Un quarto d’Europa è povero. Ma le parrocchie d’accordo con la sinistra prendono i migranti

45B6CC7D-5A1E-4583-A5E5-1E97DEA82D50di ROBERTO BERNARDELLI – La polizia, su ordinanza del sindaco, ha sgomberato i clandestini accampati a Ventimiglia. E il parroco ha risposto: li prendo io, li accampiamo in seminario. Nel frattempo arrivano i dati Eurostat. Un quarto degli abitanti delle grandi città europee è a rischio povertà o esclusione sociale. Tra i 28, rileva Eurostat, le percentuali più alte di rischio povertà per gli abitanti delle grandi città sono state registrate in Grecia (34,1%), Belgio (28,6%), Austria (28,3%), Romania (28,3%) e Italia (27,8%).

Dunque, c’è l’Italia. D’altra parte manca il lavoro.

Il dato pubblicato da uno studio Eurostat sulla popolazione della Ue fra i 20 ed i 64 anni, suddivisa per zone di abitazione, dice anche che nell’insieme dei 28 paesi dell’Unione, il 41% abita nelle grandi città, il 32% in sobborghi o città più piccole, il 27% nelle zone rurali. Il tasso di occupazione tra quanti vivono nelle zone urbane è del 70,0% (del 70,2% nelle piccole città, del 69,8% nelle campagne). E l’altro 30%? Se si considera che il tasso giovanile di disoccupazione è in Italia quasi del 50%….

lega bernardelli

Sono 50,4 milioni le persone che vivono nelle grandi aree metropolitane a rischio di povertà o esclusione sociale, ovvero il 24,4%, poi però ci sono campioni di solidarietà come i parroci della chiesa romana, a fare il resto: prendiamoceli tutti, i migranti che arrivano.

Stiamo diventando una sola unica tendopoli, “fino a quando è necessario”, spiega il parroco. E gli  altri? Gli altri restano fuori, a carico delle famiglie, dei genitori in pensione, in attesa di Godot.

 

Presidente Indipendenza Lombarda, candidato nelle liste Lega Nord per il Comune di Milano

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

4 Comments

  1. Fil de fer says:

    In effetti c’è qualcosa che non va. I conti non tornano.
    Siamo pieni di poveri in italia ed anche in Europa ed i politici pensano solo agli immigrati.
    Si spendono miliardi per gli immigrati e si lasciano i nostri vecchi con pensioni da fame.
    Se questa non è una volontà politica ditemi voi cos’è. La famosa speding review nessuno ne parla più.
    Gli sprechi continuano, le paghe dei politici e dei burocrati e dirigenti statali sono vergognosamente alti.
    Siamo in 60 milioni di abitanti compresi gli stranieri ed abbiamo una spesa pubblica improduttiva ed inefficiente. Abbiamo dipendenti pubblici che da sempre hanno fatto gli affaracci loro come chi li aveva messi lì a lavorare e nessuno ” se né mai accorto”. Solo adesso che la tv li ha fatti vedere rubare i nostri soldi !!!! Ciò avviene da sempre. Ricordo a me stesso quando 50 anni or sono lavorando come spedizioniere internazionale ho visto tutti rubare, Ferrovieri, Finanzieri, impiegati delle dogane, funzionari e dirigenti di tutti gli uffici doganali. A militare rubavano tutti, Ufficiali, sottufficiali e graduati si aproffittavano per i mancati controlli ( di chi ?) sui carburanti, sulle derrate alimentari, persino sui pasti dei militari quando andavano in licenza ( ma risultavano presenti……) e l’Agenzia delle Entrate dove i capi, concordavano le bustarelle con i liberi professionisti o gli industriali quando pagare e quanto non pagare.
    Insomma un verminaio infinito e quando non ne ho potuto più me ne sono andato a fare altri mestieri, perché se avessi parlato o denunciato ( avevo 19 anni) avrei dovuto subire le ritorsioni, tipo non troverai più lavoro, oppure ti diamo CPR all’infinito e non finirai più la naia !!!!
    Signori da allora nulla è cambiato e adesso capite perché l’italia è fallita e fallirà definitivamente.
    Si continua a rubare sino all’ultimo istante, poi chi ha dato a dato e chi a preso a preso…..:!!!!
    W L’indipendenza del VENETO al più presto !!
    WSM

  2. luigi bandiera says:

    Si evince che sono i POLITICANTI i nostri VERI NEMICI.
    Sempre la politica, manovrata da loro, ha fatto i danni che oggi viviamo..!!
    NORIMBERGA AL PIU’ PRESTO per i TRADITORI DEL POPOLO..!!
    WSM

  3. giancarlo says:

    Come possiamo non essere d’accordo !
    Se il fenomeno immigrazione fosse saltuario o una tantum…niente da dire, ma ci troviamo difronte ad una immigrazione dalle dimensioni inimmaginabili. Se in Libia non si arriverà a qualche soluzione con il o i governi al potere attualmente il fenomeno potrebbe continuare per mesi ed anni…..non posso immaginare cosa succederebbe in italia, ma anche in europa. Alla lunga si stano mettendo le basi per un disfacimento sociale.
    Basta pensare ai lavoratori dei call center che vengono pagati 1 euro all’ora…..sì avee capito bene e se riescono a vendere qualcosa, solo allora possono passare a 2,5 euro all’ora……siamo alla schiavitù.
    Ho già scritto in diversi blog che un paese che non riesce più a dare lavoro ai propri giovani laureati è un paese FINITO !!!! sI è creato un buco generazionale che difficilmente potrà essere colmato in tempi brevi nel caso, ripeto, nel caso tra 8-10 anni si dovesse arrivare ad una qualche ripresa costante dell’economia, ma io dubito anche di questo. Si tolgono diritti e si abbassano le paghe e poi ??? Cosa pensano di fare o di risolvere con questa politica demenziale sia dei burocrati europei, sia dic erti stati europei, sia dei politici italiani che di economia non ne capiscono un’accidente e si vede.
    Dunque il mondo arretra in tutti i sensi, la nostra civiltà tecnologica è praticamente in stallo e rischia di andare in decadenza. Si una decadenza strisciante, lenta ma inesorabile.
    Le soluzioni ci sono, ma si scontrano con gli interessi di pochi contro i molti.
    Inutile descrivere cosa potrà accadere in queste condizioni, ognuno lo po’ immaginare come vuole perché in una maniera o in un’altra tutto accadrà inesorabilmente.
    WSM

Leave a Comment