Tricolore a Bassano sfida il Veneto indipendente

di ILARIA BRUNELLI (da Vivereveneto.com) – Perché ciò che succede a Bassano a maggio 2016 possiamo viverla come un affronto subito. O come un’occasione d’oro per poter dare visibilità a 1866 e 1797 in un colpo solo. Sta a noi reagire in maniera intelligente: abbiamo bisogno di idee vincenti e originali. Obiettivo? combattere l’ignoranza!

MA STANNO SCHERZANDO, VERO? E’ la prima cosa che ho pensato quando ho letto il titolone “Sfilerà il 29 maggio 2016 un grande tricolore lungo 1797 metri”

1797 metri, né uno in più, né uno in meno.
2016, 150 anni esatti dal fatidico 1866. Alla vista di questi numeri, così dolorosi per noi Veneti, mi si è stretto lo stomaco. Poi mi è salito il nervoso e un improvviso prurito alle mani.

Cioè, nel 150-mo anno dall’annessione forzata all’Italia nella mia città mi passa sotto il naso una bandiera che in un colpo solo ricorda il sopruso dei Savoia e quello di Napoleone?!

Incredibile! Una provocazione così sarebbe degna del più astuto degli unionisti.

Ma a dispetto della sguaiata coincidenza, dietro questa situazione non c’è una PERFETTA PROVOCAZIONE quanto una INQUALIFICABILE IGNORANZA. La quale non cambia la situazione che rimane inaccettabile (ignorare la storia non significa poterle mancare di rispetto!), ma CAMBIA RADICALMENTE LE NOSTRE POSSIBILITA’ DI REAZIONE.

E ora vi spiego anche il perché.

La motivazione ufficiale è il festeggiamento del centesimo anniversario del secondo anno della prima guerra mondiale. Per quanto la spiegazione sembri arzigogolata, Bassano èproprio così: succube delle memorie di guerra in modo così viscerale da dimenticare quasi il resto della sua storia. Una storia fatta di secoli di pace e prosperità sotto la Serenissima, dai primi anni del 1400, prima di venire sfregiata dalle truppe del piccolo militare francese e dopo ancora coinvolta nei conflitti militari che alla fine le fecero guadagnare una pesantissima medaglia d’oro al valor militare. E tutto questo impatta sui bassanesi, circondati di tricolori a ogni occasione.

Giusto per saggiare la reazione dei cittadini, ho postato una domanda diretta al Sindaco Poletto sulla pagina SEI DI BASSANO SE spiegando la vergognosa coincidenza. Morale della favola: commenti tiepidi e un generale “Si vabbè dai, pazienza!” e comunque “W il tricolore!“. Tutto questo prima che venisse cancellato il post perché comunque l’argomento è scomodo e il tricolore non si discute. Ecco. Siamo a questi livelli !

tricoloremodena

Riguardo la strana metratura di stoffa, la verità va ricercata nel luogo di provenienza di questo mitologico pezzo di stoffa: il modenese. Il tricolore è prestato dai Lions di Modena a quelli di Bassano che l’hanno entusiasticamente (!!) proposto al Sindaco.

E voi direte: e allora? E qui viene fuori la seconda spiegazione.

La nascita ufficiale del tricolore è indicata nel 7 gennaio del 1797 a Reggio Emilia. Questo tricolore è stato fatto 4 anni fa per il 150-mo dell’Italia e la metratura anomala ricorda questo.

Ovviamente il Veneto NON E’ l’Emilia Romagna e quel numero per noi èinaccettabile!! Ma se interrogate un qualsiasi adulto riguardo il significato del 1797 per il Veneto non saprà dirvi quasi nulla. Forse vi parlerà del trattato di Campoformio ripetendo a memoria la lezione appresa o come qualche bassanese dirà “be’ vabbe dai, pazienza!”

ECCO, I FATTI SONO QUESTI. PIU CHE PROVOCAZIONE QUI SIAMO DAVANTI AD UN MARE DI IGNORANZA!
E se alla provocazione viene da reagire d’istinto e con rabbia,
all’ignoranza bisogna rispondere con intelligenza ed efficacia.

La verità è che, per quanto ci prudano le mani, abbiamo un’occasione d’oro per poter parlare (e avere risonanza) del 1866 e del 1797 in un colpo solo. Non sprechiamola ma usiamola con intelligenza.  Ecco perché apriamo questo grande tavolo di idee con tutti noi, per confrontarci, individuare le migliori iniziative e renderle realtà!

CHE COSA POSSIAMO FARE PER BASSANO PER RENDERE PRONTI I CITTADINI AL 29 MAGGIO 2016 E GESTIRE A NOSTRO FAVORE QUESTI 1797 METRI DI STOFFA?

Fuori le idee e che siano originali, pacifiche, meglio se ironiche, e dirette a una platea(attenzione!!!) NON SENSIBILE a questi temi (quindi dobbiamo trovare qualcosa che davvero buca la loro attenzione!)

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Giancarlo says:

    Io dico che questi accadimenti sono tra i più utili alla causa Veneta.
    Saperne cogliere le opportunità sta a noi Veneti.
    Ormai gli italioti, a cominciare da certi sindaci e giù giù sino prefetti, magistrati ,politci etc.. stanno perdendo la testa e non capiscono che facendo cose del genere si danno la zappa sui piedi.
    Ritengo che lo facciano per pura ignoranza e perché sanno che i Veneti non sono dei violenti.
    Ma, così facendo non faranno altro che convincere anche quelli ancora sul limbo dell’indecisione e a noi va benissimo quello che inventano pur di farci igoiare il tricolore delle tre merde !!!
    WSM

Leave a Comment