Veneto, il referendum digitale si terrà a febbraio 2014

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Il comitato referendario Plebiscito2013 dà il via al piano operativo per l’indizione del Plebiscito Digitale. Il dispositivo, corredato da relazione ed allegati, sarà consegnato questa sera ai coordinatori di Plebiscito2013 che inizieranno la diffusione del provvedimento presso tutti i Comuni e le Province del Veneto per la sua approvazione.

È stata fissata la data in cui si terrà la consultazione: domenica 16 febbraio 2014 (16 febbraio 2013 more Veneto).

Il Plebiscito Digitale si svolgerà in tutti i Comuni del Veneto, indipendentemente dall’approvazione degli Enti Locali, grazie alla predisposizione e inizializzazione della piattaforma internet preposta.

Gianluca Busato, portavoce di Plebiscito2013 ha commentato: “il Plebiscito Digitale ha caratteristiche che lo rendono in questo momento l’unica soluzione percorribile, senza timore di alcun freno da parte della partitocrazia italiana. Esso si basa infatti sui seguenti punti cardine:

  • è nel solco della piena legittimità internazionale,
  • rispetta il diritto interno dello stato italiano,
  • è a costo zero per la pubblica amministrazione,
  • la sua economicità libera risorse da destinare alla comunicazione verso i cittadini,
  • ha un piano operativo ben definito e già avviato,
  • è una soluzione innovativa e segue il metodo Bertolissi”.

Tali caratteristiche erano state anticipate la settimana scorsa attraverso un comunicato che ne illustrava le relative argomentazioni.

Ha quindi dichiarato Gianluca Busato: “il Plebiscito Digitale sarà monitorato a livello internazionale da organismi preposti a tale compito. Plebiscito2013 ha già dato il via ai primi passi procedurali in tal senso, per poter garantire alla consultazione popolare la necessaria certificazione di qualità e di rispetto degli standard di democrazia, accessibilità e di trasparenza necessari per renderlo quindi fattivo, secondo quanto previsto dal diritto internazionale.”

“A tale scopo, l’iniziativa Plebiscito Digitale, oltre a permettere la risposta al quesito “Vuoi che il Veneto diventi una Repubblica Federale Indipendente e sovrana? Si – No” introduce un nuovo meccanismo che ne permetta la sua esecuzione in caso di vittoria dei sì.

Il meccanismo prevede infatti la votazione sempre direttamente da parte dei cittadini veneti di una delegazione di dieci cittadini veneti chiamati a rappresentare le istanze derivanti dall’eventuale prevalenza dei Sì nel Plebiscito Digitale.”

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

31 Comments

  1. Andrea says:

    L’itaglia non riconoscerà mai nulla di quello che in Veneto sarà fatto per l’indipendenza.
    Bisognerà prepararci ad una secessione con la forza.
    Siamo ancora troppo all’acqua di rose, ce lo facciamo mettere nel c..o ogni giorno ma oramai ci siamo abituati e forse a qualcuno piace pure.
    Fintanto che non ci saranno piazze piene di gente incazzata e qualcuno che cominci a far saltare tralicci e ponti come facevano in sudtirol non ne caveremo un ragno dal buco.
    Non è il Veneto che se ne deve andare dall’itaglia, ma lo stato itagliano, occupante, che deve essere cacciato dal Veneto.

  2. Cesira says:

    Per me quella di plebiscito è una buona iniziativa.Busato è una persona intelligente e preparata che cerca strade alternative per realizzare l’indipendenza del Veneto.
    Penosa e disarmante invece la replica di un paio di personaggi balordi e incapaci che purtroppo condiscono con i loro miseri veleni le pagine di questa interessante pagina giornalistica.Per fortuna che il Veneto ha gente ben diversa da questi due impotenti seminatori d’odio.

    • VOX VERITAS VITA says:

      Per quanto mi riguarda tu, Michele, Gianni ed altri, potreste essere tutti nick-name seu alias dei fedelissimi mindless di Buxology & Co.

      C’è chi preferisce la verità agli inganni, se odio è dire la verità preferisco essere odiato che amato mentendo.

      Conoscendo il metodo Buxology, sarei curioso di conoscere la piattaforma digitale che intende adottare per questa ridicola consultazione senza arte, ne parte, e senza valore legale, par altri stati e per l’ONU medesimo.

