LOMBARDIA, PATTO DI STABILITA’ E CARROCCIO ININFLUENTE

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

 

Egregio direttore, con l’articolo 35 del cosiddetto “decreto sulle liberalizzazioni” il presidente del Consiglio dei ministri Monti e soci stanno rapinando per l’ennesima volta i comuni della Padania, alla faccia dei partiti del nord che fanno finta di non vedere e di non sentire, come succede in qualche regione del sud.
Infatti il decreto legge, datato 24 gennaio 2012, impone ai comuni virtuosi – che sono quasi tutti al nord – di trasferire alla tesoreria statale di “Roma ladrona” tutti i soldi accantonati – per gli effetti del patto di stabilità che la Lega nord insieme a Silvio Berlusconi ha continuato ad imporre ai comuni – entro il 16 di aprile 2012 fino al 31 dicembre 2014.
Secondo questo stato ladrone, il fine è quello di tutelare “l’unità economica della repubblica”. Più semplicemente e praticamente i comuni del nord pagheranno ancora una volta per i comuni del centro sud, i quali si faranno belli con la fatica degli altri.
Ma quello che più mi indigna e mi fa vomitare di disgusto, è il comportamento della Lega Nord che, salvo qualche eccezione, su questa infame rapina non fa assolutamente nulla.
E sì che la Lega Nord ha governatori di Regione, presidenti di Province e centinaia di sindaci e assessori, i quali potrebbero ribaltare il mondo se solo lo volessero. Probabilmente questi “barbari” sono talmente civilizzati e pasciuti da aver perso completamente la spinta rivoluzionaria e indipendentista della prima ora.

Roberto Lamagni – consigliere comunale di Castel Goffredo “Lega Padana Lombardia”

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Massimo says:

    voglio sperare che il signore in questione sia solo disinformato, ma ho la quasi certezza che ci sia molta malafede in tutto quanto dice… adesso però sono stufo di vedere pubblicate tutte queste schifezze intorno alla Lega Nord… potreste essere un ottimo giornale, un punto di riferimento per tutti gli indipendentisti, ma state sempre di più diventando un’accozzaglia di luoghi comuni anti Lega… che tristezza, e che occasione persa…

Leave a Comment