Turismo: villaggi vacanze in crisi soppiantati dalle crociere

di REDAZIONE

Alla fine è successo: le crociere hanno soppiantato i villaggi turistici. I prezzi delle crociere, infatti, sono più bassi e le navi sono sono sempre più grandi, accessoriate, ricche di sorprese e novità. I villaggi si basano invece su formule ormai consunte e mostrano difficoltà a rinnovarsi, anche se molti hanno introdotto diverse novità per non soccombere: corsi di yoga, centri benessere, animazione per i bambini anche a sera inoltrata.

Per conoscere la storia dei villaggi vacanza bisogna risalire agli anni Cinquanta, quando Gerald Blitz creà a Maiorca il primo Club Mediterranee: un nuovo tipo di vacanza, all’insegna dello sport e del divertimento, una rivoluzione. Un modello che si è diffuso dall’Europa ai Tropici e che con il tempo si è evoluto. I gruppi che hanno gestito villaggi si trovano però da tempo in grandi difficoltà: negli ultimi anni sono falliti I viaggi del Ventaglio, Eurotravel, Theorema, e un marchio prestigioso come Valtur è in mano a tre commissari straordinari. Persino il gruppo spagnolo Nh hotel, che ha 20 strutture in Italia e più di 1400 dipendenti, ha annunciato in questi giorni l’esubero di circa 400 dipendenti per rispondere alla crisi che sta colpendo il settore.

In Italia oltre il 60% delle presenze nei villaggi è costituito da famiglie che cercano la certezza del prezzo bloccato e la comodità di servizi per i bambini. Una settimana in villaggio, in agosto, costa però circa 1000 euro a famiglia (un po’ meno in giugno, luglio e settembre), che può arrivare a 1700 euro nei resort piu’ esclusivi, una cifra che molte famiglie non possono più permettersi di spendere. Al prezzo del villaggio infatti, occorre poi aggiungere quello del trasporto, che talvolta è ingente. ”Una famiglia di 4 persone, che fino a due estati fa pagava 180-200 euro per arrivare in Sardegna con il traghetto, portando a bordo un’auto, oggi, con la stessa automobile, finisce per pagare tra i mille e i 1200 euro: una cifra impossibile che fa sì che quest’estate la Sardegna sia stata abbandonata da moltissimi”, lamenta il presidente della Fiavet, la Federazione delle agenzie di viaggio, Fortunato Giovannoni. ”In agosto agenzie e tour operator hanno venduto bene, addirittura di più dell’anno scorso, ma molto sotto data e quindi con margini molti ridotti”, spiega Luca Patanè, presidente di Federviaggio, Federazione del turismo organizzato e leader del gruppo Uvet. ”E’ difficile fare già un consuntivo – aggiunge – bisogna attendere settembre, ma posso dire che i margini degli operatori del turismo sono stati molto sacrificati. Le prenotazioni sotto data sono dovute ovviamente alla crisi e alla conseguente perdita di posti di lavoro ma anche a motivazioni psicologiche, ansie e paure dovute al timore che i soldi vengano a mancare. Gli italiani fanno vacanze piu’ corte e più frequenti. Sul fronte del turismo degli stranieri, gli arrivi sono stati buoni, soprattutto in primavera e da parte di alcuni mercati, come quello russo”.

Mentre dunque l’industria del turismo lamenta perdite importanti, chi continua a navigare in acque tranquille (anche dal punto di vista economico) è il comparto crocieristico, anche grazie al ridimensionamento delle tariffe. Persino il colosso Costa Crociere – che si pensava sarebbe stato messo in ginocchio dopo il tragico incidente, quest’inverno, alla Costa Concordia, naufragata contro uno scoglio all’isola del Giglio causando 32 morti – ha appena confermato il sold out per tutte le partenze di agosto sulle 32 crociere effettuate nel Mediterraneo e le 17 nel Nord Europa. In funzione, su queste tratte, sono 5 navi per il Nord Europa ed 8 per il Mediterraneo. L’altro grande gruppo, Msc Crociere, ha reso noto che saranno circa 900.000 i passeggeri che trascorreranno l’estate a bordo delle navi della sua flotta, alla scoperta del fascino del Mediterraneo o delle suggestive località che si affacciano sui mari del Nord Europa. E per la crociera di Ferragosto sono stati movimentati 54 mila passeggeri nei porti italiani, registrando il fully booked su tutte le navi da crociera della compagnia.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. gigi ragagnin says:

    quelli che prima andavano nei villaggi e adesso vanno in crociera non potranno mai essere indipendentisti.

Leave a Comment