Texas padrone a casa propria. Schierato esercito a confine messicano

dichiarazione-di-indipendenza-americanadi ELSA FARINELLI

L’America delle libertà è anche questa. Di essere padroni a casa loro ne danno prova. Sono federalisti, hanno leggi che consentono di poter decidere indipendentemente da Whasington. Sono la terra delle mille opportunità ma anche di altro. Della legalità, per esempio. L’hanno chiamata così, “Operazione sicurezza forte”, battezzata da Perry. Ed è la mobilitazione della guardia nazionale del Texas dando l’annuncio da Austin. “L’operazione e’ interamente finanziata dallo stato – ha precisato – ma confido nel fatto che il governo federale ad un certo punto decida di rispettare i propri doveri costituzionali e rimborsi lo stato del Texas”. L’obiettivo del governatore, che ha chiesto al presidente Barack Obama altri 3.000 uomini per proteggere il confine con il Messico, e’ quello funzionare da “moltiplicare di forze” per combattere le azioni criminose lungo il settore denominato Rio Grande dove gli agenti preposti sono in media, attualmente, 4,5 per miglio contro i 15,7 per miglio schierati in Arizona nel settore Tucson.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Dan says:

    Non è il Texas che è padrone a casa propria, lo sono i Texani. La Guardia Nazionale americana è sostanzialmente un’associazione di cittadini, una forza di carattere popolare che al click del mouse preferisce il grilletto del M16.
    Se si vuole, si può.

Leave a Comment