      Spero non usi il metodo delle banche dati e fake autografi in voga dal 2009, altrimenti scommetto che dei 3.438.790 aventi diritto al voto della regione veneto ( visto che non seguite nessun ius sanguinis); ci troveremo talmente tanti voti ( validi per Buxology), facendo resuscitare morti, stranieri, e veneti da mezzo mondo.

      D’altronde con queste menti di ingegneria dobbiamo, aspettarci di tutto !!!

      DOMADA: ” Ma Bertolissi, noto costituzionalista italiano e prof. universitario ( reale e non presunto), è a conoscenza del fatto, che state utilizzando e abusando del suo buon nome, per la vostra propaganda ? ” Tanto per sapere; perché conoscendovi da voi, ci si può aspettare di tutto….ma proprio tutto !!!

      Nutro seri dubbi che un COSTITUZIONALISTA affermi che una consultazione digitale, possa modificare in qualsiasi modo la costituzione italiana rigida, lunga, scritta ecc….ecc….

      Ma sono sicuro che voi siete nel giusto, e questo viene confermato anche dal fatto che la legge ordinaria non riesce nemmeno a togliere le provincie previste dalla costituzione. Questa, si è vera intelligenza in materia di diritto !!!

      Dove non riesce la legge ordinaria per fonte inferiore alla costituzione, riesce un plebiscito o consultazione digitale, e una regione italiana senza personalità giuridica internazionale NON essendo le regioni annoverate tra i soggetti di diritto internazionale….che menti !!!!

      • pierino says:

        modificare la costituzione italiana ?
        non hai capito proprio nulla

        • VOX VERITAS VITA says:

          Il problema è che voi non capite proprio NULLA assieme all’ignoranza dei vostri avvocati !!!

          NON SI PUO’ SCAVALCARE LA COSTITUZIONE CON UN DIRITTO CHE NON ESISTE ….FICCATEVELO IN QUELLA TESTA VUOTA !!!

          L’INDIPENDENSA DEL VENETO XE NA QUESTION CHE INVESTE L’ITALIA NEL SO COMPLESO, E TUTI I SO RESIDENTI PARI DAVANTI AEA LEGGE ITALIANA. I VENETI PAR CIAMARSE FORA I DOVARIA COMUNQUE IN PRIMIS, ESERE RICONOSUDI DAL DIRITO ITALIANO COME RESIDENTI A SE STANTI RISPETO AI ALTRI RESIDENTI ITALIANI, MA QUESTO XE STA CATEGORICAMENTE SMENTITO DAL CONSEJO DE STANTO 2010, CHE SANCISCE L’INESISTENSA SECONDO EL DIRITO ITALIAN DE UN POPOEO VENETO, MA SOLO DE RESIDENTI ITALIANI SO NA REGION CHIAMATA VENETO, PARI PER DIGNITA’ E DIRITO A TUTI CHEALTRI ITALIANI !!!!

          UN AVENTE DIRITO AL VOTO IN ITALIA, NON POE ESERGHE IMPEDIO DE VOTARE PAR UN REFERENDUM CHE CONINVOLGE COMUNQUE RESIDENTI ITALIANI.

          QUALCUN PODARIA OBIETARE CHE NEA FUSION DE COMUNI E ALTRO, VIEN SENTIJ SOEO I RESIDENTI DE CHEI COMUNI…..VERO !!! MA NEL CASO SPECIFICO QUA SE TRATA NON DE NA DISOLUSION DEL ITALIA, MA DE NA SECESION DE NA PARTE DEL TERITORIO, CHE CREA LA FORMASION DE UN NOVO STATO O EX-NOVO. DE CONSEGUENZA ESENDO LA MATERIA DE CARATERE INTERNASIONALE E NON SOEO NAZIONALE, COINVOLGE TUTI I RESIDENTI ITALIANI AVENTI DIRITO AL VOTO. CHE COMUNQUE ANCHE NEL CASO DEA DISOLUSION DEL ITALIA PAR FORMARE NOVI STATI, ESENDO LA MATERIA DE CARATERE GENERAE DOVARIA ESERE SENTIJ TUTI I ITALIANI !!!

      • Cesira says:

        Per quanto mi riguarda Vox tu e quell’altro margarina potreste essere dei collaborazionisti italiani.Quel modo meschino,un po’ folle e contrario a tutti e a tutto che avete di porvi nei confronti degli altri opinionisti mi fa pensare a questo.Non parlare di verità perchè le tue verità non sono minimamente la verità assoluta.E’ solo la tua verità di italiano vero.

