Tsunami veneto, Callegari: un popolo compatto un solo partito

callegari.2jpg

di Corrado Callegari* – Ho partecipato l’altra sera ad una trasmissione tv dal titolo “Sveglia veneti”. Questa è la nostra mission, perché non è accettabile che da decenni subiamo una occupazione del nostro territorio dal punto di vita fiscale. Dobbiamo spiegare spiegare ai cittadini cosa sia il residuo fiscale. Questo è il motivo per cui Roma non ci concede l’autonomia. Ci sono altre aree del paese che vivono col residuo fiscale ma non solo dei veneti, perché il Nord ha un residuo fiscale pari a 100 miliardi di euro. E dove finiscono questi miliardi? Servono per pagare tutti i provvedimenti dello Stato, come i comuni in dissesto, che sono tutti nel centrosud, parliamo della sanità in rosso che è tutta nel centrosud, parliamo delle autostrade che da Napoli in giù non si pagano…

callegari

Chi paga la manutenzione di queste autostrade? La paga Roma da dove pesca i soldi se non dalla finanza unica nazionale. Roma non vuol concedere niente a noi come Madrid non concede nulla alla Catalogna, che ha il nostro stesso problema. E’ l’area più ricca della Spagna. E’ lo stesso problema che ha la Scozia…

Dobbiamo andare ad esaminare il provvedimento che verrà presto fatto, il milleproroghe, tirar fuori gli stanziamenti che verranno rifinanziati. I forestali siciliani sono 28 mila e costano 480 milioni,     i forestali calabresi sono 10mila e costano 240 milioni. I forestali in Veneto sono 900. Per darvi la dimensione…. Ovvio  che non ci danno il residuo fiscale!

Abbiamo visto come è finita col la devolution, con i decreti sul federalismo fiscale, e poi col referendum… L’unica strada è dare al Veneto un unico partito. Come Grande Nord ho deciso di aderire perché dobbiamo mostrare a Roma che siamo un popolo compatto. Viva San Marco!

 

callegari3

Intervento all’evento Tsunami Veneto di Corrado Callegari, Grande Nord-Partito dei Veneti

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. giancarlo RODEGHER says:

    IL PARTITO DEI VENETI è diventato una realtà.
    Ieri nelle 7 città di provincia Venete migliaia di persone hanno partecipato alle conventions.
    Era ora che i Veneti capissero che solo con una SUED TIROL VOLKSPARTEI VENETA si potrà ottenere ciò di cui abbiamo necessità per poter andare avanti.
    Il gambero rosso, quello che cammina all’indietro lo lasciamo come premio a tutte le altre regioni, noi vogliamo altro e di più e soprattutto vogliamo crearci un nostro futuro con le nostre mani e non che dobbiamo dare il nostro portafoglio a roma e dover chiedere, elemosinare i nostri soldi ogni qual volta vogliamo fare un’opera o mettere in cantiere una qualsiasi delle nostre idee di miglioramento della vita dei nostri cittadini.
    I PARTITI NAZIONALI hanno tutti fallito e ci stanno portando alla fine della storia del paese chiamato Italia.
    Adesso c’è anche il MES…..(modifica….chi lo ha chiesto ?) che dal momento che l’Italia è fuori dai parametri europei dovrà sborsare 125 milirdi e non potrà mai accedervi se non a ristrutturare il proprio debito pubblico e quindi mettendo in crisi tutti noi. Il prelevamento dai conti correnti non è un’allusione, ma quasi una certezza se l’italia supinamente accetterà l’ennesimo tassello vessatorio nei nostri confronti.
    Di passo in passo sia l’euro che questa Europa ci porterà veamente alla fine del percorso unitario sin qui perseguito e mantenuto. Ci sarà finalmente la disgregazione dell’Italia se non si opererà immediatamente ad una inversione di marcia che ci porti ad un vero federalismo con le autonomie necessarie.
    WSM

Leave a Comment