Valdegamberi: ora c’è la maggioranza per approvare il referendum

da ALTRE FONTI

La legge di indizione del referendum sull’autodeterminazione dei veneti da oggi avrebbe i numeri per essere approvato dal consiglio regionale. Stefano Valdegamberi, il consigliere presidente di Futuro Popolare, ha ottenuto una positiva disponibilità da parte del Nuovo Centro Destra.

«Un passaggio che si è verificato dopo che i consiglieri maggiormente ideologicizzati sono andati in Forza Italia e che risulta determinante per il raggiungimento della maggioranza dei consensi», dice Valdegamberi.

«Al di là di quelle che possono essere le posizioni di ognuno, è giusto che venga garantita l’espressione della volontà da parte dei veneti su questo importante argomento, perché questa è l’essenza della democrazia», spiega il rappresentante del Ncd, Carlo Alberto Tesserin.

Valdegamberi, che aveva presentato da solo il progetto di Legge numero 342 avendo interpretato la necessità, sentita da molti di rispettare la gente su un tema così sofferto, conclude: «Oggi la consultazione referendaria non è più un’utopia. Il Nuovo Centro Destra veneto ha dimostrato di avere un’ampia autonomia di pensiero e di rispettare i valori del nostro territorio e dei veneti. Considerato che ora c’è una maggioranza trasversale a sostenere l’indizione del referendum, il presidente Luca Zaia faccia inserire nel calendario del consiglio regionale la discussione della proposta di legge 342 con la massima priorità, in modo che si vada al voto subito dopo l’approvazione del bilancio Regionale».

da: www.primoweb.it

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

9 Comments

  1. pierino says:

    “la discussione della proposta di legge 372”
    372 ?

  2. Fabrizio says:

    Propaganda, solo propaganda. Questo è il punto

  3. Giacomo says:

    ha fatto più il solo Vandegamberi in 1 anno che la Lega Nord in 25 anni…traetene voi le conclusioni

  4. pierino says:

    -tralasciando che finchè resta la data SEI OTTOBRE DUEMILATREDICI nella 342 posson anche approvarla due volte, tanto nel passato non si và …
    – tralasciando che la maggioranza non basta ma servono 40 su 60 …

    perchè sempre ad aspettare ceh le cose succedano per bontà divina e non usino lo stumento “presentiamo le tot firme necessarie quindi si va all odg” ad oltranza ?

  5. ruggero says:

    Che dire… in Veneto abbiamo poche idee ma certamente MOLTO confuse, Stefano Valdegamberi con un passato, legittimo, da democristiano oggi sulle barricate indipendentiste e un governatore, da sempre militante di un partito che al punto UNO ha l’indipendenza della “padania” che ha bisogno di chiedere le firme dei veneti per poter fare il referendum… Proprio vero che el mondo va al roverso…
    Comunque un GRAZIE a Stefano per il lavoro che sta facendo.

  6. Frà says:

    Diffiderò sempre del Bôndôla, al secolo valdegamberi. Che una volta si proclamò CONTRARIO alla difesa della lingua Veneta perché, ai suoi occhi de montagnàr, prima doveva essere difeso il cimbro.

    Adesso si fa tanto paladino dell’indipendenza semplicemente perché la musica sta finendo e non riuscirà a sedersi sulla prima caréga disponibile.

  7. Boniver says:

    Visto il successo della raccolta firme x l’indipendenza, Zaia dovrebbe tirar fuori subito la R342 dalla Commissione insabbiatrice

    Allora tutti quelli che hanno firmato nei gazebo voteranno LN/LV

    … altrimenti, se pensa come al solito di mostrare solo la carota e tanti bla bla, quelli votano Grillo perchè non credono più ai bla bla leghisti

    Bravo Valdegamberi, sei quello che si dà + da fare!!

    Stato Veneto
    passaporto n.049

Leave a Comment