        • VOX VERITAS VITA says:

          La mia verità è solo quella del diritto e delle vie reali, non della propaganda post leghismo via web.

          Il tuo problema, come quello di tanti altri, è la tua ignoranza di diritto ….punto e basta.

          I falsi profeti, con voi hanno campo libero, credereste a tutto senza una minimo dubbio e interesse personale per analizzare le cose.

          Io pensavo che la religione avesse dogmi, mi sbagliavo, i veri dogmi sono in politica, e basta far di un libro farcito di luoghi comuni, e libere interpretazioni dottrinali una Bibbia ???? ALLA FACCIA DELL’OSCURANTISMO RELIGIOSO !!!

          Ripeto, in nessuna università pur col fior …fior di avvocati, personalità, prof. ecc….che millantate di avere, si è mai parlato di INDIPENDENTISMO, PERCORSO LEGALE E CAVOLATE VARIE.

          Credo che a Giurisprudenza a Padova, vi riderebbero tutti dietro. Ad ogni modo è molto meglio fare le convention, congressi ecc…ecc…sul indipendentismo a Jesolo in costume, o a Gallio in mezzo alle caprette di Heidi, per avere maggiora credibilità, invece di fare questi incontri nei centri del vero sapere come le università italiane ( piaccia o non piaccia).

          Anche perché il prof. dott. Bertolissi è ordinario proprio dell’ Università di Padova, non di una università albanese o grande scuola del cepu.

          VI LASCIO CON L’ULTIMA MIA DISANIMA IN VENETO, PERCHE’ A DIFFERENZA DI UN NOTO AVVOCATO INDIPENDENTISTA, IO NON MI VERGOGNO DI PARLARE COME MANGIO …E COME SONO…..VENETO !!

          Questo discorso vale per IV, VS, PLB, E CAGATE ITALIANE ANNESSE E CONNESSE !!!

          VI ALLEGO INOLTRE IL GIURAMENTO SULLA COSTITUZIONE ITALIANA DEL PRIMO SINDACO INDIPENDENTISTA ITALIANO A VEDELAGO !!!

          Quando un avocado parla de: ” FORSATURE DEL DIRITO, DIRITO SUPER COSTITUSIONAE, DIRITO PRE-COSTITUSIONAE, SCAVALCARE LE PREROGATIVE DEA COSTITUSION ITALIANA E FREGARSE DE ROMA ( dopo che el se gheva candidà ae poitiche nasionai par andar xo Roma), e soratuto non capisse che na region NON xe un stato e non xe sogeto de dirito internasionae ( E LO DIXE TUTI I LIBRI DE DRITO INTERNASIONAE) …..ME SORGE UN DUBIO ???? DOVE GAEO CIAPA’ LA LAUREA IN GIURISPRDUDENSA ????

          GIURAMENTO DI UN VERO SINDACO INDIPENDENTISTA VENETO !!!!

          http://www.comune.vedelago.tv.it/Deliberazioni/Consiglio-Comunale/2013/13-06-2013/contentParagraph/02/documentPdf/16.pdf

  3. Giordano Margarini says:

    Solita pagliacciata busattiana.
    Chi è abitato a tirare sole galattiche, a lanciare proclami rutilanti e bolsi, a spacciare ingenui visitatori di sagre paesane per congressisti di partito, a organizzare congressi farsa senza numero legale e senza rispettare regolamenti e statuti, a fissare date per tenere referendum mai approvati è ovvio che continui a rilanciare.
    Come il baro che sta perdendo la partita a poker ad ogni giro rilancia bluffando e millantando carte che non ha, cosi l’esimio Gianluca ne inventa una nuova ogni altro mese per attirare i soliti creduloni e mantenere il suo seguito di fessi e la corte di sbandati.

    Ricordiamoci che il nano malefico, ormai attempato, nella sua storia ha collezionato, oltre all’espulsione dalla lega nord, ben tre spaccature con fuoriuscite di tre organizzazioni/partiti diversi: nel 2007 il Movimento I Veneti, nel 2011 Veneto Stato, e ora Indipendenza Veneta.
    Ad ogni passaggio si è tirato dietro alcuni creduloni che gli hanno dato fiducia, ma che ha perso nel corso del tempo fino alla successiva spaccatura dove si scontrava con i vecchi amici e sostenitori e veniva accompagnato dai nuovi ingenui creduloni che nel frattempo gli altri avevano convinto ad entrare.

