Svizzera, referendum: il Canton Ticino dice no all’uso del burqua

di REDAZIONE

Il Canton Ticino in Svizzera dice ‘no’ al burqa. I risultati preliminari del referendum in 131 comuni ticinesi diffusi dalla Radio Televisione della Svizzera Italiana  infatti mostrano un’adesione del 65% dei votanti al bando del velo islamico in pubblico. Se i risultati saranno confermati il Ticino sara’ il primo cantone svizzero ad abolire il velo religioso.

Gli svizzeri hanno detto ‘no’ all’abolizione del servizio militare di leva nel Paese. E’ il risultato del referendum di oggi promosso dal movimento anti-militarista Gsse dove i ‘no’ hanno vinto con il 73% dei voti secondo le proiezioni dell’istituto di Berna Gfs.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

6 Comments

  1. patriota veneto says:

    Intervengano la pigmeakyenge e la compagna boldrini contro questa discriminazione,le suore si ,loro poverine no.I ticinesi sono ancora padroni a casa loro,mica come i bananeiros italiani,che si piegano a novanta gradi.Per la beduina scontenta ,rimane il ritorno a foraggiare i cammelli.Magari portantosi dietro i vari pipitone,gennariellos e traditori vari,cioé quelli che hanno votato contro il referendum per l`indipendenza del Veneto.

    • Gianfrancesco says:

      solo una precisazione: le suore portano un velo e non un burca, per cui il viso delle suore lo vedi, in più a richiesta delle forze dell’ordine tolgono anche il velo senza problemi.

      cmq grazie ai ticinesi per dare sempre un bell’esempio, peccato solo che noi non li seguiamo mai, ma ci facciamo imporre modelli culturali (si fa per dire) da roma.

    • Dan says:

      In fin dei conti hanno solamente reso il favore di quando quei medioterun mandavano a fanculo la croce rossa perchè il simbolo aveva una croce dentro, pretendendo il trattamento speciale con la mezzaluna rossa.

      I svizzeri sono bravi, sono pazienti, ma certe cose se le attaccano all’orecchio…

  2. Alberto Pento says:

    Xvisara paexe de la democrasia vera.
    La Xvisara lè on paexe-stato-nasion co 4 lengoe de stado; na Ouropa megnola, on bon somexo par tuti.
    Li xvisari li ghe ga dito a li xlameghi entegralisti ke se li vol el burqa li ga da tornar caxa sua, parké en Xvisara no ghè posto par ki ke se coverxe e se sconde.
    Penso a i cristiani pakistani fati saltar en aria, poke ore endrio, da li do kamikaxe musulmani.
    No, xe ora de tirarghe le recie fina ke le se xlonga a tocar la luna.

    • nomenade says:

      Secondo me gli Svizzeri non hanno proprio detto “se volete il Burqa tornate a casa vostra/Se vürii ol Burqa turní a cá”…
      Hanno detto NO all´uso del Burqa in Canton Ticino,perché qui non si fa…e magari ti integri con gli altri che vedi in faccia…
      Non si dimentichi signor Pento che gli Svizzeri sono certo dei fighi a non far fare agli Islamici quello che vogliono…ma anche ai bigotti culi bianchi cristiani non fanno fare quello che vogliono…
      Perché la democrazia va sopra le religioni…e J Svizèr j la la sá!

  3. paolo dolomitico says:

    La differenza tra un Paese civile e uno retrogrado come l’Italia

Leave a Comment