Strage di Roma/3, la difesa dei Sinti? “Poteva capitare a chiunque!”

di REDAZIONE

E’ vero che a volte le notizie si commentano da sole. Ecco la replica che pubblichiamo della comunità Sinti in difesa della loro comunità dopo l’aberrante carneficina sulle strade romane.

“Salvini è un demagogo, quello che è successo a Roma, nel quartiere Boccea, poteva capitare chiunque. Chi compie il reato e viene preso sul fatto è giusto che vada in galera ma la legge è uguale per tutti, sia che si tratti di un rom, sia che si tratti di un esponente della Lega o di un carabiniere o di un poliziotto. Ieri è accaduto un fatto grave, incivile: il responsabile deve pagare. Ma non può essere messa sotto accusa tutta la comunità Rom, come fanno i salviniani, altrimenti parliamo di razzismo e strumentalizzazione”. A dirlo all’Adnkronos è Davide Casadio, presidente dell’Associazione Sinti Italia. “Ogni volta che succede un fatto ad opera di un rom poi noi finiamo nel bersaglio di qualche politico. Hitler è morto, ma Salvini con i suoi sistemi ce la sta mettendo tutta per riportare in vita il suo spirito. Voglio ricordare che in Europa sono morti oltre un milione di sinti e di rom nei campi di concentramento. Noi stiamo facendo una raccolta firme perché venga riconosciuta l’identità di un popolo che è sempre stato bersagliato. E contro i salviniani, faremo anche noi una manifestazione. Basta propagande, noi non siamo tutti ladri”. (

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment