Tutto al ribasso, non c’è più religione. Ma neanche popolo…

Musulmani-in-preghiera-ok-672x378
di MARCELLO RICCI –  In molti si chiedono, perché tutti i “migranti” sbarcano in Italia? Certamente la posizione geografica, le amplissime coste, la atavica propensione all’ospitalità sono determinanti.
 Un altro fattore favorente e la propensione di certo associazionismo a fare mercato. Lasciamo queste riflessioni a chi istituzionalmente ne ha il compito.
A questo ne segue un secondo interrogativo, indubbiamente più complesso. Si calcola che per migrare in Europa il costo medio è di due o tremila euro a persona.
A parte, si deve riflettere sul complesso fenomeno dei minori non accompagnati. Se gli africani che migrano disponessero realmente di tali somme, non fuggirebbero ma resterebbero felici e contenti a casa.
Per chi subisce un conflitto o una carestia il discorso è diverso. Quelli che sbarcano non hanno un aspetto denutrito.
La difficoltà a dare risposte esaustive a quanto sopra, non cancella i problemi, anche in considerazione che gli stessi si proiettano nel futuro e senza termini di scadenza.
Difficile raggiungere delle certezze, tuttavia alcune ipotesi si possono formulare.
L’obbiettivo è traghettare dall’Africa all’ Europa milioni di persone che hanno in comune, il colore della pelle e la religione?
 Nell’accogliere non si devono fare distinzioni di razza, religione, orientamenti sessuali, idee politiche ed altro, ma è diritto inconfutabile conoscere chi si lascia entrare in casa propria.
La prima considerazione  è sull’appartenenza religiosa. Sono tutti musulmani, fedeli seguaci del Corano, che impone l’uccisione degli infedeli. Theo van Gong autore del cortometraggio SubmissiOn fu assassinato nel 2004 da un credente islamico. Stando al Libro non può essere considerato un criminale perché agì in nome di Allah!
Al momento i musulmani in Europa sono circa 60milioni, con gli attuali arrivi e con i loro tasso di natalità diverranno rapidamente maggioranza. Nascerà uno stato sul modello della Turchia con un progressivo livellamento al ribasso di istruzione, cultura, diritti, libertà, in modo che sia più facile l’accettazione del regresso.
E’ esattamente l’opposto di quanto ha fatto il cristianesimo diffondendo l’istruzione. Altro motivo che porta all’ annientamento delle missioni.
Il facilmente prevedibile che l’incremento di unioni e matrimoni misti faciliterà il cammino della talpa islamica.
Un illuminante episodio storico: David Ben Gurion e Henry Truman sono a colloquio per discutere delle difficoltà determinate dalla nascita di Israele. In una pausa Truman rivolto all’ospite dice: fortunato sei tu che devi governare un piccolo popolo, io invece debbo provvedere a centinaia di milioni di abitanti. Ben Gurion di rimando e senza esitazione: io debbo governare 5milioni di presidenti, è molto difficile!   Che non sia questa solo una simpatica battuta lo comprova il fatto che gli ebrei hanno conquistato il 25% dei premi Nobel. L’umanità intera è stimata essere sette miliardi e mezzo di persone e gli ebrei tutti e di tutte le parti del mondo sono circa 15milioni. Impossibile non riflettere sulla ricchezza della loro identità.
Il rimodellamento culturale, sociale, etico, economico al progressivo ribasso procede: scuola che promuove sempre, lauree facili e in formato ridotto, anche triennali , in fondo un mezzo sigaro toscano e una croce da cavaliere non si negano a nessuno (Vittorio Emanuele II) e  un posto da ministro della Pubblica Istruzione spetta a chi ha la licenza media.
 Il camino intrapreso è verso un lento, ma progressivo e continuo ridimensionamento di tutto, compresi oggetti, abbigliamento, cibo.
La quantità a discapito della qualità. Abiti e utensili a poco prezzo prodotti in Cina, mobili dell’Ikea, cibo dei fast-food e già si prospetta la commercializzazione di cavallette, insetti e robe simili.
Si percorre la strada che hanno tracciato, inconsapevolmente avviati a scendere gradini verso un limbo di servile sudditanza come Allah vuole.
Gerusalemme compendia e rappresenta tutto. Le tre religioni. Musulmani, Ebrei e Cristiani convivono. La Spianata delle mosche, il Monte del Tempio e un piccolo posto anche per i Cristiani.
Come nelle banche, ai musulmani il retail , agli ebrei il private, ai cristiani i bancomat.
 
 
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Leave a Comment