Veneto: i magnifici 100 Comuni che chiedono il referendum

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Il 6 aprile grazie al sindaco di Castellavazzo, Roccon, e su idea della sezione locale di Indipendenza Veneta, partiva proprio dalla nostra provincia quello si sta dimostrando uno dei  grimaldelli per la riuscita del percorso indipendentista del Veneto e cioè il pressing sul presidente della Regione Luca Zaia, affinchè il consiglio regionale approvi il progetto di legge regionale 342/12 teso all’effettuazione del referendum consultivo e che ha per oggetto il fatidico quesito:

“Vuoi che il Veneto diventi una repubblica indipendente e sovrana? Si o NO”

L’ordine del giorno di Castellavazzo, contenente l’impegno per Zaia ed  il cui testo è stato redatto dal presidente onorario di Indipendenza Veneta, l’avv. Alessio Morosin, sta facendo il giro di tutto il Veneto. Ben 99 sindaci dopo Roccon hanno fatto approvare il documento e tutto ciò nel giro di soli 5 mesi. A questi  per il momento si sono già aggiunti anche due consigli provinciali (Padova e Venezia). Tra non molto tutto il Veneto avrà richiesto l’Indipendenza e gli sforzi dell’avv. Luca Azzano Cantarutti, pres. di Indipendenza Veneta, di Alessio Morosin e del segretario, saranno coronati da successo.

Il tema del distacco da Roma è molto sentito tra le nostre valli tanto che, in un sondaggio ufficiale risalente ancora al 2012, ben il 65% circa degli abitanti della nostra provincia risultava favorevole a tagliare definitivamente  i ponti con Roma.

D’ora in avanti la sezione provinciale di Ind. Ven. guidata da Paolo Tomé, sino ad oggi impegnata prevalentemente nell’organizzazione interna, comprendente l’integrazione e l’armonizzazione con lo storico movimento autonomista dolomitico PAB che sulla scorta dei reciproci impegni sottoscritti con atto del 25 marzo 2013, ha aderito al nostro movimento indipendentista veneto,  interverrà presso i comuni della nostra provincia, affinché  dalla montagna giunga un importante contributo al percorso legale, pacifico e democratico dell’Indipendenza Veneta. A tale scopo chiede pertanto a singoli consiglieri, ,movimenti, organizzazioni e comitati politici di offrire la propria collaborazione per  la promozione delle iniziative inviando una mail a indipendenzavenetadolomiti@yahoo.it

Ufficio stampa Indipendenza Veneta – Dolomiti

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

6 Comments

  1. caterina says:

    questa iniziativa presso i comuni bellunesi è molto importante, perchè finora sono pochissimi che hanno seguito l’esempio di Castellavazzo…è nell’indole dei bellunesi essere concreti, infatti i sindaci dei vari comuni che ho modo di seguire da Vittorio sulla rete Tv di Belluno sono esmplari per la concretezza, e forse però sono ancora legati al sogno di autonomia che da Roma non verrà mai, e non sono invece informati che può essere di prossima realizzazione all’interno di un Veneto Indipendente…appunto: bisogna che siano informati e appoggino come han fatto più di cento comuni delle altre provincie l’indizione del Referendum! e due amministrazioni provinciali: Padova e Venezia.
    Forza, Bellunesi!!! non lasciateci soli… noi della pianura abbiamo bisogno che ci diate una mano…se vi muovete voi è fatta!…

  2. erik says:

    Il volantinaggio é utile, ma ormai marginale rispetto ai moderni mezzi di comunicazione che raggiungono molti spendendo poco. Gli indipendentisti questo non l’hanno capito…fermi ancora alla carboneria hanno lasciato che grillo non stampando un volantino arrivasse ad essere il primo o circa partito in veneto…

  3. Paolo says:

    Molti Veneti non sono a conoscenza di ciò, bisognerebbe informarli con un capillare volantinaggio, mensile, che infonda coraggio nella mente delle persone.

  4. pierino says:

    se non era per Plebiscito2013 , che ha convinto tra l altro Tosi sul diritto di voto, col cavolo che si arrivava a102 comuni ieri.

    indipendenzavenete è troppo un partito politico che tien lontano l appoggio alla 342 da parte delle giunte che non possono cambiare sponda politica.

    diversamente la piattaforma trasversale plebiscito2013.eu raccoglie tutti coloro che ,anche solo per democrazia, sono favorevoli a far esprimere i veneti con il voto.

    gente che magari continuerà a votare ps o pdl o grillo e di IV se ne frega ma che comunque crede nel diritto di voto….
    e magari ci porterà davvero al referendum

    • Ivan says:

      invece secondo me è ottimo proprio il fatto che ci siano spinte da parti diverse verso l’obiettivo dell’indipendenza. Se per disgrazia questo bendetto referendum non lo fanno fare, gli indipendentisti avranno almeno un movimento indipendentista serio da votare alle prossime regionali, che porrà come patto elettorale la celebrazione del referendum, come fattto in Catalunya da Esquerra

Leave a Comment