TRADATE, ONETO E BRACALINI RIPENSANO IL RISORGIMENTO

di REDAZIONE

Questa sera, a Tradate (Va), la Libreria Ferrario organizza un incontro di quelli che meritano di non essere persi. Gilberto Oneto e Romano Bracalini metteranno il dito nella piaga di quel che fu il risorgimento.

Il primo, autore di “La Strana Unità” (ed Il Cerchio), non ha mai fatto mistero di quanto l’unificazione savoiarda abbia segnato l’inizio della fine della prosperità e della civiltà delle aree padano-alpine. Il secondo, autore di “Brandelli d’Italia” (Rubbettino Editore, da poco nuovamente ristampato) non solo è stato il primo a dare a Carlo Cattaneo il rilievo e l’importanza che non ha mai avuto dalla pubblicistica patriottica, ma ha inanellato una serie di successi editoriali che hanno mostrato quanto questo paese sia ormai alla deriva.

Per Oneto “l’Italia è avvolta dalla camicia di forza della retorica. La celebrazione del 150° dell’unità poteva essere una grande occasione per ripercorrere serenamente e senza costrizioni ideologiche avvenimenti che hanno dato origine a tutti gli attuali assetti e problemi. Invece… La storia come è stata raccontata è troppo spesso una sbrodolata di retorica patriottarda che ha deformato la realtà esaltando i vincitori – tutti eroi – e svillaneggiando i perdenti, tutti felloni, forcaioli e reazionari”.

Gli fa eco Bracalini che sulla fine dell’esperimento italiano non ha dubbi: “La forma unitaria del paese non è mai apparsa così fragile come in questi mesi in cui vecchi e nuovi campanilismi riaccendono antiche polemiche. La divisione appare ormai inevitabile in un’Europa non più basata sui vecchi modelli degli stati nazione ma suddivisa in aree economiche omogenee”.

Per chi volesse incontrare i due autori, nonché collaboratori di punta del nostro quotidiano, lo potrà fare, stasera, venerdì 24 febbraio, alle 21, a Villa Ruffini di Tradate, in Corso Bernacchi. L’incontro è patrocinato dal Comune e dall’Associazione culturale “Terra Insubre”. L’ingresso è libero.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Peccato proprio non esserci.

    Comunque godete della mia stima.

    Cordiali saluti e con netta in bocca e a nuoto passiamo il mare ROSSO KOMUNISTA.

    LB

Leave a Comment