Un altro “premier-portaerei” degli interessi Usa