Indipendenza, il Veneto Serenissimo Governo pagherà il referendum

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Il Veneto Serenissimo Governo, erede e continuatore della storia, tradizioni e cultura Veneta, preso atto del grande pericolo in cui si trova la Veneta Patria e preso atto dell’incapacità del governo Italiano di gestire l’attuale grave situazione politica ed economica, prima che questo Stato ci porti all’interno di un conflitto dagli sbocchi imprevedibili, con lutti e immani sofferenze non solo per il Popolo Veneto ma per tutti i Popoli coinvolti, intende chiudere in maniera pacifica e nella legalità internazionale la controversia tra lo Stato Italiano e il Popolo Veneto. La controversia riguarda il diritto del Popolo Veneto al suo libero arbitrio: indipendenza della nostra Patria (Veneta Serenissima Repubblica).

Pertanto il Veneto Serenissimo Governo a nome del Popolo Veneto, nell’intento di rimuovere tutti i pretesti burocratici ed economici finora escogitati, per non rifare il referendum, intende assumerne tutti gli oneri economici necessari per il suo svolgimento; e pone come base per le trattative questi sotto elencati punti:

1- Costituzione di una commissione quadripartita presieduta dalla Francia e composta da Austria, Italia e Veneto Serenissimo Governo per il controllo della regolarità del rifacimento del referendum del 1866 che unì illegalmente il Veneto all’Italia.

2- Consegna di tutte le basi militari Italiane e il loro materiale alle autorità militari francesi.

3- Nomina di un generale francese plenipotenziario per la gestione provvisoria dell’amministrazione militare e civile, e per la gestione e la proclamazione dei risultati del referendum.

4- I quesiti del referendum dovranno essere:

              a- Voglio che il Veneto sia inserito nella Repubblica Italiana

              b- Voglio che sia ricostituita la Veneta Serenissima Repubblica libera ed indipendente

5- Non interferenza delle basi N.A.T.O. e USA presenti sul veneto territorio durante lo svolgimento e la preparazione del referendum.

6- Qualsiasi ingerenza da parte di chicchessia durante la preparazione e lo svolgimento del referendum sarà considerato atto ostile.

7- Immunità diplomatica per i membri del Veneto Serenissimo Governo, per i propri plenipotenziari e delegati.

Nel contempo il Veneto Serenissimo Governo prenderà atto della volontà del Popolo Veneto e rispetterà i risultati del referendum. Se la maggioranza dei votanti sarà per l’unione con la Repubblica Italiana il Veneto Serenissimo Governo si scioglierà, in quanto non più rappresentante della volontà del Popolo Veneto.

Il Presidente del Veneto Serenissimo Governo

Luca Peroni

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

26 Comments

  1. della Scala /=\ says:

    FRANCESI !?!?!?!?!?!?!? ma sio fora come i moloni ?

    gli stessi francesi che ci hanno rovinato nel 700 ? gli stessi francesi di hollande ? o gli stessi francesi ultranazionalisti di Le pen !? ma ve rendio conto de quel che dixì ?

    se pol mia far presiedar a l’austria ? che almanco co i taliani non i ga mia tanto feeling ?

    bah comunque ghe volea un colpo de man del veneto serenisimo governo !!!

    WSM

    saluti

    • L'incensurato says:

      Domanda che mi sono fatto pure io:perchè la Francia? E’ politicamente più “sicura” dell’Austria come consegna delle basi italiane? Veneto Libero
      Padania Libera

  2. Carlo says:

    Indipendenza Veneta, Futuro Popolare, Il Veneto Decida e Plebiscito2013 stanno portando avanti un progetto serio e con personalità di spessore…
    Gli “autogoverni” o pagliacciate simili che si occupino delle loro cose e non vengano ad infangare un progetto serio, finora approvato da 110 comuni veneti. GRAZIE

  3. erik says:

    Bene, basta che si faccia qualcosa e lo si faccia rapidi! Tutto piuttosto dell’immobilismo attuale!

    (Poi sulla fiducia che riponete sulla francia ho dei grossissimi dubbi…avete elementi a favore della vostra tesi?)

    • luigi bandiera says:

      erik, concordo..!

      Ea Fransa ke pena ke a ga podesto a ga bombarda’ a destra e a sanka o manka no xe fidabie. Podopo kol strakan del so napoeon ne ga maltrata’ pexo dea famoxa peste..!

