Tasse e bottini impero romano. Trovate differenze con l’impero romano 2018?

di SERGIO BIANCHINI – I numeri contenuti in questo studio provengono dal testo di Mario levi- Storia Romana dalle origini al 476  D.C. – .

Nel 70 dopo Cristo, con Vespasiano imperatore, le entrate annuali dello stato, cioè soldi entrati nelle casse dell’imperatore (il fisco) furono pari a 375 milioni di denari. Il denario si può approssimativamente paragonare a 100 euro odierni. Questa equivalenza, pur molto approssimativa colloca i 30 denari di Giuda ad un valore attuale di 3000 euro che sono compatibili con l’acquisto del famoso piccolo pezzo di terra evangelico.

La provenienza dei 375 milioni fu la seguente:  Egitto 175, Gallia 75, Siria 50, Africa 25. Altri 50 milioni complessivi da Spagna, Balcani, Grecia, e province asiatiche minori.

Il quadro delle provenienze è molto istruttivo e chiarisce l’enorme e crescente importanza che l’oriente dell’impero deteneva. Importanza finaziaria all’inizio, ma poi anche prevalenza culturale e infine politica con l’introduzione nel quarto secolo, in tutto l’impero, prima della libertà per i cristiani e poi della religione cristiana obbligatoria ed unica.

Oltre alle casse dell’imperatore(fisco) alimentate dagli introiti delle province, c’era la cassa del senato(erario) alimentata da entrate provenienti dal territorio italico. Il rapporto tra le due casse non era stabile bensì c’erano continui travasi dall’una all’altra. La popolarità dominante dell’imperatore nasceva anche dal fatto che per i cittadini di Roma erano continuamente erogate donazioni(congiaria) molto consistenti ad un numero pari a 200-300 mila di capifamiglia poveri.

Ad esempio Traiano nella conquista della Dacia fece un bottino pari a 700 milioni di denari( 1 denario = 4 sesterzi) di cui circa 200 furono usati per donazioni di 650 euro a ciascuno dei 300.000 romani meno abbienti. Lo stipendio annuo di un legionario era allora di 300 denari, salvo premi e congedo.

sette colli roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qui sotto tabelle relative a tasse e bottini nell’impero. I dati sono tratta dal libro  “Storia romana dalle origini al 476 d. C.” di Mario A. Levi, Piero Meloni

Al tempo della 3a guerra punica (circa 150 A.C.) operavano in Africa 8 legioni. Una legione era composta da circa 5.000 uomini. Le truppe impegnate nelle guerre vedevano ausiliari in numero quasi pari ai romani, ma le spese per gli ausiliari non erano a carico di Roma. Sempre in quegli anni in Spagna erano impegnate tre legioni, tre nella Gallia narbonense, una nella Gallia cisalpina, una per la Macedonia.  Dopo le guerre in Asia minore altre 12 legioni furono impiegate là. Quindi intorno al 130 avanti cristo le legioni romane impegnate erano 26.

costo annuo del legionario (tolti i premi e il congedo)

 

Epoca Costo annuo legionario   Autorità vigente

 

150 anni avanti cristo

0     nascita cristo

35   anni dopo cristo

90   anni dopo cristo

190 anni dopo cristo

200 anni dopo cristo

100          denari anno

150 -200          ”

225                   ”

300                   ”

375                   ”

500                   “

 Potere senatorio

Imperatore Augusto

Imperatore Tiberio (i 30 denari di Giuda)

Imperatore Domitian

Imperatore Commode

Imperatore Septimius Sivero

 

Il costo annuo di una legione variava da circa 1/2 milioni di denari l’anno a 3 milioni.

 

Entreate ordinarie dello stato in denari

 

Provenienza delle entrate Note

 

200-150 a.c.

Epoca guerre puniche

10 milioni ennui

 Provenienza dei 10 milioni:

Tasse e Bottini di guerra

 Tasse pari a metà della spese ordinarie. La differenza era coperta con i Bottini di guerra.

 

 

63 arc

 

epoca di Pompeo

50 milioni annui

Provenienza dei 50 milioni:

Tasse, tributi delle province così definiti:

Asia minore 12 milioni

Spagna 6 milioni

Gallia narbonense 6 milioni

Sicilia 4 milioni

Africa 3 milioni

Creta e Cyrene   3 milioni

Macedonia 2 milioni

Sardegna e Corsica 1,5 milioni

Altri       10 milioni

 

 

Egitto e Siria non erano ancora incorporate nell’impero.

 

 

70 D.C.  era Vespasiano

 

375 milioni annui

Provenienza dei 375milioni:

tasse, bottini e tribute province:

 

Egitto 125 milioni

 

Gallia 75 milioni

 

Siria 50 milioni

 

Africa 25 milioni

 

Ulteriori 50 milioni da: Spagna, Balcani, Grecia, Britannia, province Asiatiche minori.

 

.

 

Bottini e indennità di guerra

 

                epoca            Bottino                      note

 

146 A.C   distruzione cartagine 1400 kg argento + oro ignoto
146 A.C      distruzione corinto Copertura Costi acqua Marcia Aqua Marcia, aquedotto lungo 90 km dal Fiume Aniene a Roma.
112 A.C        guerra giugurtina 60 milioni indennità.

Comandanti Mario e Metello

78 A.C         Guerre asia 132 milioni Bottini di Silla
 

48 A.C    Guerre Asia

146 milioni

Bottini di Pompeo senza la sua quota personale.

Dei 146 milioni di denari:

 

-50 alle stato(fisco)

-25 alle stato maggiore di cui 800.000 a ciascuno dei 20 membri dello stato

maggiore, 30.000 ad ogni centurione,

-71 alle truppe con 1500 a ogni legionario

44 A.C      Guerre Gallia Asia  Africa 400 milioni Bottini Giulio Cesare
14 D.C   Guerre Oriente e  Africa Augusto 250 milioni bottino egiziano Dati Cento denari ad ogni non abbiente in numero pari a circa 250 mila capi famiglia.
117 D.C       Guerra Dacia 700 milioni Traiano 650 denari a 300 mila non ambienti

 

 

Costo schiavi    dai 250 ai 500 denari in ultima fase repubblica

Cittadini Romani censiti (cittadini maschi sopra i 17 anni)

Veda anche  https://it.wikipedia.org/wiki/Cittadinanza_romana

 

147 arc. 322.000
142a.c. 328442
136a.c. 317933
131a.c. 318823
125a.c. 394.823
115a.c. 349.000
70a.c. 910.000 Cittadini agli italico
 

28a.c.

 

 

 

4.063.000 Primo censimento di augusto comprendente anche Gallia cisalpina e regioni extraitaliane.
8a.c. 4.233.000 Il diritto di cittadinanza,

che poteva essere concesso a singoli individui o a intiere comunità , continua ad essere molto abito; in età imperiale, la sua concessione era reservata all ‘imperatore.

14 dico 4.937.000

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment