Torino, Grillo ha vinto con un programma che somiglia alla prima Lega. E la Lega a Torino, dov’era?

torinodi MARIO DI MAIO – Chi avesse letto il programma elettorale con cui la Appendino ha totalmente asfaltato Fassino avrebbe scoperto che si tratta di un progetto tranquillamente sottoscrivibile da Umberto Bossi. E’ la proposta di una torinese per ricostruire Torino con il concorso di tutti i torinesi, valorizzando le risorse del territorio a partire dalle piccole e medie imprese sulle quali e basata l’economia della citta.’ Cioe’ un programma leghista pensato da una 5stelle che non ha cercato l’alleanza di nessuno. Una lezione per il Carroccio che continua a farsi “assorbire antiigienicamente” dal centrodestra per “battere le sinistre” , mentre lo scopo della Lega e’ben altro. Cosi’anche se si vince non si realizza un fico secco. Ma a Bruxelles si presenta un’occasione da cogliere: i grillini sono alleati con gli euroscettici inglesi di Farage. Se l’esito del referendum Brexit sara’negativo, quel gruppo parlamentare avrebbe finalmente interesse a un accordo fra tutte le forze che intendono cambiare i trattati sottoscritti a partire dal 1992. Anche tutto il blocco dei paesi dell’ Est e’interessato al ridimensionamento dei poteri delle istituzioni europee, quindi un’intesa su vasta scala oltre che urgente oggi e’possibile. Occorre che i nostri europarlamentari riprendano l’iniziativa da subito. E coinvolgano i colleghi grillini.

Print Friendly

Recent Posts

One Comment

  1. guglielmo says:

    Egr. dott DI MAIO

    La Lega di Salvini Maroni Garavaglia Giorgetti Calderoli , Grimoldi ed altri è impegnatissima ad occupare c.d.a. di banche , fondazioni ed aziende come Finmeccanica e sue consociate, municipalizzate ed altro, pertanto non può occuparsi di problemi veri e reali dei cittadini

    Mi chiedo….. perchè la Lega e Giancarlo Giorgetti non rendono pubblici i nomi di coloro che occupano questi incarichi !!!! Sarebbe un atto di trasparenza nei confronti di iscritti e militanti

Leave a Comment