Tasse su immobili: per pagarle, cittadino vende la casa e negozio a Belluno!

tasse casadi ROBERTO BERNARDELLI –  “E’ pensabile che un cittadino decida di regalare tre immobili al Comune perche’ non riesce a pagare le tasse che gravano su di essi? E’ successo nel pieno centro di Belluno al proprietario di tre locali commerciali, che ha deciso di liberarsene in questo modo dopo aver inutilmente tentato di venderli o di affittarli e non riuscendo piu’ a sopportare, oltre alle spese di manutenzione, il carico di Imu, Tasi, Irpef, addizionale comunale Irpef, addizionale regionale Irpef e probabilmente anche Tari”. Lo afferma sui social il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa.

E’ un esproprio in piena regola, camuffato sotto la voce tasse di uno Stato predone.

“Serve un esempio piu’ lampante per comprendere che bisogna invertire nettamente la rotta in tema di tassazione immobiliare – prosegue Confedilizia-. La legge di bilancio e’ l’occasione per iniziare a fare qualcosa, introducendo la cedolare secca per i negozi. Ma nella prossima legislatura, chi si assumera’ la responsabilita’ del governo del Paese dovra’ porre un rimedio definitivo al disastro provocato da una imposizione tributaria insensata sul risparmio immobiliare. Che arriva a provocare anche espropri surrettizi come quello capitato a Belluno”.

E che dire, cara Confedilizia, della tassa di successione? Vogliamo aprire una battaglia per cancellare questa imposizione che, di fatto, cancella il diritto alla proprietà privata e ad ereditare i beni frutto di una vita di sacrifici familiari?

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. FIL DE FER says:

    Qualche volta vorrei essere ottimista e scrivere qualche commento rilassante.
    Non ci riesco perché dico sempre la verità. Coloro che dicono che siamo in ripresa economica, che hanno aumentato i posti di lavoro etc…etc…etc… non ci dicono che con le tasse attualmente in vigore rimarremo sempre un paese al palo.
    Un paese che non riesce a dare lavoro ai suoi giovani laureati è un paese finito, FINITOOOO!!!!!!!!!!I
    I veci, coloro che hanno portato l’italia al benessere, hanno smesso di lavorare perchè anche se vecchi non credono valga più la pena di tirarsi su le maniche per la milionesima volta……..
    Tutto ha un limite, soprattutto tutto ha una fine.
    WSM

  2. giancarlo says:

    Siamo arrivati anche a questo.
    Quando avranno spolpato per bene i cittadini, allora sarà DEFAULT !!!
    Avete notato che sulle bollette di Luce e Gas il 60% delle bollette sono tasse e iva ??
    Manca la tassa sull’ossigeno che respiriamo. A quando il tassametro con zaino in spalla che ci misurerà il numero di respiri e quindi la percentuale di ossigeno respirato ????
    I burocrati di roma hanno mai pensato che da un giorno all’altro potrebbero essere senza stipendio ???
    Ci pensino per favore perché la realtà non è quella che ci vogliono far credere…..credetemi !!
    Sull’immigrazione, questo tipo di immigrazione, non solo ci costa miliardi ogni anno, ma potrebbe ( non so quanto condizionale usare…) diventare il crollo del sistema italia.
    Cosa faranno o non faranno questi immigrati senza arte né parte per sbarcare il lunario quando lo stato italiota sarà alle corde….???
    WSM
    WSM

  3. Paolo says:

    Non comprendo perché al giorno d’oggi una persona deve fare questi sacrifici per pagare le tasse e vivere male. Ci sono posti come l’Argentina del nord ed il sud del Brasile popolati quasi esclusivamente di oriundi del nord Italia. Un clima favoloso, grandi ricchezze di suolo e sottosuolo, paesi con un grande futuro. Mentre noi qui abbiamo un debito pubblico che se non ce lo pagheranno i Tedeschi o amici loro chissà dove andremo a finire e non credo che questa immigrazione che abbiamo da un decennio alla fine possa aiutarci!

Leave a Comment