    Attendiamo frementi la prossima spaccatura del plebiscito 2014 con creazione di “Regionali 2015”,

    • VOX VERITAS VITA says:

      Vedo che conosci bene il personaggio in questione …. e non tralasciamo la banda del buxo & co., di dottoresse, prof. universitari dalle università straniere più disparate, avvocati e mai nessuno che abbiamo parlato di indipendenza, in una singola università italiana nel Veneto. Perché ????

      Agli incontri nelle università, preferiscono incontri e conferenza dai montanari ….a che pro ????

      Anche questa volta scommetterò per il febbraio 2014, avanzo così tante cene e pranzi, che dovrebbero regalarmi un ristorante.

    • Michele says:

      Sarà anche una pagliacciata busattiana (che fra l’altro hanno provato anche in Sud Tirol dove penso lui non sia stato interpellato), ma fino ad ora è l’unico che sta veramente cercando di smuovere la situazione, in un modo o nell’altro …..

      Non per difendere la persona, che non conosco personalmente, ma per constatare i fatti …..

      Io mi continuo a chiedere: cosa stanno facendo gli altri ????????????????????????

      • VOX VERITAS VITA says:

        Ma cosa fai tu ….semmai !!! Buxology ha fatto solo macerie e danni !!!

        Un misogino prima donna delle cause perse, ma quali risultati, ma quali valori, ma quale risveglio delle coscienze. Un bluff vivente !!!

        Ma tu cosa pensi, che lui si sia mosso a gratis in tutti questi anni ??? Per il bene collettivo e disinteressato di un popolo veneto non riconosciuto da nessuno ???

        Le opere e i fatti parlano, come i risultati politici. Cosa serve smuovere una situazione illudendo le persone, se tanto alla fine, nulla cambia ?

        La vanagloria personale di certe persone, ha determinato la fine della Serenissima, ora stanno anche uccidendo gli ultimi veri veneti, con le loro propagande a tavolino.

        • gianni says:

          parlano i fatti :
          IV è un partito itaoiano che mira ad esser il primo partito del veneto
          morosin è dal 1999 che sparla d indipendenza e vende libri
          plebiscito è nato da poco, ha raccokto a destra e sinistra SENZA bandiere politiche e porta al voto referendario
          vox veritas vita ha qualche post in questa rivista online, del tutto ignorabile nella scena indipendentista

          • VOX VERITAS VITA says:

            L’avvocato in questione è quella specie di “veneto” circondato da due oche giulive (veline), che davanti a una platea di veneti, l’8 novembre a Grisignano ha detto:

            “Scusate, io preferisco parlare veneto, per essere più comprensibile a tutti.”

            Perché VOI E QUEL BRAVO AVVOCATO ITALIANO, non rispondete alle seguenti domande ???

            DOMANDE AGLI AVVOCATI DEI PARTITI INDIPENDENTISTI ITALIANI …ANCORA IN ATTESA DAL 2011 DI RISPOSTE SODDISFACENTI !!!

            1) Come fa la regione veneto a indire un referendum sull’indipendenza quando non ha personalità giuridica internazionale e per sentenza del consiglio di stato 2010 non rappresenta nessun autogoverno e nessun popolo veneto ?

            2) Lei è a conoscenza del fatto che la regione veneto è un ente amministrativo italiano dal 1972 e non un Parlamento autonomo ?

            3) Lei sa che la materia internazionale inerente i trattati internazionali ecc… in base all’art.75 della costituzione è esclusa dall’istituito referendario ?

            4) Perché andate giù a Roma come la lega (elezioni 2012), quando dal 2009 (allora PNV), avete sempre detto che non sareste mai andati a Roma ?

            5) Come fate a dire che andate a Roma a dare visibilità al simbolo quando cambiate simbolo a ogni elezione ? Forse per fare lavorare aziende di marketing (Bellocia’s docet) ?; 6) Le 30.000 firme (???) raccolte erano veramente per l’Europa, o servivano per presentare le vostre liste a Roma ? Corrisponde al vero che i partiti indipendentisti di VS e IV, sono registrati al Viminale come partiti autonomisti, per non essere incostituzionali nei confronti dell’art.49 della costituzione italiana ?

