Il ficcanaso fiscale italiano ha un mandante: l’Unione europea

di GIULIO ROSSI VALDISOLE

La suocera del mio portiere è un’anziana maestra che ha un conto in banca solo per l’accredito delle due pensioni, tot. netto 2650 euro al mese. Non ha mai chiesto finanziamenti e lo usa solo per prelevare il necessario per vivere. Ora si serve anche del bancomat e mai è andata in rosso.  La banca la “convoca” in agenzia per la compilazione di un modulo che inizia così: “Ricopre uno stato di PEP”? La povera donna guarda smarrita l’impiegato: “Non lo so se ricopro questo PEP, ma che è?”  Il bancario spiega che significa Persona Politicamente Esposta.

La donna è ancor più confusa. “Io ricopro una persona politicamente esposta…? Ma esposta a che…”? L’uomo cerca di chiarire e chiede se essa è parente o amica di un politico.  Naturalmente la maestra incuriosita chiede “Ma perchè, se io conosco un politico mi trovo in un guaio? E che interessa alla banca se, ad esempio, avessi un cugino consigliere comunale”?

L’impiegato, spazientito, avverte la signora che se non risponde alle domande del modulo, la banca potrebbe rifiutare la continuazione del conto.  “Sono vostra cliente da 15 anni e ora mi chiedete del PEP, ma chiudetelo pure il mio conto, farò accreditare la pensione su un’altra banca…”. Però l’interrogatorio continua: “Lei è pensionata, ma che faceva prima”? “Facevo la maestra, ma a lei che gliene importa che facevo io 15 anni fa…”. Allora l’impiegato passa a un’altra domanda: “Lei ha parenti nel personale di questa banca o ha particolari relazioni con qualcuno…”?

Sdegnata la cliente dice che lei relazioni particolari non ne ha con nessuno e che questo interrogatorio sembrava una vera pagliacciata. Imperterrito, l’addetto continua: “A quanto ammonta il suo patrimonio e come si è formato”?  e ancora “Che scopo ha il suo importo sul conto corrente”?  E’ realmente suo oppure appartiene di fatto a un altra persona”? La signora esasperata da tante domande assurde ha chiesto di chiudere il conto e se ne è andata chiedendosi se viviamo in un mondo normale.

Per la cronaca: non si trattava di un impiegato follemente curioso, ma solo dell’applicazione della direttiva CEE 2005/60, recepita dal governo Prodi con il D.lgs 21 nob. 2007 n. 231 art 21. Capito da dove vengono i pruriti di Monti?

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

11 Comments

  1. Niki says:

    In Colombia ti fanno questo genere di domande sempre, anche quando comperi un cellulare. Ti chiedono anche di che religione sei. Un incubo. E non te lo chiedono solo una volta, ma ogni volta che fai qualche cosa.
    La sudamericanizzazione dell’Europa mi pare sia a buon punto.

  2. Antonino Trunfio says:

    i pruriti, di sicuro passano. Anche a un esimio ragioniere della bocconi. Come ? Riposando in pace in un bel salotto di legno 2 x 0.7.

  3. Dan says:

    Geniale Monti:

    – Il premier sulla mancata crescita: “Dovevano pensarci i governi precedenti”. –

    ALEEEEEE !

    – “ma non ci sono complotti di forze occulte.” –

    No, ma ci mancherebbe. Un gruppo di tizi sconosciuti ai più che si riunisce in una stanza e sceglie di che morte far morire l’economia dei Paesi in modo da poter sciacallare liberamente con soldi falsi freschi di stampante non è una forza occulta intenta a complottare.
    E’ un gruppo di simpatici pensionati che sta organizzando un torneo di monopoly.

    – “”se non ci fosse stata l’Europa”, le tempeste finanziarie sui mercati “sconvolgerebbero i signoli mercatini e nostri paesini nazionali”-

    I “paesini nazionali” hanno sempre campato bene e se in passato si sono fusi in nazioni più grandi era per risultato di guerre e non di povertà studiata e provocata a tavolino.

    – “promettendo di iper semplificare le cose e presentando soluzioni magiche quasi per seguire i loro istinti viscerali e non per prospettare un futuro ai cittadini” –

    La sua soluzione magica fino adesso qual’è stata ? Quella di credere che il culo di ogni persona è una filiale distaccata della BCE ?

    Ma il meglio arriva adesso:

    – E ironizza: “Mio nipote all’asilo lo chiamano spread” –

    Lo stanno chiamando “Testa di Cazzo”, coglione, che ti ridi… ma forse c’hanno anche ragione visto che buon sangue non mente: preoccupati con con le tue tasse non chiudono altrimenti te lo ciucci tutto il giorno.

  4. Dan says:

    Io non ho un PEP e voi dovete farvi le PIP vostr.

  5. francesco says:

    sono sempre dell’opinione che partendo dalla chiesa a tutti i vertici istituzionali e tutti dico tutti i politici siano appesi a testa in giu’ a piazzale loreto ma voi lo sapete non succedera mai in questa nazione disunita ma ma all’anno nuovo vedremo aaaaa condeglianze a tutti muorira la luberta di espressione e tanto altro

Leave a Comment