Svenduti da sinistra a destra. Tutti uguali, in cabina non vi faremo sconti

Chinese President Hu Jintao speaks at th

di STEFANIA PIAZZO – Ma la libertà non dicono che sia di casa più a sinistra che in altre bussole? Certo, se per libertà s’intendono soldi, fama, celebrità, ribalta mediatica, potere – istituzionale e bancario – a sinistra essere liberi deve essere più facile che da altre parti. Guardate solo chi va alle primarie del Pd per sostenere il candidato Tizio o Caio. Vi ci riconoscete?
Il potere operaio sta fresco, al suo posto la “fu classe popolare” che non conta niente è l’alibi buonista del
potere dei pochi che decidono su tutto. In nome dei poveri, si capisce. Fanno tutto, salvare le banche, per dare ai ricchi e non per rubare ai poveri, affinché i ricchi provvedano a pensare al futuro dei poveri.
È così vero che persino i no-global non hanno digrignato i denti. E che dire della libertà d’opinione, di manifestare il proprio dissenso anche attraverso la satira…

Ci meravigliamo che l’Islam mostri il suo volto feroce perché un giornale francese pubblica le vignette anti-maometto… ma ci dimentichiamo che la sinistra libera, in anticipo sui tempi, fece sbianchettare la presenza di Forattini sui giornali amici del potere operaio. Spedendolo in tribunale.
L’intolleranza nasce dalle stesse radici: quelle dell’ideologia che vuole governare, dominare l’uomo e controllarne il destino. Per il bene dei poveri, magari, che non saprebbero autogovernare gli eventi. Bastano pochi a decidere. Pochi a scrivere, sempre le stesse cose.
Azz.. che sforzo di democrazia. E che dire quando anni fa  lo Stato  cancellò con la Finanziaria l’indennità di missione nelle scorte e nelle investigazioni e persino il rimborso delle spese non coperte dalla sanità nazionale per curare le ferite riportate in servizio, per tutelare tutti, ricchi e poveri?
Già, ma tanto che gliene frega alla sinistra di sostenere i lavoratori che non sono celebri e liberi di essere ricchi?

I poveri cristi non sono di moda, è più trendy fare il no-global che manifesta per le ingiustizie del mondo, per l’alta finanza – quella degli altri – per le multinazionali degli affari – degli altri, per spaccare le vetrate delle banche – degli altri. E le auto – meglio se grosse – degli altri. Al popolo della fu sinistra non resta che un senso di frustrata impotenza davanti all’evoluzione della specie comunista. Dov’è la sinistra? Ci si interrogava tempo fa: quali riforme vorrà mai portare se dovesse rigovernare? Risposta: riforma Fornero. Più immigrazione per tutti. Più disoccupazione per tutti. Per 50 anni non si era vista aumentare una pensione, per mezzo secolo non una lira in più per i figli nati o le case da costruire. Il colpo di grazia è arrivato puntuale con lo statlismo al governo. Persino la scala mobile hanno svenduto, imponendo contratti nazionali unici per tutti, improponibili come tutti sanno e come molti ancora negano per fede all’ideologia.

E la destra liberista? E chi doveva stare fuori da destra e sinistra e sbandierare il vessillo dell’autonomia contro quello del centralismo?

C’è un dramma che però percorre il Paese, da sinistra a destra: l’inesistenza di una classe politica capace di aprire le porte all’innovazione, alla competitività dei cervelli. Le fabbriche chiudono, non s’inventa più nulla di nuovo… La devoluzione, che è responsabilità e trasparenza di spesa, è un arnese del passato. Siamo stati svenduti da chi stava con i lavoratori e da chi stava con le imprese. Per salvare il loro sedere hanno dato via il nostro. Mi sa tanto che voterò chi mi indicherà la prima uscita di sicurezza. Non ci resta che la libertà di fuga.

Print Friendly

Recent Posts

One Comment

  1. luigi bandiera says:


    Verissimo..!!!!!!!!!!!!!!

    Liberta’ di fuga per i piu’ giovani, ma per i vecchi nemmeno quella perche’ sara’ naturale andarsene, fare il gateway.

    La SCALA MOBBILE…

    Gia’, quando ce la tolsero stavo per arrivare in prima linea a combattere contro la trimurti. Feci appena in tempo a fare qualche “SPARATA”.
    Portai nelle assemblee due o tre art. della costituzione (quella piu’ bella del mondo) e fui freddato da un sindacalista cgil. con uno sbotto: della costituzione non me ne frega un kax.
    Domando: a cosa serve quella carta che e’ amata cosi’ tanto da un comico..?

    Gran paladini dei lavoratori quelli la’ e il motivo, interessantissimo, la scala mobbile era motivo di crisi e o poverta’ itagliana. Del debito.
    Tante cose capii, ma diro’ per onesta’: troppo in ritardo.
    Infatti, ebbero tempo di fregarci. Kax, continuano..!!
    Cosi’, alcune cose e ma continuare sarebbe un ripetermi.

    VOLERE E’ POTERE:
    dai fatti si comprende che la gente sta bene COSI’..!

    AUGURI

Leave a Comment