Sturgeon: “Futuro Scozia in nostre mani. Johnson non decide per noi”. Bernardelli e Rizzi: primo ministro invitata a congresso Grande Nord

Scottish First Minister Nicola Sturgeon and leader of the Scottish National Party (SNP) speaks at a press conference in Stirling on September 2, 2016. Sturgeon launched a new survey on independence, saying the Brexit vote had changed the conditions that existed when Scotland voted against secession in 2014. / AFP PHOTO / Andy Buchanan

 

di Roberto Bernardelli e Monica Rizzi – La Scozia ha deciso il proprio destino: il travolgente successo gli indipendentisti guidati dal primo ministro Nicola Sturgeon, apre la strada al referendum per l’indipendenza dal Regno Unito. Osserviamo con immensa gioia al risultato plebiscitario degli amici scozzesi, con i quali ci sentiamo di ribadire, all’unisono, che il futuro dell’Europa è fuori dagli stati nazionali ma dentro i confini europei. Come la Scozia respinge la Brexit e lotta per un nuovo referendum per secedere da Londra, così il Nord ribadisce la necessità di restare in Europa, lontano da Roma. Roma, come Londra, sono il problema.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La Scozia fa il pieno! Indipendenza più vicina. Trionfa Johnson nel voto britannico

Articolo successivo

Lega e perquisizioni? Ladri di sogni e di speranze