzio funerario con un sogno. Ma occorre costruire le alleanze, smettere di avvelenare di risentimento il presente, studiare per fare politica, allacciare le relazioni con i piccoli e grandi eredi di Olivetti sul territorio a cui stanno stretti i binari populisti che stanno sgretolando l’idea di Europa in cui, guarda caso, proprio gli indipendentisti vogliono restare. Vedi la Scozia, vedi i catalani. E i padani, post leghisti di Grande Nord? Lo spazio c’è, ma dopo gli slogan,  nella fatica della politica occorre consumare le sinapsi.

IMG-20180915-WA0026

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. Ric says:

    Restare in Europa è una via di fuga , non un progetto .
    Sentirsi qualcuno in grado di contribuire per capacitá ed esperienze , nonchè ricerche e studi per determinare vero progresso è strumento e finalitá che implicita motivazione e utilitá .
    Sinapsi hanno efficacia se attivano configurando compatibilitá e contenuti decisivi ; se come pare , si evidenziano difficoltá di flusso comunicazionale efficace , abbiamo maggiormente bisogno di trasduttori , ossia metabolizzatori di entitá dissimili in grado di saper sinergizzare una risultante di energie e forze con linguaggi e dinamiche incompatibili .
    Se inizi col portare a casa speranza , e poi novitá , e poi visione che fa ragionare , che aumenta e vive togliendo spazio alla depressione necrofila del nulla , allora fluisce il contagio di una motivazione e di un entusiasmo che veicolano le libertá di ogni coraggio .
    Forme ideologiche , geopolitiche sono incompatibili con l’evoluzione , ossigeno per i polmoni e deregulation per formattare imprigionate menti , e sterili passioni .

  2. Riccardo Pozzi says:

    Tutto giusto, prima però è indispensabile che, chi oggi vota Lega pensando di votare per un progetto federale, si svegli dal torpore e inizi a guardare in faccia alla realtà e a non vivere di sogni nei sondaggi. Dall’altra parte serve anche che chi vota lega come un partito nazionale di destra che parla di immigrati, pensioni e tasse, tacendo colpevolmente sulla spesa pubblica e sulle responsabilità territoriali riceva qualche sonora sberla di realismo dai primi democristiani provvedimenti economici del governo.
    Detto questo io ho seguito l’intervento di Boni che politicamente conosco bene e qualche anno fa andai a intervistare nel suo ufficio di presidente del parlamento regionale. Ricordo che il suo Alberto da Giussano in peltro era in un angolo a fermare alcune vecchie carte e il suo tono era decisamente meno barricadero. Non possiamo non ricordarci di quanto la vecchia classe dirigente abbia colpe nell’aver portato il movimento a perdersi nel Salvinismo e nel “prima gli italiani”, che tradotto in soldoni vuol dire che il nord arriva sempre dopo.

  3. mumble says:

    Scappiamo in Europa è già un paletto ideologico non da poco e il richiamo all’europeismo catalano e scozzese non è inutile: il seme dell’antieuropeismo piantato dalla Lega Nord ben prima di salvini, ha permesso di far germogliare il sovranismo.
    Ho già più volte detto che il sovranismo è l’ultima trincea della classe dirigente italiota alla vana ricerca di una restaurazione dello stato nazione impossibile: una classe furba che ha infiltrato la lega nord per confondere i padani, per far credere che tutto è cambiato affinchè nulla cambi.
    Dunque bisogna far capire, anche se con un ritardo di 20 anni, che l’Europa è buona e l’itaglia è finita, come sono finiti gli imperi e i regni nella storia.

Leave a Comment