/

Sovranità, negli Usa il popolo che vuole l’indipendenza vale più della legge…

costituzione usa

 

 

Il Meglio de lindipendenzanuova

luca polocover L'ALTRA EUROPAdi LUCA POLO –  lindipendenzanuova.com ha pubblicato un mio articolo con il quale informavo brevemente circa i punti salienti delle consulenze degli specialisti convocati dal Congresso degli Stati Uniti per informare ed indirizzare l’amministrazione americana riguardo l’evoluzione dei processi di autodeterminazione in atto, con particolare attenzione all’Europa, con il dichiarato intento di definire le strategie della politica internazionale a stelle e strisce (http://www.lindipendenzanuova.com/gli-stati-uniti-si-preparano-alla-nascita-dei-nuovi-stati-europei-piu-che-bruxelles/)

Vorrei ancora una volta porre particolare attenzione soprattutto ad un passaggio dell’esposizione del Prof. Dr. Paul Williams, recentemente riportata e sottolineata, con una direi opportuna enfasi, dallo stesso Jordi Solè (ERC), di fatto l’attuale vice ministro degli esteri catalano:

“(…) È interessante notare che, nonostante l’impatto potenzialmente destabilizzante di questa controversia in corso in Spagnail dibattito giuridico interno può essere in gran parte irrilevante per l’UE se i Catalani alla fine sceglieranno l’indipendenza, cercheranno il riconoscimento internazionale come Stato indipendente basato sulla volontà della gente, non sulle disposizioni della Costituzione spagnolaCome la Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) ha osservato verificando la legittimità della dichiarazione di indipendenza del Kosovo, non c’è alcun impedimento giuridico internazionale contro una entità sub-statale dichiarante l’indipendenza. (…) “

La parte qui sopra evidenziata dovrebbe essere ripetuta come un mantra ogni sera prima di coricarsi da tutte le persone che si occupano di autodeterminazione, così come da parte dei politici veneti, ma anche sardi, lombardi etc.., che pur rivendicando identità ed autodeterminazione nei proclami di piazza, dagli scranni istituzionali invece in realtà continuano a ritenere intimamente, ed a dimostrare nelle dichiarazioni, di non aver ancora lontanamente capito cosa sia e come si eserciti l’autodeterminazione.

Continuano davvero e sinceramente a credere di essere ingabbiati in un labirinto costituzionale senza via d’uscita quando invece la realtà è che la storia recente ci insegna che l’autodeterminazione semplicemente si esercita. Punto. Nulla più e nulla meno di questo. La gabbia costituzionale è solo nella loro testa.scozia

I reports degli esperti americani giungono a spiegare chiaramente “l’uovo di colombo”, quel semplice passaggio logico che i cittadini scozzesi e catalani hanno sedimentato e fatto proprio negli ultimi anni, prima e più efficacemente della loro classe politica: al di là delle disquisizioni giuridiche interne ad uno stato, del tutto ininfluenti all’esercizio dell’autodeterminazione che riguarda solo ed unicamente la volontà di agire dell’agente che intenda autodeterminarsi e nessun’altra parte terza esterna ad esso, gli esperti americani giungevano ad sottolineare come spartiacque il concetto di “sovranità guadagnata”.

Ovvero, indipendentemente dall’inutile ed inconcludente dibattito sulla “legalità interna”, la vera discriminante per la più grande potenza economica, militare e politica mondiale, affermano gli specialisti americani convocati ed interpellati dal Congresso, sarà la capacità di “guadagnare la sovranità”, ovvero sarà la volontà politica di autodefinirsi entità diversa dallo stato cui oggi si appartiene, perché quella sarà la discriminante per porre all’attenzione dell’amministrazione americana la decisione di riconoscere la nuova entità-stato.

All’America interessa poco o niente del dibattito interno ad uno stato, della volontà o meno di una comunità di autodeterminarsi, della forma del processo di autodeterminazione che si intende applicare. L’America, dicono i suoi massimi esperti, prende in considerazione coloro capaci di “guadagnare la sovranità”.

Gli specialisti inoltre ribadiscono il fatto che i paesi europei nella maggioranza dei casi hanno riconosciuto i nuovi stati che abbiano dimostrato la volontà politica di guadagnarsi la propria sovranità, e tutto ciò non ha nulla a che vedere con il fatto che le costituzioni degli stati a cui prima appartenevano lo contemplasse o meno.

Continuiamo purtroppo ad ascoltare ed a leggere affermazioni da esponenti politici dell’area “identitaria” che rivelano il fatto che queste semplici nozioni non sono affatto acquisite. Rileviamo affermazioni falsate dalla stampa spagnola, inglese, italiana etc.. prese tout court come oro colato quando ciò che raccontano e rilevano i protagonisti dei processi di autodeterminazione affermano cose spesso agli antipodi.cata2

Le cose sono frequentemente molto diverse da come le raccontano i grandi media, schierati a difesa degli stati sovrannazionali e dei loro interessi, o meglio degli interessi delle lobby che questi stati difendono.

Ecco perché ho collaborato con l’amica Stefania Piazzo ed il suo giornale. Credo sia ora di raccontare i fatti dal punto di vista dei diretti interessati, senza i filtri dei grandi media che ci riportano le notizie spesso tanto “interpretate” da ribaltare del tutto la realtà.

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. E pensare che Thomas Jefferson venne a Venezia per capire come si reggevano le istituzioni Venete di allora per avere spunti per scrivere la Costituzione degli U.S.A.. Questa è storia !!!
    Credo che i Popoli siano assolutamente sovrani di sé medesimi solo che lo vogliano o lo pretendano da coloro che li usano solo per aver i voti. In Italia non siamo mai stati governati !!!
    Al contrario siamo sempre stati illusi, tartassati, dimenticati, etc…etc..etc…
    WSM

  2. Gli USA così sono nati e sono l’esempio più eclatante… impariamo la lezione: un popolo è nel suo diritto di affermarsi in quanto tale! I sovranismi esisteranno sempre ma saranno sempre in bilico di fronte ai popoli che sono determinati a prendersi il diritto di autogestirsi… ed è civiltà evoluta riconoscerlo, mentre è sopraffazione inaccettabile reprimerlo..

  3. Insomma il popolo non e’ mai stato e mai lo sara’ sovrano sebbene ci siano un frakax di intellighentis che tentano di metterlo in cima, sul podio. Gia’, come nei tribunali taliani che in nome del popolo assolvono o condannano. Ipocritamente.
    Mi vengono solo conati se continuo sul tema…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Brunella: appendono lo striscione "Non si tocca l'autonomia". Tranquilli, dei "vostri" non l'ha toccata nessuno

Articolo successivo

Bracalini: l'Europa nella profezia di 130 anni fa. Medioevo senza Rinascimento