            7) Come mai avete interessato l’Unione europea della questione “Indipendenza del Vento”, quando l’EU non si interessa della sovranità interna degli stati membri, e soprattutto non prevede istituti referendari visto che demanda per i referendum alla legislazione dei singoli stati membri ? Se la raccolta di firme non aveva altri scopi se non creare un consenso europeo, a ben vedere con la sua legislazione è stata una raccolta inutile per lo scopo prefissato, non credete ?

            8 ) Con quali atti ufficiali e documenti vincolati, ha risposto Barroso, spero non consideriate una lettera privata (semplice corrispondenza) come un atto di diritto dell’EU ? Gli effetti si sono visti !!!

            9) Cosa serve avere indipendentisti che sostengono la regione veneto in una città come Treviso ? Non vi rendete conto, che se vi sentite rappresentati dall’Italia vi determinate come italiani e basta. Un principio di autodeterminazione senza determinazione a cosa serve ?

            10) Con il consenso vi porrete contro la costituzione italiana; cosa farete una volta sollevato per via giudiziaria il principio di costituzionalità, e la corte vi dirà che il referendum non ha valore e non può essere fatto in Italia ? Fate la GUERRA ? O direte si GRAZIE ITALIA …OBBEDIAMO !!! Riuscite a capire il NON senso delle vie democratiche e pacifiche che proponete ?

            11) Voi non capite che la costituzione italiana del ’48 non è mai stata violata ( nemmeno dal Trattato di Osimo con basi sul trattato del’47), che il principio di autodeterminazione tanto sbandierato dalla ris.44 è stato recepito in Italia già nel’77, quindi è di pari grado costituzionale ( in Italia non esiste un grado superiore per le fonti), di conseguenza il principio di autodeterminazione anche “ius cogens” non può andare contro ad una stessa norma di pari grado e di rango precedente ( irretroattività storica e legislativa del principio di autodeterminazione) e soprattutto deve rispettare un principio ben più lontano, il principio dell’integrità territoriale del paese che ha sottoscritto quel principio medesimo. Siete a conoscenza di questo con i vostri Avvocati (???) ?

            12) Mi so che un Veneto xe tale parché el xe nato tale da discedenti oriundi e preserva la tradixion dei padri dal 1797. I partiti italiani come anca i partiti indipendentisti ( sempre italiani), se baxa so un criterio sbaglià che xe queo dea RESIDENSA. *****In nessun paese al mondo e sistema giuridico RESIDENSA = CITADINANSA = NASIONALITA’. Non esiste !!! Far politiche in itaglia e con struture itagliane …se resta itagliani …punto e basta !!! Come intendete superare il criterio della RESIDENZA ????

            QUANDO UN AVOCADO ITALIAN PUR DE ORGINE VENETA, DIXE CHE L’INDIPENDENSA DEL VENETO XE UN MERO FATORE DE RICONOSIMENTO DA PARTE DE ALTRI STATI, SENSA TEGNER CONTO DE ROMA….O EL XE UN MONA…O EL GA BEVU’ COA GOMA….MA TANTO !!!! Un regione ente amministrativo italiano et ufficio periferico di Roma, NON e RIPETO NON E’ ….NON E’ …NON E’ …UN SOGGETTO DI DIRITTO INTERNAZIONALE …..E QUINDI NON LA POE INTERFACIARSE CO ALTRI STATI E ALLA PARI DE UN STATO. OGNI INTERASION DE UN PODER ESTERNO DENTRO LA STRUTURA PRIVATA DE UN ALTRO STATO XE APERTE VIOLASION DEL PRINCIPIO DEL INTEGRITA’ TERITORIALE ( sancito questo principio dalla Pace di Westfalia 1648), DE UN STATO STRANIERO …QUINDI NA APERTA DISCHIARASION DE GUERA !!!! LE RIS.42….RIS.44 E QUEE CHE SEGUIRA’ XE CAGADE PAUROSE DE UN PORO MILLANTATORE AVOCADO AXECABARBUGLI DEE CAUSE PERSE !!!

            • pierino says:

              Palmerini, torna a raccogliere il milione di euro che cerchi… e smettila d ostacolare la libertà dei Veneti

              • VOX VERITAS VITA says:

                Non sono Palmerini !!! Ma tu rispondi alle domande con cognizione di causa !!!

                Se la vostra libertà, si basa sull’ignoranza del diritto, anche se promosso da avvocati che andrebbero radiati ipso-facto, continuate pure a credere alle favole in salsa verde politica leghista; c’è solo da compatire.

