TOSI VINCITORE: LE LISTE A VERONA PORTERANNO IL SUO NOME

di GIANMARCO LUCCHI

In Via Bellerio penseranno che tutto è bene quel che finisce bene. Ma alla fine il vincitore è statoFlavio Tosi, da Verona. Il più ‘ribelle’ degli amministratori del Carroccio l’ha spuntata. Oggi nella sede della Lega Nord a Milano il via libera gli è arrivato direttamente da Umberto Bossi e Roberto Calderoli. La lista personale di Tosi alle amministrative di maggio a Verona ci sarà: si chiamerà «Civica per Verona-Tosi Sindaco», nomi in giallo e bianco su fondo blu. Per i lumbard è importante però aver confermato la linea della fermezza sul no ad alleanze col Pdl. Il risultato è che a Verona il Popolo della Libertà ha iniziato a dividersi. E c’è la corsa degli amministratori azzurri a ‘sfidare’ il partito: non escono dal Pdl, ma confluiscono nella civica di Tosi. Lo ha annunciato, ad esempio, il vicesindaco e assessore Vittorio Giacino, che potrebbe essere il capolista della civica ‘tosiana’, e con lui l’hanno fatto altri 5 compagni di partito. Anche perchè ufficialmente il Pdl regionale sostiene l’avversario di Tosi, Luigi Castelletti, cui aveva detto sì 24 ore dopo il lancio della sua candidatura da parte di Udc e Fli. Tornando al rebus liste, il nome di Tosi farà capolino anche in quella ufficiale del Carroccio – «Lega Nord – Liga Veneta per Tosi», così come in tutte le altre cinque liste civiche che sosterranno la sua corsa al secondo mandato per Palazzo Barbieri.

«Se Tosi fa la sua lista personale è fuori dalla Lega» aveva tuonato fino a pochi giorni fa il Senatur. Le cose sono andate diversamente, come era facilmente immaginabile. Così si capisce perchè Tosi una settimana fa, al Parlamento Padano di Vicenza, fosse così allegro mentre Calderoli annunciava l’accordo trovato. Saranno sette quindi le liste – quella della Lega e sei civiche – a sostenere la ricandidatura di Tosi. Oltre a quella personale, il sindaco avrà l’appoggio della civica dei Giovani, civica dei Pensionati, civica Fratta Pasini – l’attuale presidente del Consiglio comunale -, civica Alleanza per Verona, civica Verona è Vita, promossa da un ex Udc. «Ringrazio Umberto Bossi e Roberto Calderoli per aver proposto una soluzione a favore della città di Verona e del candidato sindaco», si è limitato a commentare, in una nota, Tosi, che ha lasciato Via Bellerio assieme al segretario veneto del Caroccio, Gianpaolo Gobbo, senza parlare con i cronisti. Poco dopo Roberto Maroni ha scritto sul proprio profilo Facebook: «Evviva! Domenica sarò a Verona con il grande Flavio per lanciare la campagna per la sua rielezione a sindaco». Ciò che resta da capire sul ‘laboratorio Tosi’ lo diranno i nomi di chi entrerà nella sua civica. Ma leghisti ‘duri e puri’ce ne saranno pochissimi: i posti sono prenotati per gli amministratori (assessori e consiglieri) che in questi cinque anni hanno già garantito la fiducia al sindaco veronese. Vi confluiranno ex Forza Italia, ex An, fuoriusciti dal Pdl, e soprattutto attuali Pdl, che in queste ore stanno mettendo in crisi le file berlusconiane.

Intanto dal quartier generale della Lega si apprende che nelle giornate dell’1, 2 e 3 giugno si terrà a Bergamo, al Palacreberg, il Congresso Nazionale della Lega Lombarda per l’elezione del Segretario Nazionale, del Presidente e del Consiglio Direttivo Nazionale. Inizialmente il congresso era stato convocato a Senago. Il segretario nazionale Giancarlo Giorgetti – informa una nota della Lega – ha scelto questa soluzione, evitando la consueta e tradizionale cornice milanese, «per evitare di sovrapporre un evento di carattere esclusivamente politico con la visita del Santo Padre prevista per quei giorni nella città di Milano». «Abbiamo ritenuto di dover cambiare sede congressuale – ha spiegato Giorgetti – per il profondo rispetto che doverosamente sentiamo di dover attribuire al Pontefice e alla comunità milanese che vuole vivere questo momento».

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. batwoman says:

    Bobo e Flavio sono stati un po’ pestiferi, povero Gobbo: lui aveva detto che non voleva liste personali e loro gliene fanno 6, comprendendo anche quella della lega nord…

  2. silvano says:

    Vogliamo un Tosi senza la Lega. La lega torni a casa sua…….a ROMA

Leave a Comment