Veneti: minoranza Italiana o nordismo?

catalogna-veneto

di SERGIO BIANCHINI – Dunque i Veneti vogliono essere considerati una minoranza dello stato italiano?
Spero proprio di no! Questo vorrebbe dire che si sentono ugualmente distanti sia rispetto ai Lombardi che ai Siciliani. E questo spiegherebbe la permanente difficoltà di trovare una strategia del NORD per sottrarsi al supersfruttamento Italiano.
Varie volte ho sottolineato che la Lega non è mai riuscita a sciogliere la doppiezza che la opprime fin dal famoso giuramento del “96, 10 anni dopo la nascita, e cioè l’oscillazione permanente tra il secessionismo roboante ed un italiananismo perfino diligente alla Calderoli.
E proprio questa doppiezza continua a paralizzare la mente e la capacità politica del nord di trovare degli obiettivi intermedi che consentano, pur restando dentro le dinamiche dello stato Italiano, di rinforzare il Nord e farlo diventare una forza anche politica capace di imporsi.
Ho già detto e lo ribadisco che la costruzione della macroregione NORDITALIANA potrebbe combinare le due realtà e cioè la collocazione oggettiva delle regioni del nord ed il loro desiderio di sottrarsi allo sfruttamento ed alla opprimente inefficienza e tracotanza dello stato.
Ma evidentemente ancora oggi le controversie storiche e le diffidenza tra le tre aree fondamentali del nord. Lombardia, Veneto, Piemonte, prevalgono sul desiderio e sulla capacità di unirsi per rovesciare i rapporti di forza a livello nazionale.
Evidentemente la tanto decantata e riconosciuta esistenza di tre Italie, NORD, CENTRO e SUD, non trova poi programmi politici conseguenti capaci di rompere il tradizionale anello di congiunzione tra centro e sud per succhiare sangue all’economia del nord e vivere con le rendite statali.
E così la paralisi politica reale del nordismo continua, anche se ricca di invettive, di sdegni e di sapienti argomentazioni. E ci costringe ad apprezzare volta per volta le nostre miserie politiche come il ridicolo e ormai quasi patetico scontro tra presidente e segretario nella Lega Nord e le solenni quanto inutili dichiarazioni dell’orgoglio Veneto.

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Al Consiglio Veneto hanno fatto mancare il numero legale e quindi la faccenda è stata rimandata……
    Mai e poi mai il Veneto deve dichiararsi minoranza italiana.
    Il Veneto vuole solo l’indipendenza.
    Ciò che stanno facendo in Regione Veneto, anche se sembra tutto bello e buono come il bilinguismo non è altro che l’ennesimo inganno verso i Veneti per farli tacere o tenerli buoni.
    Evidentemente non hanno ancora capito nulla !!!1
    Le famose riforme costituzionali non sono altro che il palese e sfacciato ” tentativo” di togliere potere alle regioni e quindi ai cittadini. Bisogna andarsi a leggere tutto per capire bene.
    Forse che molti Veneti andranno a votare senza sapere cosa stanno votando ??
    Per favore piuttosto è meglio restare a casa se non si hanno le idee chiare di cosa voglia dire questa riforma costituzionale che cambia si la costituzione ma in peggio e non in meglio.
    Perché non modificano l’art. 5 ? Perché non hanno il coraggio di eliminare definitivamente il Senato ?
    Perché invece di risparmiare milioni di euro non se ne risparmia 1 miliardo chiudendo il Senato e tutta la sua organizzazione interna ? Perché………è evidente si vuole mantenere inalterati o meglio a favore della casta politica gli equilibri costituzionali e il potere che essi hanno sui cittadini.
    SVEGLIARSI PER FAVORE !!!!!
    WSM

Rispondi a Giancarlo Annulla risposta

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Esenzione dal pagamento del debito pubblico Italiano da parte dei Cittadini del Territorio Libero di Trieste!

Articolo successivo

La Süd-Tiroler Freiheit: celebrare un matrimonio senza fascia tricolore si può!