      Pa fermarne, i taibani se ga fato na lexe dita MANCINA/O.

      Se nialtri se metemo in kontrasto ko i taibani de seguro saremo ditai pa xenofobi, rasisti e tante altre monae.

      Xa deso ke se pacioea soeo i ne o dixe. Imajinemose podopo.

      E lexi taibane e xe su baxe romankatokomunistislamika ke serve a tegner unio sto KAX de ALKATRAZ.

      Tute e so lexi se fa aea pi’ bella der monno, dixe i romani, che a xe senpre a so favor. Fata Ad territorium SUO..?

      No eo kapise i inparai taibanveneti, kome farai a kapirla i gnorantoni senpre taibanveneti..? PREGHEMO!!

      Pa i usa e jeta, no ghe xe skanpo: ori ga vinto ea sekonda guera totae del mondo. Ghe xe un dirito ke se pol skancear soea ko naltra guera totae, salvo… Ori ga e baxi qua parke’ i ga dirito.

      Penseu ke se al governo podopo ea sekonda guera, invense dea DC ghe fuse sta el PCI de Togliatti, i saria stai boni..? El PCI ghe jera ma xe sta senpre un fia’ in ombra… seben kel faxeva e el serkava de ciapar el poder.

      Inparemo da i fati: Visensa e ea so baxe miitar. (Sigonea xe sta na parentexi ke no se ga pi’ ripetuo).

      I ga serka’ de esar asetai daea xente visentina… no a xe ndada ben ma e apunto, seben ke tanti no la voeva ea’ i xe restai.

      Ma no i xe el mal ne minor e ne major… pa deso.

      Saria da vedar kuando se komisiera’ a movar pasi da omani LIBARI..!

      Mi son nda’ a laorar nei so siti e go visto do resinsion: una interna soa dei usa e jeta, e una esterna fata dai taibani.
      So sta spece de koridoio ghe jera i miitari taibani a far da guardia.
      El kanceeto taiban jera anka fasie da pasar, ma kealtro: a ghe voea a garansia de i so kaporioni in akordo ko i gran kapi taibani. (da no konfondar, gnanka sul pisar, taibani co TALEBANI).

      Quindi..??

      Ki vivra’ vedra’.

      Amen

    • L'incensurato says:

      Per me è follia pura la Francia. Dalla fine di Chirac è un paese n.a.t.o al 100%: volete importare il modello “Serbo-Kosovaro” in Veneto?

      • GeertWilders4president says:

        Le Pen vuole uscire dalla Nato e allearsi con la Russia. D’altro canto anche gli U.S.A. sono allo sfascio e presto la vi si formeranno nazioni indipendenti.
        Obama dovrà accontentarsi di andare in Islamia dove i suoi amici fratelli musulmani lo accoglieranno a braccia aperte.

  4. Ernesto Furioso says:

    Secondo il mio modesto parere,le basi NATO/USA saranno il problema più grosso e insormontabile.
    Se si vuole la piena sovranità dovrebbero sloggiare pure loro,non esistono trattati tra gli Usa e la futura Repubblica Veneta che molti,me compreso,vorrebbero neutrale come la Svizzera,credete che accetteranno la stipula di nuovi trattati?.
    Ci rideranno in faccia.

  5. Sandrino Speri says:

    Le norme giuridiche internazionali riconoscono ad ogni essere umano e ad ogni popolo diritti umani inviolabili,inalienabili e imprescrittibili.Diritto all’esistenza, alla identità e all’autodeterminazione,sono diritti innati fondamentali,che si hanno cioè fin dalla nascita e sussistono finchè ci sono individui e popoli.Serenissimi coglioni,se si perdesse il referendum,i diritti del POPOLO VENETO,RIMAREBBERO INTATTI,perchè il popolo Veneto mantiene una propria soggettività giuridica e politica ben distinta da quella dello stato occupante.Come dice H.Gros Espiel,giurista di fama internazionale:”il diritto all’autodeterminazione ha una virtualità permanente,che significa che finchè c’è il popolo c’è questo diritto.

