Vaccini, l’ignoranza pericolosa dei politici di governo

vaccinodi MARCELLO RICCI – I vaccini sono uno dei capisaldi della medicina preventiva. A loro si deve la scomparsa o comparsa sporadica di varie malattie che anche nella storia di questo paese ebbero diffusione endemica o epidemica.
malattie come poliomielite, difterite, pertosse, scarlattina, parotite, morbillo, varicella, senza dimenticare il colera, le epatiti e una frequente e lieve detta malattia del bacio.


Le malattie infettive sono causate da microbi che entrati nel corpo, si riproducono.  La malattia nasce dall’interazione tra il sistema immunitario e l’agente patogeno. I germi che causano le malattie infettive sono  principalmente virus, batteri e funghi. Le vaccinazioni simulano una malattia molto attenuata, ma comunque capace di stimolare la produzione di anticorpi, il discorso è lungo e complesso, ma senza inoltrarsi in una discussione difficile, si è inteso dare una minimale  introduzione per approcciare l’argomento.
 L’Italia a causa dell’orda migratoria è bersaglio di possibili contagi con soggetti malati che hanno scarse consuetudini con l’igiene e che provengono anche da paesi dove non c’è un sistema fognario, ma solo latrine a cielo aperto. Il resto d’Europa  subisce un impatto migratorio ‘filtrato’ che attenua i rischi.


Purtroppo alcune patologie d’importazione sono, come la tubercolosi, causate da bacilli resistenti alle terapie in uso. Di fronte ad una situazione di questo tipo, la copertura vaccinale diviene necessariamente, con tutte le  accortezze possibili, obbligatoria e il più estesa possibile.


Da alcune parti si solleva il dubbio che alcune multinazionali che producono vaccini, cavalchino l’onda per fare mercato. Tutto è possibile, mai dire mai, ma codeste accuse hanno il senso di dire al fornaio che produce pane per guadagno.
Ai genitori dubbiosi consiglio di ascoltare il pediatra o il medico. Esistono la patologia e la clinica. Certamente singole situazioni  possono sconsigliare le vaccinazioni  polivalenti. Tutte le regole hanno le eccezioni, ma ve n’è una che non ne ha: la competenza di chi si pronuncia.
Rivestire una importante carica politica avendo frequentato corsi di segretariato d’azienda e svolto funzioni di segreteria presso un poliambulatorio di analisi cliniche è possibile, ma non costituisce titolo per esprimere pareri su un tema complesso quale quello delle vaccinazioni.


Una riflessione: Per non far conoscere i limiti del proprio sapere, conviene non oltrepassarli. 
Ci si ricordi della ex ministra della Pubblica Istruzione Fedeli che pure aveva frequentato, dopo le elementari, per tre anni la scuola media.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. Alessandro Guaschino says:

    Appartengo a quella generazione con il marchio sul braccio sinistro, le vaccinazioni contro il vaiolo e il tetano. Poi queste vaccinazioni vennero abolite, evidentemente il vaiolo era stato debellato. Ho fatto, come tutti i miei coetanei il morbillo, la varicella, la pertosse senza conseguenza alcuna se non restare alcuni giorni a casa da scuola. Qualcuno adesso mi deve spiegare perché morbillo, varicella e pertosse sono improvvisamente divenute malattie mortali, perché ci devono essere ben 10 vaccinazioni (ai miei tempi due…). Le spiegazioni ovvie sono due: le case farmaceutiche intendono guadagnare (caso mai non guadagnassero abbastanza) e ci vogliono imporre vaccinazioni inutili in stile antinfluenzale (il bacillo cambia ogni anno e la vaccinazione si basa su quello dell’anno precedente…) oppure i clandestini che entrano liberamente non vengono controllati sanitariamente e neppure fanno una quarantena (i padani e gli altri europei che emigravano negli Stati Uniti dovevano farla a Ellis Island). Ma in questo caso basterebbe bloccare l’invasione…scusate dimenticavo che così non ci sarebbero guadagni per le case farmaceutiche, per le coop sinistrate o cattoliche, non si potrebbe criticare Salvini e non si potrebbe islamizzare l’Europa, scusate ancora…

Leave a Comment