SONDAGGIO: LEGA AL MINIMO: 3,5%. PDL PERDE IL 4,5% IN UN MESE

di REDAZIONE

Nonostante i tentativi di Alfano e Berlusconi di ridare vita al partito, il Popolo delle Libertà non arresta la sua discesa perdendo in un mese 4,5 punti e fermandosi al 18,5%. Anche la Lega perde terreno, risentendo del caso Belsito e raggiungendo il minimo storico, il 3,5%. Calma piatta invece nel Terzo Polo dove l’Udc stagna all’8% e Fli perde mezzo punto. Anche il Pd scivola indietro passando dal 26% al 24,5%. Guadagnano qualcosina Sel, dal 6,5% al 7%, mentre l’Idv arretra all’8%. Ma il dato più sconcertante riguarda ancora una volta l’astensione che ha raggiunto quota 49,8. Significa che se si andasse a votare domani un italiano su due rimarrebbe a casa.

Non basterà un grande leader per convincere gli elettori a spostarsi dall’area del non voto e vincere le elezioni. Secondo la rilevazione di Tecnè Italia ”Monitor politico maggio 2012”, la grande maggioranza degli elettori in uscita dalle coalizioni che si erano presentate alle politiche del 2008, non sceglierebbe un’opzione politica diversa, ma tenderebbe a collocarsi prevalentemente nell’area del non voto e dell’indecisione. ”Per ricucire il legame con i nuovi cittadini- spiega Carlo Buttaroni- meno sensibili al richiamo ideologico, occorre rovesciare i paradigmi che hanno ispirato le scelte dei partiti negli ultimi anni, puntando sulla realizzazione di reti orizzontali piuttosto che su intelaiature verticali, portando la politica nei luoghi, anziché i luoghi alla politica”.

Fonte originale: affaritaliani.libero.it

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

10 Comments

  1. Carol W. says:

    Se bossoli parla ancora 2-3 volte vanno sotto zero. Ogni volta che apre bocca vanno sotto di -1. Vai cosi bossoli che la prossima riunione a pontida ci sara’ lo spargimento delle ceneri della liga.

  2. Arcadico says:

    Non tutto il male vien per nuocere!

    Alla perdita di credibilità giudiziaria e governativa ( cose dette e mai fatte) si è sommata la deriva partitocratica!

    Nel tempo opportunisti, carrieristi, scambisti sono saliti sul carro(ccio) che correva: Non è che non ve ne fossero di iniziali ma l’entusiasmo della base stemperaval’opacità di questi personaggi!

    Ora finalmente è al bivio: o riesce aliberarsi di questi pesi morti o la porteranno sempre più giù!

    A noi ex elettori non resta che stare alla finestra ad osservare se si è rifatta solo la facciata o si ricostruiranno i pilastri portanti!!

    Il conto alla rovescia è cominciato!!

    Non SOLO dovranno farlo!

    Ma dovranno farlo in modo CREDIBILE!!

    Il stiamo uniti o ci disfiamo puzza di opportunismo lontano un miglio!!

    E con l’opportunismo non si va da nessuna parte!!

    Coraggio: fuori le mele marce!!

  3. gigi ragagnin says:

    ancora un po’ di pazienza. alle elezioni del 2013 sarà
    1,5%.

  4. Francesco W says:

    Ci tengo a precisare che Tecné fa dei sondaggi ai quali non crede nessuno. Pensate che dà Grillo ancora all’8% e che, quando a gennaio la Lega era per tutti i sondaggisti al 9-11%, Tecné la dava al 6%! Non so di quali sondaggi ci si possa fidare, ma di certo quelli di Tecné sono i meno attendibili. Pubblicarli qui per fare effetto (senza pubblicare per esempio SpinCon che questa settimana ha dato la Lega al 6,8% o tutti gli altri che la danno tra il 4,5 e il 6) non fa onore al giornale.

  5. robertello says:

    Ho rifatto i conti e in realta’ siamo al 3,6! Quindi previsione sbagliatissima!!!
    Ma avete visto piuttosto come somiglio in maniera impressionante al protagonista di Sensualità a corte? Davvero bellissimo, sia lui che io! Roby el Cota

  6. matt64 says:

    Se arriviamo al 2,7 % avvisate mi subito che intervengo nella maniera più decisa e mobilito Igor e Carcano. Altrimenti lasciatemi godere questo momento di gloria! Matteo.

Leave a Comment