                LA VOLPE E IL ROVO

                C’era una volta una graziosa volpe dal manto marrone e lucente che viveva in una piccola casetta in mezzo al bosco. Un bel mattino di primavera l’animale uscì dalla propria abitazione con l’intenzione di procurarsi una preda per il mezzogiorno.

                Vagando per la brughiera fischiettando allegramente, la volpe attirò l’attenzione di un ingenuo leprottino il quale, incuriosito, le si avvicinò per osservarla meglio. L’astuta volpe non si lasciò sfuggire l’occasione e sorridendo al cucciolotto gli disse: “Buongiorno a te mio piccolo amico. Cosa fai tutto solo in questi boschi?” Il leprotto divenne improvvisamente diffidente di fronte a tutto quell’interessamento e, indietreggiando piano rispose: “Oh, niente, proprio niente. Anzi, adesso che ci penso, dovevo tornare a casa”.

                Ma la volpe non aveva alcuna intenzione di lasciarsi scappare un bocconcino casi prelibato. Quindi, con un abile balzo si gettò sull’animaletto per afferrarlo. Fortunatamente il piccolino, risvegliato dall’improvviso attacco, riuscì a schivare l’aggressione con un veloce salto indietro, precipitandosi in una folle fuga verso il limitare del bosco. La volpe lo seguì fino a quando non si trovò sull’orlo di una grossa buca. Per evitare di cadere nel vuoto l’animale di aggrappò ad una siepe di Rovo graffiandosi e pungendosi con le sue spine. Abbandonando l’inseguimento la povera volpe rimase seduta di fronte al Rovo leccandosi le ferite da questo provocate.

                “Che stupida sono stata!” Si disse fra sé “Mi sono aggrappata alla prima cosa che ho trovato per non cadere in una buca e mi sono procurata solo graffi e punture. Tanto valeva proseguire l’inseguimento e tuffarmi nella fossa”.

                Ma per quel giorno ormai non poteva più far niente e camminando piano per il male, se ne tornò a casa sconsolata.

                (da Esopo)

                Spesso la paura dell’ignoto ci costringe a indietreggiare ed a fermarci anche se questo, a volte, può essere meno vantaggioso.

            • marco says:

              DEVI STUDIARE LA MATERIA….ma BENE, no na leta e via…

  4. VOX VERITAS VITA says:

    Solo dei cretini possono credere ad esperti di marketing ed ingegneri informatici !!!

    Sarà monitorato da chi ?????? Ma per favore !!! Facciamo una telefonata all’ONU ????

    Per il momento tutte le strade proposte, sono state scansate e fatte saltare; si accettano scommesse per le prossime date. Questi indipendentisti del buco, sono meglio dei testimoni di Geova nel fissare le date ….per la fine del mondo !!!!

    Quindi PLB2013….diventerà PLB2014 ??? Che bello, per il 30 febbraio saremmo liberi, indipendenti e finalmente veneti al 100%

    KOPEVE INSEMENIJ !!!!

    • Michele says:

      Scusa, mi ridiresti tu cosa stai facendo per la causa, perché mi sa che mi è sfuggito ….

      • VOX VERITAS VITA says:

        Di sicuro non sono uno che racconta panzanate per intrallazzare beoti, dalle facili speranze che non si prendono la briga, nemmeno di capire che la regione veneto, non ha nessuna forza contrattuale nei confronti di Roma, e quindi lo stato italiano, essendo una sua creatura !!!

        Avete mai sentito di uno schiavo ribelle che pretende di avere forza contrattuale al pari del padrone, mantenendo il suo stato servile, dal potere che l’ha generato ??? Io no !!!! Ma la storia di Spartaco potrebbe insegnarvi molto….ma essendo discepoli di buxology, desumo che siate quasi tutti anal-fabeti.

        Michele, se la tua mozione, eccezione, risposta si basa sul motto di buxology: ” BASTA CREDERCI !!!”. Allora, la mia risposta è…..basta continuare a credere ancora alle panzanate della lega, e di sicuro avremo la PADANIA LIBERA E INDIPENDENTE.

        20 ANNI di cazzate leghiste e c’è ancora gente che ci crede. Dal 2007 macerie indipendentiste di Buxology, come dice giustamente Giordano, e c’è ancora gente beota che ci crede….. per fortuna ho un DIO e un evangelista di nome Marco ai quali credere, e non nutro speranze alcuna, sui salvatori autoreferenziali a se stessi, affetti dal mito del super-uomo, o mito dell’uomo del destino.

