Causa tibetana, una giovane donna si dà fuoco. E’ sono 74 quest’anno

di REDAZIONE

Una giovane donna si e’ immolata ieri nella Cina occidentale, portando a 74 il numero di questi atti estremi dal 2009. Secondo Organizzazioni che si battono per i diritti dei tibetani, Tenzin Dolma, di 23 anni, residente nel villaggio di Tsenmo Goge della contea di Rebgong (Tongren in cinese) nella provincia occidentale del Qinghai, si e’ immolata intorno a mezzogiorno nei pressi di un tempio, urlando slogan per il Tibet libero e per il ritorno del Dalai Lama.

La donna e’ morta sul colpo e si e’ data fuoco nell’area che ha visto piu’ immolazioni tra le 12 avvenute dal quattro di novembre, in concomitanza con il diciottesimo congresso del partito comunista cinese che ha eletto i vertici del partito e del Paese. Poche ore prima del sacrificio di Dolma, un ragazzo, Khambum Gyal di 18 anni (Karpongya di 14, secondo la Nuova Cina) si e’ dato fuoco ed e’ morto nella stessa contea di Rebgong/Tongren dinanzi al monastero di Rongwo.

A seguito di questa immolazione, l’area di Tongren e’ tagliata fuori sia dal punto di vista viario che di comunicazioni, con migliaia di agenti e paramilitari che controllano ogni tipo di accesso e di comunicazione. Alla vigilia del congresso, lo scorso sette novembre, cinque persone si sono immolate, nel giorno peggiore da quando questa forma di protesta ha avuto inizio dal febbraio 2009, e questo mese sta per diventare uno dei piu’ cruenti. Dall’inizio di quest’anno, sono gia’ 60 le immolazioni avvenute per la causa tibetana.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

4 Comments

  1. Carolus says:

    Per quale motivo i nostri sinceri democratici non scendono in piazza per manifestare contro l’occupazione militare della Cina in Tibet?
    Semplicemente perché tra comunisti ci si aiuta e si plaude al trionfo dell’ipocrisia della sinistra che manifesta contro Israele secondo tradizioni naziste e sovietiche, ma , come per l’invasione sovietica in Ungheria, plaude alla violenza dei compagni contro chi la libertà di pensiero.

  2. Culitto Salvatore says:

    se continuano di questo passo (e i cinesi lo sperano) tra un po non ci sarà più nessuno per “immolarsi” e nessuno che chiederà l’indipendenza

  3. Andra Dal Cin says:

    I giovani occidentali sugli eventi indocinesi costruirono una rivoluzione etica che ha distrutto l’occidente stesso, sulla tragedia tibetana nessun indocinese muove un muscolo e allora mi chiedo, sono furbi gli indocinesi o siamo deficenti noi occidentali.

  4. Giovanni Napomuceno says:

    I Tibetani sono circa 6 milioni.

    Piemontesi + Lombardi + Veneti sono circa 19 milioni e mezzo.

    Se non si sono trovati 240 padani disposti ad immolarsi per l’indipendenza significa che cacciano tutti un sacco di balle, in attesa dell’ happy hour !

Leave a Comment