PARAGONE, IL LEGHISTA OGM E LA TASSA DI MAMMA RAI

di TONTOLO

Ieri sera, ero a casa del Baldo a guardare la televisione e, gira di qui che giro di là, salta fuori un tale Gianluigi Paragone che, finendo la trasmissione, ha fatto un invito a tutti i suoi telespettatori italiani: “Mi raccomando, sta scadendo il canone, correte a pagarlo”. Vaca sidela! Ma quel tipo lì non era quello che ha fatto carriera stando “a pusso” dei leghisti? Non era lui il direttore della “Pravdania”, quello dei Caparini che urlavano di non pagare il canone senza mai alzare le chiappe dalle comode – e ben pagate – poltrone della tv di Stato? Non era lui il “maroniano” che dirigeva la “Rete 55” dell’ex direttore di Raidue Antonio Marano? Non era lui che sulla “gazzetta verde” vergava le articolesse contro la tassa di Mamma Rai?

Come direbbe il venditore dell’asta tosta, oggetti tosti per tutti i gosti… cerrrrrrrrrrrrto che è lui!

Un leghista ogm, di quelli dell’ultima generazione: “Amante della bella vita (a Roma lo si vede girare per le vie del centro con tanto di autista), alterna i vestiti da cerimonia indossati per le apparizioni televisive al più informale abbigliamento da cocktail nella campagna inglese, senza mai però abbandonare le amate bretelle, meglio se rosse. Per quei pochi che ancora non lo conoscessero, quando si reca in Transatlantico per le grandi occasioni, camminando avanti e indietro con la pipa in bocca, risulterebbe difficile distinguerlo da un navigato esponente della sinistra radical chic”.

Te capit? Avanti “poppolo”, alla riscossa. In fondo, come direbbe il mio amico Batista, una carriera a spese dei contribuenti, in questo “Belpaese di merda” non la si nega quasi a nessuno. Men che meno ai “padani-napoletani”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

40 Comments

  1. Lucafly says:

    un classico: Paragone fa rima con TERRONEEEE !!!!!!!!

  2. Arcadico says:

    Scusate … ma visto l’andazzo … mi sarei meravigliato se avesse fatto il contrario!

    D’altronde la real politic e’ stata applicata per anni dai dirigenti leghisti!

    Comunque … leghisti … idealisti … non ne vedo in giro molti … fuori dalla base!!!

  3. elveciorecio says:

    Tontolo ma i do labroni, Trota a Pappagone, son fradei per caso?

  4. elrecio says:

    Paragon, ti me porti in Rai contigo? Paragon porta anco el Carcano de la Padania che gha bei ocioni grandi e espresivi de una inteligenza antica…

  5. birolini david says:

    Ma anche Aurora Lussana fu messa in Rai?

  6. Rolando says:

    Siamo in un mondo totalmente corrotto, c’è chi si abbuffa e chi muore di fame perciò i conti non tornano, in più è infiltrata anche la malavita che sè nè approfitta e quei pochi poveri onesti che rimangono schiumano sangue anche per quelli che non fanno un cazzo! Penso che sù questa terra sarà impossibile risolvere completamente il problema, l’unica cosa che possiamo fare è combatterlo e cercare di avere la coscienza pulita, poi chi c’è l’ha sporca saranno cazzi suoi…

    • mursia says:

      bravo Rolando, bravo, corrotto..totalmente…bavoso anche, putrefatto e tutto grazie ai marcioni. Tutti sul carro stanno i marcioni a bere e mangiare alla faccia del popolino scemo!

  7. Rolando says:

    sono tutti bravi a criticare, mà appena gli offrono un buon posto per tenere la bocca chiusa, svoltano bandiera, và dove tira il vento mi disse un’ipocrita, io purtroppo riesco ad andare solo controvento! mà non conto niente

  8. elveciorecio says:

    El ga do labroni belissimi sto toso, bei labroni caldi, gotici, barbarici. Xe un gran labron, un facia da labron grandi e picioe, xe sensual. con i oci da gaton morto, da gaton melifluo. Xe beo, con la testa lustra, la testa più lustra de la Lega xe stao…me piase, me piase tanto ha un fascino oriental..

