La Gran Bretagna: freno agli stranieri o usciamo dalla Ue

islamlondradi REDAZIONE

Scrive “Il Giornale”: Mettere in mano ai Paesi europei il diritto di tirare il freno d’emergenza se gli immigrati provenienti dagli altri Stati dell’Unione supereranno i numeri attesi. E impedire ai nuovi membri della Ue di beneficiare del diritto alla libertà di movimento, previsto dagli Accordi di Schengen, se l’economia di quei Paesi non raggiungerà un livello comparabile a quello delle altre economie dell’Unione. Londra si prepara alla battaglia con Bruxelles mettendo a punto le richieste da presentare al tavolo delle trattative. Ma le ‘proposte’ del governo britannico suonano ormai come un ultimatum. Il più recente lo ha lanciato il ministro del Lavoro e delle Pensioni ed ex leader Conservatore, Ian Duncan Smith, in un’intervista al Telegraph: ‘Bisogna dare alla Gran Bretagna il potere di limitare il numero di migranti come prezzo per restare nell’Unione europea. O si rischieranno tensioni e agitazioni sociali’. L’aut aut ricorre ormai da qualche settimana nei discorsi dei vertici del Partito conservatore, impegnato a scaldare i motori per le elezioni del prossimo 7 maggio e indaffarato soprattutto ad arginare l’ondata anti-europeista e anti-immigrazione dell’Ukip, il partito di Nigel Farage. Lo ha lanciato dall’alto del Congresso dei Conservatori a Birmingham, appena cinque giorni fa, il premier David Cameron. Poi la promessa ai cittadini britannici che è insieme anche un avvertimento a Bruxelles: ‘So che volete che la questione venga risolta, percio’ andrò a Bruxelles. Non prenderò un ‘no’ come una risposta e quando si arriverà al tema della libertà di movimento, otterrò quello di cui la Gran Bretagna ha bisogno’. Pena l’uscita dall’Unione”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. gianni da Brivio says:

    chi, in Italia, ha il coraggio di dire (solo dire) quello che ha detto o paventato il premier britannico ? Forse Renzi ? O quell’angelino cui Renzi ha affidato un ruolo che da noi viene svolto con parole di circostanza anticipate e posticipate al nulla di fatto ?

Leave a Comment