/

Veneto, Callegari: la Regione incompiuta dei tromboni al potere

di Corrado Callegari – Leggo tre titoli di giornali e tiro le somme. Unioncamere Veneto fa causa allo Stato perché taglia gli investimenti alle imprese. Lo fa Unioncamere perché la politica non capisce…

In 20 anni, da Galan a Zaia, Mose incompiuta tra le grandi opere: autonomia regionale incompiuta tra le grandi riforme.

veneto ritardi

Trasporti. Siamo fermi alle linee create al tempo di Cavour, però tranquilli, aumentano i pedaggi per la Padova Mestre. 15 anni di ritardi, denuncia Confindustria Veneto. Direi anche di più, se dall’unità ad oggi la rete non si è evoluta. E’ il caso di dire che tiriamo il carretto, per i tromboni che sorridono sui social e ci fanno intendere che siamo la regione più efficiente del Nord.  Quante palle.

 

Corrado Callegari, Partito dei Veneti-Grande Nord

 

veneto ritardi2jpg

veneto ritardi3

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Caro Calllegari posso solo dire che concordo su tutto quello che hai scritto.
    Il tuo articolo lo fai leggere a me che sono stato per oltre 45 anni uno spedizioniere internazionale.
    Conosco da sempre le molte distorsioni di un territorio lasciato per decenni a sé stesso con mancanza di strade necessarie per collegare bene le varie realtà produttive e non della Regione.
    I tromboni come li chiami tu non hanno mai capito una mazza del territorio se non qualcosa negli ultimi anni.
    Il VENETO ha una serie di fiumi che se collegati tra loro con una rete fluviale navigabile potrebbe avere fatto del Veneto una grande Venezia con tutti i risvolti positivi sia commerciali, che turistici che di abbassamento dei costi di trasporto per determinati materiali come avviene in Germani, Olanda etc…
    Dobbiamo avere il coraggio di dircelo. I governatori Veneti che si sono succeduti nel tempo erano semplicemente degli esecutori della volontà di roma e non si sono mai dimostrati coraggiosi nel difendere il Veneto ed i Veneti dalle storture di uno stato quasi inesistente sul nostro territorio se non come stato occupante con Caserme di militari, carabinieri, finanzieri, polizia per controllarci e mazziarci quando occorreva fare cassa. Lo stesso ZAIA che per molti versi possiamo apprezzarlo per il suo dinamismo che non ha però concretizzato l’autonomia Perché vincolato ad un partito diventato nazionalista che ha bisogno dei voti di tutti gli italiani per andare al potere. Quando sarà al potere cosa farà dell’autonomia????? E’ vero che serve una maggioranza per votare sì alle autonomie, ma il dubbio rimane poiché sono decenni che la LEGA tradisce i Veneti per un motivo o per un altro. Ecco perché sono nati due partiti quello di GRANDE NORD e quello di VENETI in quanto solo con un partito territoriale ed identitario si potrà far valere a roma le nostre istanze, prima, e se ancora ignorate le faremo ingoiare a forza visto che sono loro a roma a volercelo imporre.
    E’ impensabile dopo oltre 150 anni dalla creazione dell’Italia che si possa andare avanti con un sistema che ha fallito e che non vuole cambiare e rimane attaccato al potere come se fosse eterno.
    Di eterno non c’è nemmeno la costituzione e gli stessi esseri umani,
    Dunque noi Veneti pretendiamo di poterci autogovernare e di non dipendere più da roma la quale non ci rappresenta più da molto tempo e che dovrebbe fare un bel esame di autocritica se non vuole soccombere agli eventi e alla storia.
    Finalmente l’Unioncamere del Veneto si muove….e gli altri …?????????
    E i nostri valorosi imprenditori Veneti cosa vogliono fare ?? Vogliono rimanere in mutande o vogliono ciò che gli spetta di diritto per poter gestire e sviluppare le proprie aziende nel Veneto e non dover andarsene o chiudere ??????
    Dobbiamo riconoscere che i Veneti sono stati plagiati e rovinati da questa Italia. Non è una scusa è la verità. Siamo sempre stati gente onesta, lavoratrice, imprenditrice, votata alla solidarietà ed invece oggi ci ritroviamo ad essere anche noi diventati un po’ italioti, cioè menefreghisti e ci siamo anche noi barricati nel nostro personale orticello.
    Dobbiamo uscire da questo annunciato disastro che se non è ancora scoppiato è perché l’italia è puntellata dentro e fuori ma con costi esorbitanti che prima o poi qualcuno ci farà pagare. Dobbiamo uscirne in una maniera o in un’altra pena dover soccombere definitivamente al fallimento del paese intero con ripercussioni micidiali sui nostri figli e nipoti.
    WSM

  2. Il Veneto merita:
    – l’autonomia come quella di Bolzano;
    – più soldi per i servizi ai propri cittadini;
    – politici migliori di quelli attuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Regioni, dalla nascita per sfamare la sinistra, all'aborto della devolution e dell'autonomia per referendum

Articolo successivo

Lavoriamo il doppio, guadagniamo la metà. Chi spiega il mistero?