        Pori dementi …me fe pena ….SELVAGGI !!!!

        • Michele says:

          Bla, bla, bla, …..

          Ma non hai risposto alla mia domanda …..

          E questo mi fa pensare su chi sia veramente il demente qui …..

          E comunque, io non sono discepolo di nessuno; plaudo a chi in qualunque modo cerca di far passi avanti, anche se sono passetti piccoli oppure passetti di lato per cercare di evitare un ostacolo …..

          E se tu leggessi bene quello che viene riportato nell’articolo, capiresti che qui non ci azzecca niente nè la Lega nè la regione Veneto …..

          Infatti il referendum viene proposto direttamente ai cittadini senza passare per alcuna amministrazione …..

  5. diego says:

    Approvo l’iniziativa, d’altra parte Grillo e Cadaleggio insegnano.

  6. Nico says:

    Il futuro del Veneto è il “Venetistan” Gli immigrati islamici non vi lasceranno vivere…farete la fine dell’ex Olanda governata dai marocchini (Rotterdam). Gia’ a Padova gli spacciatori arabo/negri vi bastonano sui denti e voi zitti con la coda tra le gambe…

  7. erik says:

    Non convince pienamente neanche me…è una proposta troppo futuristica…mancherebbe l’adesione…
    In più ci deve essere un ente di controllo internazionale, superpartes e soprattutto con le palle, cosa non facile da trovare…però meglio di niente, almeno ci si muove, per cui per me avanti tutta!

    • Michele says:

      Cito: “il Plebiscito Digitale sarà monitorato a livello internazionale da organismi preposti a tale compito. Plebiscito2013 ha già dato il via ai primi passi procedurali in tal senso, per poter garantire alla consultazione popolare la necessaria certificazione di qualità e di rispetto degli standard di democrazia, accessibilità e di trasparenza necessari per renderlo quindi fattivo, secondo quanto previsto dal diritto internazionale.”

      Basta leggere, ciao.

  8. Piero says:

    Plebiscito digitale??
    come vanificare il percorso serio per l’indipendenza portato avanti finora…
    D’altronde sei per il “plebiscito digitale” in Sud Tirolo, promosso dalla Klotz, ha votato il 10% della popolazione, in Veneto non si arriverà al 5%….bella genialata, complimenti!!

    • pierino says:

      serio dove e di chi ?
      è la prima cosa forte e seria che si farà per il veneto…

      • Piero says:

        il dibattito in corso in questi mesi è su un REFERENDUM PER L’INDIPENDENZA, sulla base di una proposta di legge scritta da indipendenza veneta…e adesso si confonde ancora di più la gente con sta boiata del plebiscito digitale, che la metà della gente non sa neanche cosa voglia dire “digitale”…

        • pierino says:

          proposta di legge per indire referendum il SEI OTTOBRE 2013… IV proporrà anche la macchina del tempo ?
          già la lega in 20 ha fatto nulla, morosin dal ’99 vende libri…
          ora cè qualcuno che ha le cosidette e farà finalmente qualcosa, sarà un segnale forte che non lascierà le cose come sono ora , come le lasciano tutti gli altri partiti e movimenti

  9. Gianfrancesco says:

    insomma se non una sconfitta una ritirata. per non avere rogne burocratiche ci di ritira sul web, con un pomposo meccanismo di attuazione dell’esito referendario che in realtà significa solo scegliere 10 persone che dovranno darsi da fare. Vi faccio i migliori auguri, ma francamente non mi convince.

    • gianni says:

      no. significa votare SI o NO all indipendenza del Veneto con dati certificati da ente terzo.
      che lo stato poi se ne freghi è fuori da ogni dubbio, cosi come giura il falso sul territorio libero di trieste… cosifarà con qualsiasi gruppo, movimento, governo provvisorio, causa internazionale… MA se cè l eco mediatico che merita e vincono i si la frattura non si rimargina piu.
      troppa gente Veneta sà solo che è soffocata senza speranza dall itaGlia , apriamo gli occhi a tutti e avremmo una strada a senso unico per l indipendenza.

      le 10 persone han anche un po di senso per una democrazia diretta, ma la vedo anch io come un aggiunta strana

Reply to VOX VERITAS VITA Cancel Reply