Un’ordinaria cronaca di sbarchi: solo uomini, dalla Calabria tutti al Nord

di GIULIO ARRIGHINILIBIA

Sono cronache che lasciano sbalorditi. Non si parla di profughi né di clandestini ma solo di migranti. Persone cioè che indipendentemente dall’aver titolo o meno di muoversi in barba alle leggi, possono sbarcare dove  vogliono e farsi trasferire a nostre spese. Oramai anche le agenzie si limitano a dire: sono arrivati, sono sbarcati, sono stati accolti, sono stati smistati. L’invasione è ordinaria amministrazione, l’Italia è terra degli altri.
Leggete la scansione degli eventi: “In centocinquanta andranno in Lombardia, cento in Toscana, mentre Campania, Piemonte e Lazio ne accoglieranno ottanta ciascuno, sessanta andranno in Veneto. Solo i minori non accompagnati e coloro che hanno bisogno di ospedalizzazione rimarranno in Calabria. Così la rodata macchina dell’accoglienza si è occupata dei 580 migranti arrivati a Reggio Calabria a bordo della nave “Dattilo” della Guardia costiera. Partiti dalla Libia la settimana scorsa su diverse carrette del mare, i migranti sono stati recuperati nella notte fra venerdì e sabato da un pattugliatore inquadrato nel dispositivo Triton, il nuovo programma dell’Ue per l’assistenza e la gestione dell’emergenza mediterranea. A bordo della Dattilo tutti uomini, dunque ne’ donne ne’ bambini, ma minori sì. Già sul molo, dopo i controlli medici di routine, hanno ricevuto la prima assistenza nelle tende allestite allo scopo, mentre le ambulanze hanno portato in ospedale i casi più gravi. Avviate da subito, a bordo, da parte degli uomini della Questura le attivita’ finalizzate all’identificazione degli scafisti”.
Fin qui la notizia. Sono tutti profughi? Che importa, tanto non paga Bruxelles.
Segretario Indipendenza Lombarda
Print Friendly

Recent Posts

4 Comments

  1. Paolo says:

    Questa immigrazione selvaggia che sta avvenendo in questo paese mi lascia molto perplesso e alla lunga temo il caos.

  2. mauri says:

    Semplicissimo.
    I prenditori del nord han necessità di avere gente a basso costo.
    Quindi fanno arrivare qua un bel pò di migranti, per un anno paghetta, poi a lavurà per 500€ al mese.
    Cosa si ottiene?
    gli italiani son costretti ad adeguarsi alle paghe basse dei fratelli immigrati.
    Chi ci guadagna?
    le coop (soldi per chi li ospita).
    la chiesa (chiese vuote oggi, domani un pò meno).
    sindacato (nuovi tesserati, gli italiani non fanno più la tessera).
    confindustria ( soldi soldi soldi)
    marina militare ( missioni all’estero in acque internazionali paghetta maggiorata).

    Lasciamo stare roma, cerchiamo di capire non è difficile.

  3. alfercap says:

    E’ sempre più evidente una follia del governo centrale romano! Qualche organizzazione di persone dotate di senso non comune dovrebbe cominciare a denunciare il governo italidiota per tentato genocidio del popolo italiano. Questo caso è l’unico nella storia dove in popolo è costretto dal proprio governo a sborsare una montagna di soldi per farsi invadere (e poi farsi schiacciare, naturalmente)

  4. luigi bandiera says:

    I governanti responsabili di questa INVASIONE sono traditori e vanno perseguiti e al piu’ presto.
    Bisogna toglire il comando a questi traditori, non trovo altro aggettivo valido.
    Se volessi essere fariseo direi che averne di questi governanti… sono BUONI..! Con gli altri.
    SOCCOMBEREMO. Anzi. STIAMO GIA’ SOCCOMBENDO..!

    L’e’ che pare che tutti DORMANO come la notte di TROJA dopo aver fatto entrare il noto cavallo..!!

    MA i fatti non insegnano nulla agli intellighenti: sono loro il sapere, la verita’.

    Beh, basta sentirli in TV che kax dicono e pretendono ke gli altri facciano..!

    Poveri noi in che periodo negativamente predisposto grazie ai presunti sapiens.

    Salam

Leave a Comment