The Times: i migranti prelevati al confine con la Siria, non dopo…

di REDAZIONEeni_egitto

Centinaia di milioni di sterline saranno distolte dal bilancio britannico per la cooperazione per essere destinate all’emergenza migranti e all’accoglienza di un numero di rifugiati maggiore del previsto. La crisi in corso, riferisce il quotidiano “The Times”, assorbirà tutti i finanziamenti extra rispetto al budget (di dodici miliardi): circa 250 milioni all’anno, quasi un miliardo entro la fine del decennio. Il cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, ha spiegato che la spesa è “nell’interesse nazionale”, anche al fine di ridurre l’afflusso di profughi dal Medio Oriente e dal Nord Africa, e che è necessario un radicale ripensamento della politica degli aiuti.

I richiedenti asilo saranno prelevati direttamente dai campi esistenti ai confini con la Siria. Il premier, David Cameron, parlera’ oggi alla Camera dei Comuni, quantificando l’impegno del governo. Si è ipotizzato, ma fonti ufficiali hanno smentito, che la Gran Bretagna possa accogliere quindicimila persone, più di quanto suggerito dalla candidata leader del Labour Yvette Cooper (diecimila). L’editoriale del quotidiano conservatore riconosce che c’è bisogno di un sostegno umanitario immediato per coloro che fuggono dalla guerra civile siriana, ma ribadisce che a lungo termine la situazione potrà essere risolta solo con un cambiamento in Siria.

Print Friendly

Recent Posts

Leave a Comment