Sud, ricchezza turismo / Case pollaio in Salento, fuorilegge un affitto su due…

mare-calabriaVere e proprie ‘case pollaio’, abitazioni senza i minimi requisiti igienico-sanitari e riempite all’inverosimile. E’ quanto ha scoperto la Guardia di finanza in Salento, nell’ambito dei controlli avviati dal 1 luglio sui proprietari di seconde e terze case che affittano nelle località di vacanza più in voga. Delle 811 verifiche effettuate dai finanzieri in tutta Italia una su due è risultata irregolare, con 450 violazioni riscontrate. Di queste, 370 hanno riguardato affitti in nero.

La maggior parte delle abitazioni fuori da ogni regola sono state scoperte a Gallipoli, una delle mete più gettonate di tutto il Salento e tra le località balneari più in voga tra i giovani. Durante i controlli, i finanzieri si sono imbattuti in case dove non c’erano requisiti igienici, erano affittate in nero e riempite soprattutto di ragazzi tra i 16 e i 28 anni. In un caso, ai giovani era stato affittato anche un deposito con un piccolo bagno, senza finestre né impianto di areazione.

11.300 controlli Gdf da 1 luglio, 240 al giorno –  Dal 1 luglio alla prima settimana di agosto la Guardia di Finanza ha effettuato 11.300 controlli nelle località di vacanza, con una media di 240 interventi al giorno. Le verifiche fanno parte del piano straordinario di interventi per la tutela dell’economia legale nel periodo estivo e si sono concentrate in particolare nelle località turistiche di mare e montagna e nelle città d’arte. In particolare, sono stati scoperti 460 venditori abusivi, privi di qualsiasi licenza o permesso e 1.600 esercenti che, pur avendo le autorizzazioni, non hanno comunicato al fisco l’inizio dell’attività o non hanno emesso scontrini. Ad Anzio ad esempio un circolo sportivo del Comune è stato trasformato in una discoteca, con tanto di cene e feste private a bordo piscina. I gestori non solo hanno usufruito delle agevolazioni fiscali per gli enti no profit, ma non hanno mai pagato l’affitto, con un danno di 170mila euro per le casse comunali. Sono infine 1.450 i lavoratori in nero o irregolari scoperti dal 1 luglio: 268 sono stranieri e 27 minori, impegnati soprattutto nei campi agricoli.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Ric says:

    Quando la domanda è spropositata l’offerta ne approfitta .
    Il livello della qualitá è direttamente proporzionale al senso etico del servizio ; investire inappropriatamente di valenze immeritate è tipico di etá adolescenziale , di incapacotá nel valutare e riconoscere il senso del limite , del bello e del buono , ciò che un tempo definivano “il buon gusto ” . Ciò risente del grado di inciviltá e di accresciuta omologazione che i vari poteri , da noi così generosamente attribuiti , si arrogano il diritto di imporci e prenderci vita e libertá . Libertá e democrazia non sono dei benefici assoluti e permanenti ma modulabili in meglio o in peggio a seconda delle “bocche buone ” in circolazione e della capacità metabolica delle stesse . Come si possa mai buttare soldi , anche pur giustificati dall’entusiasmo di una vacanza , senza che nessuno in famiglia abbia l’assennatezza di informare e consigliare circa il peso specifico del senso minimo di opportuno equilibrio tra soldi guadagnati col sudore e spesi con adeguata contropartita ; rimane da dedurre che se perdura uno status di degrado trasversale e di indecenza montante , ogni considerazione di valorialitá perde significato e si insinua la mala pianta di ogni tipo di tirannide .
    Si può decidere di alloggiare e dormire anche in una stalla , ma concordiamo il prezzo per tale dimora , non che pretendi cifre da grand hotel ! Bisognerebbe imparare la consapevolezza di cambiare direzione dei propri soldi in mano di coloro che li meritano , lavorano seriamente e non li rubano , ergo , riuscire a ad individuare una percezione del reale in relazione ad una nuova forma montante di civiltâ , un rinascimento culturale , una vera rivoluzione .

Leave a Comment