    • Esatto, sarebbe come dire che se la maggioranza dei cristiani vota di essere musulmana, io divento musulmano, che stronzate…

    • luigi bandiera says:

      Vero Speri,

      lo spirito dei diritti umani piu’ o meno poi altre carte e trattati che li consolidano ha deve avere quel senso. Aggiungo che non vi si puo’ rinunciare al diritto umano.

      Ovviamente a parole e pensieri. Purtroppo nei fatti sembra che tutti si girino dall’altra parte..!
      L’itaglia poi, sul tema, e’ veramente prima monniale.

      PSM

  6. luigi bandiera says:

    Dixemo ke i veneti se pol parmetar un referendum, anka do: invense de mandarli a roma da senpre predona i paga i so referendum.

    Dognimodo xe da svejar i stati foresti sul fato ke el popoeo veneto vol esar ju el protagonista kome del resto e xe sta par mieni. Vol stabiir el so destin.

    Tegnerlo soto, ko varie skuxe demokradeghe, xe un ato kriminae.

    Lexo, komunkue, ke no xe kusi’ tanto fasie.

    I taibani xe drio far na propaganda a pro talia da ver anka un fia’ de paura.

    El parke’ xe ne el fato ke kalkosa ghe xe drio skanpar de man e i podaria far tiri da mato.

    Dognimodo, preghemo San Marko.

    PS:

    l’Algeria a ghea ga fata ko na bea parsentuae de analfabeti: no vorì mia dirme ke nialtri, ko na sfilsa de inparai, no podemo farghea..?

    • pierino says:

      saria che TUTTI i vari indipendentisti e simili i scriva grosso e ciaro in prima pagina so tutti i siti che in Veneto dal 25 aprile 2014 se stacca la spina.

    • pippogigi says:

      Mi fa piacere che si usi il Veneto, riesco a capirlo anche se in tutta la mia vita sono stato solo un giorno a Venezia e mi fa piacere che non si usi lo schifoso italiano, la lingua degli occupanti, non ho amici e non ho parenti veneti. Ma capisco anche il lombardo occidentale, l’emiliano ed il ligure, il che è logico, visto che tutte queste lingue appartengono al gruppo delle lingue gallo-padane.
      Però al contrario se io usassi il francese ed il piemontese voi non capireste nulla, presumo.
      Comunque mi avete incitato ad impegnarmi di più nell’uso della mia lingua materna (e paterna e dei nonni e dei bisnonni).
      Un dubbio, la moderazione me li passerà lo stesso i miei interventi?

      • pierino says:

        oltre che un piacere è pure inserito in questa legge regionale

        http://www.consiglioveneto.it/crvportal/leggi/2007/07lr0008.html?numLegge=8&annoLegge=2007&tipoLegge=Alr

        e pensa un po che per voler parlar Veneto nei tribunali del Veneto, (dove funzionari a stento parlan italiano corretto) qualcuno si è visto archivaire un avviso di garanzia …
        http://www.lindipendenzanuova.com/archiviate-le-accuse-per-rocchetta-gardin-quaglia-e-perucca

      • Giancarlo says:

        Lo capisci, come lo capiscono all’ingrosso un po’ tutti, non importa se da sopra o sotto la linea gotica, perché il veneto tra le parlate padane è la più affine al toscano, in ogni caso decisamente di più che non diversi idiomi meridionali, e questo nonostante i patetici sforzi dei vari Pento e Bandiera di inventarsi una grafia che lo differenzi il più possibile dall’italiano. Il piemontese invece, con il ladino, il friulano e il sardo, è la parlata più lontana dall’italiano, quindi fai bene a non usarlo perché non si capirebbe probabilmente nulla. Il che non toglie che sia un dialetto e non una lingua perché nei secoli le sue classi dirigenti non l’hanno MAI riconosciuta come tale. Se valesse il criterio della intercomprensibilità, allora lo spagnolo sarebbe un dialetto dell’italiano o viceversa.

        P.S. A proposito, ma Pento non era stato bannato? Uhm, qui gatta ci cova….

      • GeertWilders4president says:

        Il lombardo lo capisco, ma non lo parlo. L’italiano, come dici tu, è orrido (se restava ai soli toscani – veri madrelingua magari oggi lo consideravamo un pò diverso, ma sarebbe anche stato parlato un pò meglio).
        Le mie lingue preferite però sono quelle germaniche.

  7. giorad says:

    Ma è roba seria?….

Leave a Comment