Trieste Libera, presidio davanti al tribunale per l’autodeterminazione

di REDAZIONE

Questa mattina, a Trieste, è stato organizzato un presidio davanti al tribunale per la seconda udienza in merito alla validità del “Memorandum di Londra”, che sancì la semplice amministrazione civile provvisoria dell’Italia sulla zona A del Territorio Libero di Trieste.

Non fosse valido diventerebbe di fatto valido il Trattato di Pace di Parigi, che fa di Trieste territorio libero, Stato indipendente.

La battaglia giuridica per la libertà della città dallo Stato italiano è condotta con pervicacia dal Movimento Trieste Libera, che ha portato per le strade migliaia di persone a manifestare per la propria autodeterminazione.

Quello di stamane è un ulteriore passo per far giungere alle autorità italiane occupanti la voce forte degli alabardati.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

7 Comments

  1. Forza Trieste Libera, Brescia Patria è con voi.

  2. Dan says:

    >> Non fosse valido diventerebbe di fatto valido il Trattato di Pace di Parigi, che fa di Trieste territorio libero, Stato indipendente.

    Tanto quelli là non se ne vanno, trattato si trattato no, loro col trattato ci fanno gnamme.

    Solo l’uso materiale delle alabarde restituirà libertà e indipendenza

  3. maverick1 says:

    Il Trattato di Londra é valido, state lottando per una cosa che è morta prima di nascere

    • Salice triestino says:

      E no, si sta lottando per l’applicazione della legge, internazionale e italiana, le quali prevedono entrambe che Trieste è Territorio Libero, al momento in amministrazione provvisoria italiana.
      E basta con la solita storia “morto prima di nascere”. Primo, non è vero, il TLT è nato regolarmente come previsto, quando previsto, solo che non è stato applicato lo Statuto permanente causa la mancata nomina del governatore, che però potrebbe essere nominato oggi. Secondo, anche fosse vero, bon, lo vogliamo oggi, punto. L’Italia a Trieste non ha sovranità, per cui è possibile richiederlo, senza andare incontro ad alcun processo di secessione, basta applicare leggi esistenti.

      Quello di Londra inoltre si chiama “Memorandum” non “Trattato”, ed era solo un accomodamento pratico, non una modifica del Trattato di pace del 1947, tuttora in vigore a livello internazionale, nonchè parte della legislazione italiana.

    • Alex Storti says:

      Evidentemente tu non sai che la legge che ha recepito il Trattato di Parigi è tuttora in vigore.
      Tu chiamale, se vuoi, contraddizioni…
      (è una vecchia canzone di Battisti, o la memoria mi inganna?… chissà…)
      Good night, and good luck,
      Alex

  4. ermanno says:

    udienza a porte chiuse tutto blindato come il solito?
    fateci sapere come va, siamo moralmente tutti con voi !

Leave a Comment