Superato il record di vittime della Cina. Bingo Italiavirus

Con 475 morti nelle ultime 24 ore, l’Italia supera il bilancio di vittime in una sola giornata rispetto ad ogni altro Paese al mondo: finora questo triste record, sottolinea la France Presse, era detenuto dalla Cina che aveva registrato il picco di 368 decessi per coronavirus in un solo giorno.

L’emergenza coronavirus e i dati giornalieri della Protezione civile. Sono complessivamente 28.710 i malati in Italia, con un incremento rispetto a martedì di 2.648. Il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto i 35.713. Ma mancano i dati della Campania. Sono 2.978 le vittime, con un incremento rispetto a martedì di 475. Ieri l’aumento era stato di 345.

“I guariti sono oggi 1084 in più, un numero veramente importante, che li porta in totale a 4025, più 37% rispetto a ieri”, ha detto il commissario Angelo Borrelli in conferenza stampa alla Protezione civile. “Ci sono 2648 positivi in più, per un trend stazionario in questa settimana”, ha aggiunto.

“E’ necessario contenere al massimo gli spostamenti”, è il nuovo appello lanciato da Borrelli nella conferenza stampa. “I dati di oggi ci fanno pensare positivo – aggiunge – ma vanno adottati comportamenti corretti”.

“L’andamento delle curve epidemiche mostra casi confermati in crescita a livello nazionale – ha detto il presidente Iss Silvio Brusaferro in conferenza stampa alla Protezione civile -. Alcune regioni del nord ancora sono maggiormente coinvolte nella circolazione locale, per numero positivi e ricoverati specie in terapia intensiva. Nelle altre aree c’è una crescita, ma non così veloce. Però non deve illuderci che non ci siano numeri così elevati come in Lombardia e le altre regioni del Nord: solo se ci comportiamo come stabilito possiamo rallentare la curva”. “Siamo in una fase in cui misuriamo l’effetto delle misure adottate in tutto il paese, siamo in una fase in cui non possiamo ancora vedere i benefici, ci vorrà ancora qualche giorno. Per questo non dobbiamo mollare”. “Non ci sono i presupposti – ha aggiunto – dobbiamo mantenere le misure se vogliamo vedere davvero degli effetti e proteggere le nostre persone più anziane”.

Sono saliti a 2.629, ovvero l’8,3% dei casi totali, gli operatori sanitari contagiati dal nuovo coronavirus. E’ quanto emerge da una rielaborazione della Fondazione Gimbe aggiornata al 17 marzo 2020 su dati forniti dall’Istituto superiore di sanità. Lo rende noto in un tweet il presidente Gimbe Nino Cartabellotta. Il “numero di operatori sanitari infetti – afferma all’ANSA – è enorme. L’8,3% dei casi totali è una percentuale più che doppia rispetto alla coorte cinese”.

Intanto il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ha detto che di credere “che nelle prossime ore bisognerà prendere in considerazione la possibilità di porre il divieto completo di attività all’aperto”. “Abbiamo lasciato questa opportunità perché ce lo consigliava anche la comunità scientifica. Ma se l’appello di restare a casa non sarà ascoltato saremo costretti anche a porre un divieto assoluto”, ha spiegato.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. E’ stato accertato che il corona virus ormai sta viaggiando sull’onda dell’inquinamento atmosferico tramite le particelle inquinanti che noi uomini abbiamo procurato a tutta la natura che ci circonda.
    L’inquinamento dell’uomo, sfacciato e senza alcuna remora è la causa di determinate contromisure della natura la quale essendo eterna, dominante ed immutabile nonostante il suo continuo movimento è capace di controbattere l’uomo poiché ad essa appartiene anche il suo nemico, cioè l’uomo.
    Ora se questa pandemia non servirà a cambiare il mondo e far ragionare l’uomo, sarà la natura a farcelo capire. Dobbiamo aspettarci nuove pandemie e quando arriveranno l’uomo avrà capito la lezione o continuerà a far finta di niente ?? La prossima volta, dobbiamo tutti esserne certi, sarà una vera piaga, una vera piaga come quelle che Dio mandò sull’Egitto, vogliamo sfidare la natura, Colui che tutto ha creato e tutto può governare ? La nostra libertà la vogliamo usare bene ed intelligentemente ? Quando le cose vanno male o siamo colpiti da una malattia grave o meno grave come mai ci appelliamo e preghiamo Colui che è e sempre sarà??
    L’O.N.U. l’OMS faranno bene, molto bene a richiamare alle responsabilità i famosi comandanti dei vari governi nel mondo. Ad essi sarà imputato ogni disastro futuro e la polvere sarà la loro ricompensa.
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Dallo smart working alla scuola smart in tempi di guerra virale

Articolo successivo

Merkel: la crisi più grande da fine seconda guerra mondiale