Ticino, i giornali: furti, sempre meno. Immigrati, niente militari alla frontiera, non servono

svizzera

di LEO SIEGEL – Passo la dogana di Chiasso, sul sedile mi fa compagnia Libero che spara a tutta prima pagina “La buffonata dell’accoglienza”. Arrivo in Valcolla, entrò in un bar, trovo sul bancone copia del quotidiano laRegione edito a Bellinzona, che titola con evidenza: “Furti, sempre meno”. Cioè, diminuiti del 35% in sei mesi, con trend a scalare ulteriormente. Mica male.

Poi, all’interno, altra notizia: “Migranti, niente militari alla frontiera”, perché non servono, basta un prefabbricato inutilizzato nel Mendrisiotto, cofinanziato da Berna, 150 posti letto, carte in tavola. Chi presenta domanda d’asilo, viene preso in carico dalla Segreteria di Stato per gli opportuni accertamenti. Poiché la maggioranza dichiara di voler semplicemente transitare sul suolo elvetico per raggiungere altri Paesi del Nord Europa, viene invece fermata, e “affidata alle preposte autorità italiane, come previsto dalla procedura di riammissione semplificata e stabilito dagli accordi internazionali”.

Svizzera Ticinese altro pianeta? No, parlano la stessa nostra lingua, con le stesse cadenze dialettali dei confinanti comaschi e varesini, pregano lo stesso nostro Dio. E allora, dov’è la differenza? A parte l’inesistenza di un Alfano indigeno (hai detto niente!), magari incide la primazia elettorale della Lega Ticinese che pure quest’anno porterà il suo saluto a Pontida. Benvenuti!

Print Friendly

Articoli Collegati

3 Commenti

  1. luigi bandiera says:

    In primis bisogna abbandonare l’atteggiamento del Politicamente corretto o politically correct.
    Proseguendo chiamiamo pane il pane e vino il vino: noi del nord abbiamo subito tante INVASIONI. TROPPE..!
    Per tutto questo INVADERCI ad ogni pie’ sospinto, noi li’ sempre a testa bassa la’ a lavorare e a PAGARE, dovremmo essere degli ESPERTI in questa ormai vecchia materia. Invece, niente, niet..! Lo si nota dal fatto che continuiamo a tenere la testa bassa e a lavorare e a pagare.
    Davvero ne’, dovremmo essere sicuramente certi se avviene o no una INVASIONE appunto data la nostra esperienza.
    Non serve che lo dica l’intellighenzia IGNORANTE sul fatto o correa perche’ cosi’ detta il suo partito.
    Scusatemi se punto il dito sempre la’, l’intellighenzia, ma e’ la classe dirigente per cui ha una e grande responsabilita’ di quel che accade sia a pro e sia contro di noi.
    Adesso, tardi kax, spuntano quelli che vorrebbero incriminare i notissimi ormai, criminali di pace. Si, perche’ si percepisce che ci sono criminali di guerra ma anche di pace, finalmente.
    Tuttavia e tornando sul disk INVASIONI, senza peli sulla lingua che non deve essere mai biforcuta, e vada per l’invasione del Garibaldi, poi del Savoia, poi dei komunisti… poi dei demoniokratici, poi dell’Adolfo e poi cosi’, a ruota libera, altre invasioni come quella suddista. Dite, oggi l’INVASIONE IN ATTO E’ LA PEGGIORE DI TUTTE, SI O NO..?
    Soprattutto perche’ VOLUTA da meta’ circa di cittadini italiani che si nascondono dietro lo scudo EU e non solo, per esempio il partito komunista con altro nome.
    Sembra un TERREMOTO UMANITARIO CHE DOVEVA ESSERCI IN QUESTO PERIODO. Ma Nostra Damus lo aveva previsto per caso..?
    Quindi carissimo Leo Sieghel, noi esperti in INVASIONI non siamo capaci di farci valere. Almeno farci sentire… NIEI..!
    Anzi.
    Sembra che piu’ ne arrivano e meglio stiamo: ci pagano subito la pensione (o l’albergo?), dicono i vari escrementi umani (i famosi lupi) mascherati da pecore anche in TV.
    Adesso poi che hanno tre reti TV va avanti la grande PROPAGANDA KOMUNISTA mascherata da buonista.
    .
    Sai Leo, amico mio e noi ce lo ricordiamo bene quel periodo, nemmeno RADIO MOSCA o RADIO VARSAVIA o RADIO PRAGA (Radio Pechino non la sentivo se non in casi dove non potevo nemmeno valutare) per non citare le altre emittenti come Radio Belgrado, Radio Tirana… voce pechinese… appunto.
    .
    Non me lo sarei mai aspettato un cambio cosi’ evidente e pericoloso.
    .
    Ma anche la carta stampata e’ su quella linea DEMONIOKRATIKA.
    .
    Mai e poi mai me lo sarei aspettato il cambio di FARE INFORMAZIONE come e’ avvenuto oggi in italia.
    .
    Quindi fare certi paragoni e’, si, dovrebbe essere molto faticoso.
    Beato te che ce la fai… senza avere conati.
    .
    Tuttavia, ripeto: l’italia e’ uno stato KATTOKOMUNISTA, fino a poco tempo fa lo era, e adesso anche ISLAMIKO.
    .
    Bisogna organizzare una NUOVA RESISTENZA. VERA..!
    .
    Chiamiamolo COMITATO DI LIBERAZIONE o RKL, in Algeria era FNL, qua si puo’ dire anche 1-2-3.
    Basta LIBERARCI e al piu’ presto da questa DITTATURA demokratika.
    .
    Basta con la carta piu’ bella del mondo: e’ komunista..!
    .
    Impariamo dai FATTI… per non soccombere.
    At salüt e auguri.

Lascia un Commento