SVIMEZ: AL SUD PAGANO PIU’ TASSE. QUI ORMAI DIAMO I NUMERI…

di TONTOLO

Leggo questa notizia diffusa dall’Agi e mi sovviene qualche perplessità:

I cittadini del Sud “continuano a pagare piu’ tasse sia di quelli del Nord che di quelli del Centro, non in cifra fissa ma in termini di peso sul pil”. E’ quanto emerge dal rapporto Svimez 2011 sulla finanza dei comuni. Le entrate correnti, spiega l’indagine, negli ultimi venti anni nei comuni del centro-nord sono passate da 1.075 euro pro capite del 1991 a 987 del 2010 con una riduzione dell’8,2%. al sud nello stesso periodo le entrate correnti sono invece salite da 774 euro del 91 a 790 euro del 2010. 

 Le entrate tributarie sono schizzate in venti anni del 151% al sud e dell’82% al centro-nord: cio’ spiega l’aumento delle entrate correnti nel Mezzogiorno. In termini pro capite negli ultimi 20 anni le entrate tributarie sono raddoppiate nei comuni del centro-nord passando da 224 euro nel 1991 a 408 nel 2010 ma nel sud sono addirittura triplicate: i 121 euro del 91 sono lievitati fino a 303 euro del 2010. La quasi totalita’ delle entrate tributarie circa l’81% nel 2010 nella media nazionale deriva da addizionale Irpef, Ici, Tarsu. In particolare queste imposte hanno pesato al centro-nord nel 2010 per l’80%, al sud per l’86%.

Mmmm… le statistiche saranno anche vere, ma perché i signori delle Svimez non ci illustrano anche quelle dell’evasione sulle tasse in oggetto. Se dobbiamo dare i numeri, diamoli tutti e non solo a metà!!!

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

7 Comments

  1. lory says:

    un’errore grossolano che fa la Svimez è di mettere il nord insieme al centro. ma che ci azzeca parlando in Di pietrese

  2. Marco says:

    Incredibile la malafede e l’assenza di ritegno di chi cerca di far passare il contrario della realtà; in questo caso il gioco delle tre carte è messo in opera dalla “SVIMEZ”: l’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno.

    I sa smentés mai.

  3. sebezio says:

    Magari la Lombardia ci lasciasse in pace!

  4. Loris says:

    Evidentemente a non saper leggere le statistiche non ci sono solo quelli dell’Agi . Si tratta di valori relativi, non assoluti.

  5. Salvo says:

    I numeri a metà…i primi siete voi a dirli!
    Da che pulpito…

    Stampate centomila statistiche…Viste le condizioni economiche è normale che il Sud sia “meno” e il Nord sia “più” o viceversa…senza spiegare perchè.

  6. Diego Tagliabue says:

    Benissimo! Che la Lombardia si stacchi e smetta di “pesare” sull’economia meridionale!

    Lasciateci fare la “fame” da soli.

  7. Diego Tagliabue says:

    La Terra è un disco!

Leave a Comment