  9. Pao says:

    Se dovessimo elencare tutti i giornalisti della Padania e di Telepadania, gli ex direttori della Padania (tranne il buon Marchi, naturalmente) e gli ex rappresentanti di pentole che sono finiti alla Rai con il posto sicuro e ben pagato, dovremmo stare qui fino a dopodomani. Hanno anche trovato quelli che gli hanno permesso di fare “gli splendidi”… e di mettere il deretano in un posto caldo e soffice, ….che volete di più?? …complimenti per la trasmissione….

    • beretta says:

      chi è l’ex rappresentante di pentole? Mastrota? Scusa la curiosità…

        • beretta says:

          e che cosa c’entra la Lega e la Padania con Mastrota?

          • Pao says:

            Con l’espressione sopra utilizzata (“ex venditori di pentole”) intendevo parlare di categorie di soggetti che, seppur estranei al mondo della comunicazione televisiva e del giornalismo (in quanto nella vita “precedente” si occupavano d’altro, chi di computer, chi di questo chi di quello) hanno ottenuto – perché in quota Lega – posti in Rai (alcuni mi pare che siano lì fissi da anni, con incarichi di grande prestigio), E’ un dato di fatto che mettere uomini in Rai non ha facilitato la battaglia storica contro – ad esempio – il pagamento del canone Rai (una volta, ma era tanto tempo fa, qualcuno bruciava i libretti, vi ricordate?), ed ora si arriva al punto – inevitabile – che un ex direttore della Padania (!) ci invita a pagarlo… trovo la cosa comprensibilissima, dal suo punto di vista attuale, anche per fedeltà all’azienda per cui oggi lavora. Per chi bruciava coraggiosamente i libretti e altrettanto coraggiosamente sventolava la Padania del suddetto direttore… rimane tanta amarezza: vi pare poco?

            • Ambrogio says:

              Puoi sempre beccarti a pagamento i sermoni di tale Faverio su Rai Parlamento e capire quanto sei stato fesso…piega la teastina alle meraviglie dei catanesi e allo strapotere dei padroni di rifugi alpini, alberghi valtellinesi e maestri di sci! Ve li meritate!

  10. fracatz says:

    cosa vuoi che sia un testina di poro leghista in confronto a tutti coloro che dalle frange estreme rosse si ripararono poi sotto i mantelli caldi azzurri o neri o i radicali abortisti saltati sul carro del cavaliere?
    La cosa vera è che quando uno non sa fare nulla nella vita, allora poi per campare (alla grande) deve dasse da fà e stornellà il bobbolo, che come ben si sa, non ha memoria (almeno finchè non è alla fame)

  11. bifora says:

    Ma questo qui è amico di Salvini, che cosa dite male, è amico di Salvini che è amico di tutti quelli importanti! Dai, ragazzi, moderazione….siamo nel campo dei media…mica roba da contadini…mica roba da operaioni, caspieterina, Salvini il fine intellettuale che va in Tv…ragazzi, freniamo l’ignoranza sennò ci bacchettano…

  12. pirotti says:

    Per par condicio qui occorre un bell’editoriale della Padania sull’argomento con l’illuminante editoriale della direttora che sa, comprende e spiega.

  13. bufo says:

    Hanno ragione questi signori a fare quel cazzo che vogliono a spadroneggiare, zitto padano a paga, anche per i tuoi amici, anche per i tuoi caporioni, anche per i tuoi giornalistoni! Finchè non gli schiaffate in faccia la loro merda vi useranno come carta igienica!

  14. bufo says:

    A furia di alzar le spalle e prenderla in quel posto i padani sono diventati il puntaspilli del mondo, chinque caga sulla loro testa!

  15. Rinaldo C. says:

    hi popolo, siamo poi tutti coglioni, io pago perchè è un dovere dei cittadino, quelli che non pagano non sono cittadini di qualsiasi regione, provincia e comune, sono come a quelli del sud che non pagano tasse, la Rai, assicurazione, bollo di proprietà, multe e più ne fanno più me pensano. Il conduttore del programma senza parole alla fine come tutti deve dire che bisogna pagare il canone rai, oggi lavora in rai ed è costretto poi nel suo pensiero non è d’accordo, siamo sempre li tu mi dai la possibilità di lavorare se poi è statop raccomandato peggio ancora deve cavar giù le mutande e tacere se ti fanno male. Siccome noi non siamo del sud e abbiamo il senso del dovere è ovvio che paghiamo quello che ci chiedono, dovremmo ribellarci e seguire tutti non alcuni
    di non pagare più niente allo stato italia, ma inogni famiglia c’è chi tira da una parte e chi tira dall’altra.Alla fine tutti i movimenti indipendistici dovremmo unirsi tutti insieme a protestare contro l’itaglianetta tiranna in modo particolare per le tasse e i supprusi che il governo monti, fa e produce tutti i giorni contro di noi popolo, comuni, province e regioni. Dobbiamo fare una ribelione pacifica, di non pagare più niente noi del nord allo stato.

    Rinaldo

    • alberto mentaldi says:

      Invece di fare proclami di non pagare (che è sempre difficile) perchè non inondate la signora Lai e i dirigenti della Rai di mail di protesta contro questi signori e i loro schifosi programmi? Perchè non pretendete di sapere, visto che pagate, quali ascolti fanno per andare in onda? Provate..tanto che cosa c’e’ da perdere?

  16. leghel says:

    Ma corrisponde al vero che questo genio fu presentato in lega da Giorgetti che disse che era un giornalista in carriera? E dove era in carriera? In corriera, forse. Ed è vero che una volta arrivato alla Padania pretese lo stesso tipo di auto di Bossi e gliela diedero dallo stesso concessionario? O sono bugie? Se non lo sono capite chi è il genio e chi i coglioni!

    • leghel says:

      E voi vi fareste guidare da dei coglioni? li votereste? Non siete si scherzi a parte! Pagate per Paragone, per Faverio, Per Casarin, per Papa, per Bianchi Clerici ecc. ecc. ecc.

    • gianluca says:

      Che fosse apprezzato da giorgetti e’ vero ne parlava come del nuovo VEspa l’ho sentito con le mie orecchie. Dell’auto non so
      Dir

      • leghel says:

        In effetti Giorgetti è uno che se ne intende….e poi è un vincente…è vera anche quella della vettura. Caro direttore lei evidentemente furbo non è…perchè bisognava fare i gradasi e autodefinirsi geni in Lega per far strada..o ricattare…o farsi palpare il culo…

  17. botti enzo says:

    Devo dire che Paragone è della stessa scuola di Casarin, una razza una faccia…

  18. lauretta says:

    Ma lo avete sentito quando canta? Un usignolo, del resto suo papà che stava con Cuoiati del partito socialdemocratico è un cantante come Apicella. Si vede che questi leghisti maroniani hanno la musica nel sangue, perchè ricordo una imperdibile scena di Quello che…Regioni con Faverio stesa su un prato montano accanto al maestro di sci Confortola e con sottofondo la musica di Paradise. Da antologia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  19. free says:

    stron,,,ne ipergalattico pagato da noi

  20. Roberto Lamagni says:

    LEGHISTI MARONIANI DI ULTIMA GENERAZIONE.. HA HA HA.. E QUESTI SAREBBERO I BARBARI SOGNANTI.. MA VA A CAGA’..

  21. sciadurel says:

    Paragone … ma per piasè

  22. riboldi says:

    Lasciatemi spezzare una lancia in favore di Paragone, la Lega serve come una corriera, si sale poi si scende, del resto come si fa a sopportare a lungo la presenza di gente come Calderoli o Giorgetti…e dello stesso Bossi…ah ah ah

  23. jef says:

    Qui ci vorrebbe Caparini per un commento, lui è il più grande esperto dei media padani e dei giormnalisti padani…

  24. Billy says:

    Urca Pappagone!!!!!!!!! Un mito!!!!!!!! A quando un bel ritratto degli altri legaioli in Rai? E di Casarin che dite? Anche lui frutto della Bianchi Clerici, geniale promoter della Faverio

  25. gianni says:

    Quantomeno Paragone fa ascolti. Gli altri “leghisti” in Rai che ascolti fanno, se lo sapete, per curiosità?

  26. albertina says:

    Caro Tontolo, vedo che se la prende con Paraterrone. Però guardi che un altro bel caso eè quello della Faverio che anche lei urlava contro il canone e diceva in giro di non pagarlo e fa nientemeno che il direttore in Rai, come ha ben scritto Facco. Come si cambia, cantava una canzone….ci sarebbe poi da capire come mai una che crticava il sud e gli scandali e gli sprechi di Catania poi faccia decine di interviste a Catania e nel catanese e al presidente della provincia di Catania in un programma che si chiama Regioni…o si dedichi alle regioni notoriamente ‘padane’ ‘ dell’Himalaya con decine di interviste alla sua guida alpina…o agli albergatori dei rifugi eleganti….misteri…

Leave a Comment