Ultimatum svizzero al summit dei ministri Ue: Italia, registra tutti gli immigrati

di BENEDETTA BAIOCCHIsvizzeritudini_articoloimg

Che sia Mare Nostrum o Triton, la sostanza non cambia. L’Italia fa acqua da tutte le parti nelle politiche di controllo e respingimento. Tanto che l’altro giorno, nel corso del summit in Lussemburgo con i ministri degli affari interni dell’Unione Europea per discutere dei flussi migratori nel Mediterraneo, la Consigliera federale Simonetta Sommaruga ha nuovamente inviato l’Italia a fare il proprio dovere: registrare gli immigrati.

“Il continuo flusso di migranti provenienti dai paesi in guerra sta mettendo a dura prova gli accordi di Dublino”, ha affermato l’esponente della confederazione e in una lettera alla Commissione europea dello scorso 18 settembre, Sommaruga aveva fatto pressione presso l’Italia per  rispettare  l’intesa, registrando tutti gli immigrati.

“La Consigliera federale a Lussemburgo è dunque tornata a chiedere a Roma di fare il proprio lavoro. Ma la Svizzera non è però sola in Europa a chiedere più severità all’Italia e la pressione sui paesi del sud aumenta”, si legge anche sul sito della tv svizzera italiana, tvsvizzera.it.

Sulla revisione invece degli accordi di Dublino, il direttore del Consiglio italiano per i rifugiati Christopher Hein si esprime negativamente.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment