Spiagge vuote, morde la crisi. Altro che lavoro e ripresa. Ballisti

spiaggia

di ANGELO VALENTINO – Un’estate all’insegna degli ombrelloni chiusi: dopo un “maggio disastroso”, a giugno e luglio “le presenze in spiaggia hanno fatto registrare pesanti flessioni rispetto allo scorso anno, fino a -25%”. E’ il bilancio del Sib, il sindacato italiano balneari.

Non serve una laurea per capire le cause. Certo, il tempo ha influito, l’estate pazza ha provocato defezioni, prima la pioggia poi il caldo africano… “La causa principale, oltre alla situazione economica delle famiglie, è stato il maltempo che ha condizionato molte località in questi due primi mesi estivi – dice il presidente Antonio Capacchione – tanto che diversi stabilimenti hanno subìto danni rilevanti alle strutture e attrezzature”.

Ma ciò non toglie che non si possa negare l’evidenza. A giugno quasi ovunque il segno meno, fatta eccezione per Friuli Venezia Giulia (+20% delle presenze), Marche (+15%), Puglia, Sardegna e Sicilia (+10%). A luglio il segno più si registra soltanto in Campania (+15%) e Sicilia (+5%), mentre l’Abruzzo è a -25%.
Si confermano i week end da tutto esaurito e i giorni feriali con la maggior parte degli ombrelloni chiusi. La speranza è che “ad agosto saranno tanti a scegliere i litorali italiani”, conclude Capacchione.

Ferie mordi e fuggi, ci si accontenta di uno-due giorni. La vacanza è un lontano ricordo. Come il lavoro.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. FIL DE FER says:

    Sì, sì, il tempo……………ma andrà sempre peggio.
    Io vivo in una zona collinare e coltivo un orto e piante da frutto, ebbene vi possono assicurare che i segni del cambiamento climatico sono evidentissimi. Negli ultimi 3 anni le cose sono peggiorate notevolmente.
    Alcune piante da frutto quest’anno non fruttificano se non pochissimi frutti. Gli ulivi pure, gli ortaggi o muoiono per il troppo caldo o per il troppo freddo o pioggia.
    Insomma è probabile che ci stiamo avvicinando ad un periodo di carestie di vario tipo.
    Ma, come sempre il VENETO si salva con un + che non viene citato , chissà perché, dal Sig.VALENTINO, eppure anche in questo caso l’autonomia del Veneto NON C’ENTRA PER NIENTE !!!
    WSM

Leave a Comment