SPAGNA: LA CENTRALE NUCLEARE NON CHIUDE PER ALTRI 6 ANNI

di REDAZIONE

La centrale nucleare di Garona (Burgos), per la quale era stata fissata la chiusura al prossimo 6 luglio, ha ottenuto l’autorizzazione a continuare le attività per i prossimi 6 anni, secondo la disposizione pubblicata oggi sul Bollettino Ufficiale dello Stato.

La decisione è stata presa dal ministero dell’Industria, dopo che a febbraio il Consiglio per la sicurezza nucleare si era pronunciato a favore di un allungamento della vita dell’impianto nucleare. Nelle motivazioni della risoluzione si sottolinea che, dato l’alto livello di dipendenza energetica della Spagna dall’estero, l’approvvigionamento energetico deve basarsi su una diversificazione delle fonti, utilizzando tutte quelle disponibli.

Durante il 2011, l’elettricità di origine nucleare ha coperto in Spagna il 20% della domanda elettrica. Il settore elettrico registra un deficit accumulato di 24 miliadi di euro e, data la sua struttura, continuerà a generare nuovi disavanzi annuali superiori ai 4 miliardi di euro.
L’impresa Nuclenor, proprietaria della centrale di Garona, ha annunciato nuovi investimenti nell’impianto e la creazione di posti di lavoro. Il Foro dell’Industria nucleare spagnola ha definito “indovinata e coerente” la decisione del governo di prolungare la vita della centrale.

Sul fronte opposto sono insorte le organizzazioni ambientaliste come Greenpeace ed Ecologistas en Accion, che giudicano “temerario” che la centrale di Garona, vecchia di quasi cinquant’anni, continui a funzionare, e hanno annunciato ricorso contro la decisione del governo. Quest’ultimo è accusato di “ignorare” le denunce degli ecologisti, che esigono la chiusura dell’impianto in un ricorso pendente davanti al Tribunale Supremo, ma anche di non fare alcun caso alle indicazioni dell’Ue sui temi di vita delle centrali nucleari.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. FrancescoPD says:

    Per forza che la tengono aperta, devono recuperare i buchi di bilancio aperti con le rinnovabili, d soldi per farne una di nuova non credo che ne avanzino.

Leave a Comment