FOGGIA, CASERMA E SPRECHI DELLA TRIPLA VENDITA

di REDAZIONE

«SPQR: Sono Pazzi Questi Risanatori», ridono i francesi di Bnp Paribas, facendo il verso ad Asterix, se pensano a certe cartolarizzazioni all’italiana: traffico di coca e d’armi a parte, dove lo trovi un investimento che renda in 7 anni oltre il doppio del capitale come la caserma «Miale» di Foggia? Una pazzia da manuale. O da inchiesta penale.

«Tesoro: immobili; no “svendopoli”, cambio d’uso per valorizzare», titolava l’Ansa il 23 agosto 2001 spiegando che Giulio Tremonti voleva risanare i conti a partire dalla vendita di migliaia e migliaia di edifici di proprietà pubblica come certi edifici militari nel quartiere Prati di Roma e tanti altri sparsi per la penisola. Un anno dopo, un’altra Ansa spiegava che era in arrivo «la più grande cartolarizzazione mai fatta in Europa».

Si è trattato, in realtà, di due percorsi paralleli. Uno seguito con l’obiettivo di vendere, nelle più rosee speranze, 90 mila immobili di vari enti pubblici e portato avanti attraverso la costituzione di un paio di società in Lussemburgo («Con un capitale di 10 mila euro, due fondazioni olandesi come azioniste e un cittadino scozzese di nome Gordon Burrows alla presidenza», rivelò l’Espresso ) dal nome sventurato (Scip: Società cartolarizzazione immobili pubblici) ideale per i titoli giornalistici sugli edifici «scippati». L’altro con la parallela dismissione di strutture militari.

CONTINUA QUI: http://www.corriere.it/economia/12_gennaio_14/caserma-svenduta-triplo-affare-dei-francesi-stella_7e542200-3e85-11e1-8b52-5f77182bc574.shtml

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment